Corrente artistica Arte Informale

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa

 

 
 

 

 

 

 
Corrente Arte Informale

Arte Informale

 

Corrente artistica

 

 

 

 

Cos'é L'Arte Informale


Con il termine Arte informale si definisce una serie di esperienze artistiche, sviluppate in Europa, America e Giappone, caratterizzata dal rifiuto di qualsiasi forma, figurativa o astratta, costruita secondo canoni razionali, rapportabili alla tradizione culturale precedente.

Il termine informale fu coniato in Francia negli anni Cinquanta per indicare la tendenza verso un nuovo modo di creare immagini senza il ricorso alle forme riconoscibili, precedentemente usate, come il Cubismo e l'Espressionismo.

Ma già tra il 1910 e il 1945 pittori europei trasferiti a New York (Masson, Duchamp, Kandinskij, Mondrian ed Albers) stavano orientando in questo senso il gusto pittorico.


Corrente Arte Informale - Jean Dubuffet
Corrente Arte Informale - Jean Dubuffet
 


Corrente Arte Informale - Hans Hartung
Corrente Arte Informale - Hans Hartung
 

Le ragione dell'Arte Informale

Le ragioni profonde di tale rifiuto derivano dal disagio degli artisti di fronte all'immane tragedia della seconda guerra mondiale e al disinteresse per l'umanità ed il suo mondo che ha permesso tale orrore.

Il rifiuto della "forma" era già un concetto dell'Arte Astratta,  dell'Action painting, del Tachisme, dell'Espressionismo astratto, più altri movimenti che ritraevano gli oggetti senza rispettarne le forme ed i colori, attingendo solo alla visione o immaginazione dell’artista, ma rimanendo pur sempre forme.

Gli artisti riconducibili a questa tendenza hanno dato origine a opere estremamente diversificate, ma spesso caratterizzate da libere pennellate e densi strati di colore, segni e metodi all'insegna dell'improvvisazione, in modo che l'evento artistico, svuotato da qualsiasi residuo valore formale, si esaurisca con l'atto stesso della sua creazione.

Le correnti nell'Informale

Oggi s'individuano, nell’ambito dell’Informale, due correnti principali: l’informale gestuale e l’informale materico.

A queste due tendenze devono essere aggiunti altri due segmenti: lo spazialismo e la pittura segnica.

Alcuni componenti della Corrente Informale realizzano una pittura d'azione in cui il colore è steso con gesto istintivo, quasi violento. Altri artisti inventano la pittura segnica, fatta di motivi e segni che si richiamano a caratteri di scritture inventate, altri ancora realizzano la pittura materica, eseguita con particolari impasti o accostamenti di materiali eterogenei.


Corrente Arte Informale - Alberto Burri
Corrente Arte Informale - Alberto Burri


Corrente Arte Informale - Emilio Scanavino
Corrente Arte Informale - Emilio Scanavino

L'Informale Gestuale - Action painting

L’informale gestuale, definito anche "action painting", proviene dagli Stati Uniti, e coincide di fatto con l’espressionismo astratto.

Suo maggior rappresentante è Jackson Pollock.
La sua tecnica pittorica consisteva nello spruzzare o far gocciolare i colori sulla tela senza alcun intervento manuale.

Le immagini così ottenute si presentano come un caotico intreccio di segni colorati, in cui non è possibile riconoscere alcuna forma.

I quadri informali sono pertanto la negazione di una conoscenza razionale della realtà e la rappresentazione di un universo caotico, unica testimonianza dell’essere e dell’agire.

In ciò si lega molto profondamente alle filosofie esistenzialistiche di Jean Paul Sartre, di Maurice Merieau Ponty ed Albert Camus, piene di pessimismo ed angoscia, testimonianti il vuoto di certezze e di fiducia nella ragione umana.

Il "Farsi" dell'Arte Informale

Nell’Informale di gesto il risultato che si ottiene è del tutto automatico: deriva da gesti compiuti secondo movenze in cui la gestualità parte dalla liberazione delle proprie energie interiori.

Nel "gesto" non v'è alcun momento cosciente, che cerchi di razionalizzare o spiegare ciò che proviene dall’inconscio.
 
