Comunicati

Storia Cena in Emmaus

La cena di Emmaus

La storia è tratta da un passo del Vangelo di Luca che racconta un fatto accaduto dopo la morte in croce di Cristo; il Sepolcro è stato trovato vuoto dalle donne, la domenica mattina ed i discepoli di Gesù sono sconvolti.

Qualcuno parla di apparizioni di Gesù, tornato a manifestarsi ad alcuni di loro, (vedi l’episodio di Noli me tangere) ma l’incredulità, lo scetticismo e la paura prevalgono.

L’episodio della Cena si verifica alcuni giorni dopo, ad Emmaus, un piccolo villaggio a sole sette miglia da Gerusalemme.

Qui due tristi pellegrini, discepoli del Nazzareno, incontrano un viandante. Parlano, camminano. Gli raccontano della loro tristezza, dei fatti accaduti da poco a Gerusalemme, della loro sorpresa per il fatto che il loro maestro, Gesù, sul quale avevano posto le loro speranze per il “nuovo Regno”, sia morto in croce.

Solo più tardi, durante la cena, i due, guardando il viandante spezzare il pane, lo riconoscono dal gesto: è il loro maestro tornato uomo.

Storia della Cena in Emmaus

Storia della Cena in Emmaus

Quando lui, come era comparso, scompare, i due restano a domandarsi come abbiano potuto essere così ciechi ed ora, sedute tra gli apostoli, raccontano di aver visto Gesù vivo e di non averlo riconosciuto

Il Vangelo continua così: ” Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: “Pace a voi!”.
Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma.

(pubblicita’ ads A1)

Ma egli disse: “Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore?

Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho”.

Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi.

Ma poiché per la grande gioia ancora non credevano ed erano stupefatti, disse: “Avete qui qualche cosa da mangiare?”.

Storia della Cena in Emmaus

Gli offrirono una porzione di pesce arrostito, egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Poi disse: “Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi”.

Allora aprì loro la mente all’intelligenza delle Scritture e disse: “Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme”.

L’episodio evangelico divenne uno dei temi trattati da molti pittori dal XVI secolo a cominciare dal Durer nel nel 1511, seguito dal Pontormo nel 1525 nella tela dipinta per il refettorio della Foresteria della Certosa di Firenze, ora conservata presso la Galleria degli Uffizi, seguito da Tiziano con la “Cena in Emmaus” del 1545, adesso al Museo del Louvre.

Ma la cena più famose è quella che Caravaggio dipinse nel 1606, di una semplicità, ma allo stesso tempo di una forza assolute.

Storia della Cena in Emmaus

Caravaggio illustra l’attimo del riconoscimento di Cristo risorto da parte dei pellegrini che lo avevano incontrato per strada ed invitato a cenare con loro, i volti dei discepoli sono in ombra, tutto si concentra su Cristo, sul suo gesto, ma grazie al sapiente uso della luce e delle espressioni del corpo, si capisce che tutto è già stato svelato e la sorpresa è grande

La meraviglia degli astanti fa sobbalzare sulla sedia quello di sinistra, reso dal pittore con eccezionale realismo, mentre quello di destra, a braccia aperte, mima la croce.

Il realismo del pittore si spinge a dipingere un cesto di frutta, in bilico sull’orlo della tavola, il vino, forse simbolo del sangue di Cristo, ed un pollo con le zampe dritte e annerite, simbolo di morte.

In piedi l’oste incuriosito la cui ombra fa da aureola al Cristo particolarmente giovane.

Torna all’indice Temi religiosi 


Galleria tematica dipinti della Cena in Emmaus


jacopo bassano emmaus
Jacopo Bassano



jacopo_bassano cena a emmaus
Jacopo Bassano



pascal dagnan bouveret cristo e discepoli a emmaus_1896
Pascal Dagnan Bouveret



rembrandt cena a emmaus
Rembrandt


(F1)

caravaggio cena_in_emmaus_1601
Caravaggio

caravaggio cena_in_emmaus_1606
Caravaggio

diego_velazquez_cena_da_emmaus_1620
Diego Velazquez

paolo_veronese cena_a_emmaus_1560
Paolo Veronese

tiziano_vecellio_cena_a_emmaus
Tiziano Vecellio


4 thoughts on “Storia Cena in Emmaus

  1. I have seen that now, more and more people are increasingly being attracted to cams and the issue of taking pictures. However, to be a photographer, it’s important to first invest so much of your time deciding which model of camera to buy in addition to moving store to store just so you might buy the lowest priced camera of the trademark you have decided to choose. But it isn’t going to end generally there. You also have to contemplate whether you can purchase a digital camera extended warranty. Thanks for the good guidelines I accumulated from your blog site.

  2. Thanks for sharing most of these wonderful threads. In addition, the best travel in addition to medical insurance system can often eliminate those worries that come with traveling abroad. Some sort of medical emergency can rapidly become costly and that’s bound to quickly decide to put a financial load on the family’s finances. Setting up in place the suitable travel insurance package prior to setting off is worth the time and effort. Thanks

  3. I might also like to express that most individuals that find themselves devoid of health insurance are typically students, self-employed and people who are without a job. More than half with the uninsured are really under the age of Thirty-five. They do not really feel they are in need of health insurance since they’re young along with healthy. The income is typically spent on real estate, food, plus entertainment. Some people that do represent the working class either complete or in their free time are not supplied insurance by their jobs so they move without due to rising valuation on health insurance in the us. Thanks for the thoughts you talk about through this website.

  4. I have figured out some important matters through your blog post post. One other thing I would like to convey is that there are numerous games available and which are designed especially for toddler age young children. They involve pattern recognition, colors, animals, and shapes. These typically focus on familiarization as opposed to memorization. This keeps children occupied without sensing like they are