Uno dei grandi fascini di quest’arte risiede proprio nel suo "farsi". Da essa derivano tutte quelle esperienze successive, quali il comportamentismo, la body art o le performance, in cui il risultato estetico non risiede più nell’opera compiuta, ma solo nel vedere l’artista all’opera.

Tra i principali artisti americani dell’action painting ricordiamo, oltre a Pollock, Willem de Kooning e Franz Kline.


Corrente Arte Informale - Josef Albers
Corrente Arte Informale - Josef Albers


Corrente Arte Informale - Marcel Duchamp
Corrente Arte Informale - Marcel Duchamp

L'Informale materico

L'Informale di materia è la tendenza che maggiormente si manifesta in Europa.
 
Con l’Arte Informale i pittori si appropriano della problematica del contrasto o prevalenza della materia sulla forma, che aveva già interessato Michelangelo.
 
L’Arte Informale Materica inizia nello stesso anno in cui Pollock inventa l’action painting: il 1943.

Protagonista è il pittore francese Jean Fautrier, che, rifacendosi alle esperienze del Cubismo sintetico di Picasso e Braque ed alle ricerche surrealiste di Max Ernst, inserisce nei suoi quadri materiali plastici che emergono dalla superficie del quadro.

In tal modo rompe il confine tra immagine bidimensionale e immagine plastica, proponendo opere che non sono più classificabili nelle tradizionali categorie di pittura o scultura.

I Materiali dell'Arte Informale materica

Agli intrinseci valori espressivi dei materiali si rivolgono alcuni artisti informali europei: tra essi emergono soprattutto il francese Jean Dubuffet, lo spagnolo Antoni Tápies  e l’italiano Alberto Burri (1915-1995).
 
Burri, in particolare, propone opere dalla singolare forza espressiva, ricorrendo a materiali poveri: legni bruciati, vecchi sacchi di juta, lamiere e plastica.

Dopo aver debuttato come pittore figurativo,  Burri passa attraverso l'astrattismo per approdare alla pittura Informale diventando una delle figure più rappresentative con Renato Birolli,  Mario Ballocco, Giuseppe Capogrossi, Ettore Colla, Emilio Vedova, Giuseppe Santomaso, Edmondo Bacci, ma soprattutto con Tancredi Parmeggiani.

Le opere più note di Alberto Burri sono le serie dei "Crateri", delle "Ferite", delle "Combustioni", dei "Sacchi", dei "Legni", dei "Ferri" e delle "Plastiche".


Corrente Arte Informale - Jackson Pollock
Corrente Arte Informale - Jackson Pollock


Corrente Arte Informale - Henri Michaux

Corrente Arte Informale - Henri Michaux
 

Arte informale e le scelte degli artisti

Poiché le superfici rugose ed irregolari richiamano alla mente sensazioni di spiacevolezza o di conflitto, mentre le superfici morbide e levigate inducono più facilmente a sensazioni di dolcezza e di serenità, l'artista, nella sua scelta e in quella degli accostamenti tra materie diverse, esprime la propria energia creativa.
 
La materia si trova quindi in primo piano: un sacco, un rottame d'acciaio, un morbido pezzo di gomma, una fredda luce al neon, una scheggia di vetro, altro non sono che altrettanti atti artistici.

In questo senso l'arte diventa soprattutto scelta e questa nuova visione ne allarga il campo praticamente all'infinito.

Tutto può diventare arte, così come è possibile che nulla effettivamente lo sia.

Spazialismo

Lo Spazialismo è una corrente non uniforme, che ha come rappresentanti due artisti: il milanese Lucio Fontana e il russo (ma naturalizzato americano) Marc Rothko.

Le loro opere possono ricondursi all’Informale per la comune assenza di "forme", ma la loro ricerca ha per fine risultati diversi da quella degli altri artisti informali.

Con le loro opere mirano a suggerire effetti spaziali del tutto inediti. Fontana ricorrendo a buchi e tagli prodotti nelle tele, Rothko ricorrendo alle stesure di colori secondo macchie di sottile variazione tonale.

Queste applicazioni nell'ambito pittorico hanno la capacità di suscitare atmosfere immateriali e non terrene, proponendo una nuova visione di spazi, oltre lo spazio naturalmente percepito.


Corrente Arte Informale - Jean Fautrier
Corrente Arte Informale - Jean Fautrier


Corrente Arte Informale - Robert Motherwell
Corrente Arte Informale - Robert Motherwell
 

Pittura segnica

La pittura segnica è un’altra versione dell’Arte Informale, anche se da questa si differenzia per la mancanza di un netto rifiuto della forma.
 
Nelle opere degli artisti che utilizzano la pittura segnica, la forma, benché non del tutto assente, tende a trasformarsi in "segno", cioè in un elemento grafico che sia riconoscibile dal punto di vista formale, ma non nel suo contenuto.

Gli artisti che si esprimono attraverso la Pittura Segnica tendono a costruire nuovi alfabeti visivi, non concettuali, in cui è evidente la componente calligrafica.
 
Tra gli artisti più significativi di questa tendenza sono da citare l’italiano Giuseppe Capogrossi, il francese Georges Mathieu e i tedeschi Wols (pseudonimo di Wolfgang Schultze) e Hans Hartung.

Aer Brut

Il pittore francese Jean Dubuffet (1901-1985), le cui opere principali sono: "Così vanno le cose" e "Les Mires", conia il termine "Aer Brut" per definire la produzione artistica di persone prive di formazione, che vivono ai margini della società o sono internate in ospedali psichiatrici.

Gli autori di opere classificabili come aer brut, totalmente autodidatti ed estranei ai circuiti dell'arte tradizionale, utilizzano un linguaggio figurativo personale, esprimendo un mondo dell'immaginario del tutto individuale, sovente sconcertante e assimilabile all'arte Informale.


Corrente Arte Informale -  Wassili Kandinskij
Corrente Arte Informale - Wassili Kandinskij
 


Corrente Arte Informale -  Piet Mondrian

Corrente Arte Informale - Piet Mondrian
 

La Filosofia dell'Arte Informale

La gestualità insita nel tracciare il segno, nello stendere il colore, nell'incidere, graffiare, tagliare, ferire o bucare la materia, non risponde ad una volontà dell'artista di rappresentare alcunché, ma è l'opera che, ribaltando il vecchio rapporto, vuole essere "altro" dalla realtà che la circonda, vuole essere realtà indipendente essa stessa, testimone del fare e dell'essere dell'artista.

La materia appare quale realtà completamente autonoma, oggetto-soggetto di un'arte autosufficiente in sé, che si presenta in primo piano, eliminando qualsiasi rappresentazione che non sia quella di sé stessa in tutte le sue caratteristiche di fisicità spazio-temporale.
 


Willem de Kooning (1904-1991) è un altro grande interprete della stagione dell'Action Painting americana, che, nel gesto della mano che dipinge, rovescia sulla tela le energie interne, opera incidendo però su tracce di figure.

Attraverso una tecnica aggressiva, il pittore si accanisce su frammenti di un corpo deformando,  sfigurando e rendendo irriconoscibile l'unica parte del reale che permane nelle sue opere.

Alcune opere famose dell'artista irlandese Willem de Kooning sono  "Luce d'agosto", 1946; "Donna I", 1950-52; "Porta sul fiume", 1960.


Corrente Arte Informale - Willem  de Kooning
Corrente Arte Informale - Willem de Kooning
 


Corrente Arte Informale - Franz Kline
Corrente Arte Informale - Franz Kline


Altro esponente di rilievo della cerchia newyorchese è Franz Kline (1910-1962), che a partire dagli anni Cinquanta definisce il suo lavoro attraverso grandi sigle grafiche, realizzate con gesto ampio, tracciato a pieno braccio col segno pesante di una pennellata nera su fondo bianco (il bianco e nero per Kline "contano come se fossero colori").

In tutte le poetiche del segno e del gesto, palesemente evidenti sono le caratteristiche di denuncia, di rifiuto e di protesta dell'artista.

La creazione di un nuovo alfabeto, di una nuova scrittura, di una nuova arte, che rifiuta il valore di ogni precedente conoscenza, dà vita alla "negazione del mondo", una "iconografia del no" (Argan) ed una identificazione del segno con la propria sofferenza esistenziale di cui si fa diretta trascrizione.

 

Torna a indice Arte

Torna a indice Correnti

 

Vai all'indice di tutti gli artisti (85 pagine in ordine alfabetico)

 

 

 

Libri sul tema Arte Informale

informale. Arte e politica

L'informale. Arte e politica
Godani Paolo, 2005, ETS

Informale, oggetto, comportamento. Vol.

Informale, oggetto, comportamento. Vol. 1: La ricerca artistica negli anni '50 e '60.
Barilli Renato, 2006, Feltrinelli

Arte contemporanea. Dall'informale alle

Arte contemporanea. Dall'informale alle ricerche attuali 
Poli Francesco, Bernardelli Francesco, 2007, Mondadori

Informale, oggetto, comportamento. Vol.

Informale, oggetto, comportamento. Vol. 2: La ricerca artistica negli anni '70.
Barilli Renato, 2006, Feltrinelli

Informale. Jean Dubuffet e l'arte europe

Informale. Jean Dubuffet e l'arte europea 1945-1970 
2005, Skira

Mandelli e Arcangeli insieme verso l'inf

Mandelli e Arcangeli insieme verso l'informale
Canella Leonardo, 2005, Pendragon

Arte moderna. Dal Postimpressionismo all

Arte moderna. Dal Postimpressionismo all'Informale
2007, Mondadori Electa

Dal Romanticismo all'informale. Lezioni

Dal Romanticismo all'informale. Lezioni accademiche 1970-71
Arcangeli Francesco, 2005, Minerva Edizioni (Bologna)

Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'i

Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'informale al neo-oggettuale 
Dorfles Gillo, 2001, Feltrinelli

Turner Monet Pollock. Dal Romanticismo a

Turner Monet Pollock. Dal Romanticismo all'Informale. Omaggio a Francesco Arcangeli. Catalogo della mostra (Ravenna, 19 marzo-23 luglio 2006). Ediz. inglese
2006, Mondadori Electa

Dal divisionismo all'informale. Tradizio

Dal divisionismo all'informale. Tradizione, visionarietà e geometria nell'arte in Piemonte 1880-1960. Catalogo della mostra (Acqui Terme, 2001)

 

L'informale. Stati Uniti Europa Italia
Pasini Roberto, 2004, CLUEB

Ezio Gribaudo. Le stanze delle meravigli

Ezio Gribaudo. Le stanze delle meraviglie. Dall'informale ai «Bianchi» ai «Teatri della Memoria» 
2008, Silvana

Turner Monet Pollock. Dal Romanticismo a

Turner Monet Pollock. Dal Romanticismo all'Informale. Omaggio a Francesco Arcangeli. Catalogo della mostra (Ravenna, 19 marzo-23 luglio 2006) 
2006, Mondadori Electa

 

Arte astratta e informale in Italia (1946-1963)
Sega Serra Zanetti Paola, 1994, CLUEB

Edoardo Devetta, dall'iconismo all'infor

Edoardo Devetta, dall'iconismo all'informale nella Trieste del secondo dopo guerra
2003, Comunicarte

Francesco Somaini. Il periodo informale

Francesco Somaini. Il periodo informale 1957-1964. Catalogo della mostra (Roma, 20 settembre-25 novembre 2007) 
2007, Mondadori Elect

Informal Venice. Ediz. italiana e ingles

Informal Venice. Ediz. italiana e inglese
Cusumano Stefano, Pestriniero Renato, 2008, Vianello Libri

Chersicla. Dall'informale alle muse ener

Chersicla. Dall'informale alle muse energetiche. Catalogo della mostra (Trieste, Civico museo Revoltella, 6 dicembre 1997-25 gennaio 1998) 
1997, Mondadori Electa

 

Il barocco informale di Sergio Scatizzi. Catalogo della mostra (Firenze, 22 settembre-20 novembre 2009) 
2009, Sillabe

Post-informale in Europa

Post-informale in Europa
Ruberti Ugo, 1991, Leonardo Arte

Convivia. Rivista di arte, cultura e inf

Convivia. Rivista di arte, cultura e informazione
2007, Ananke  

Per una ricerca completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: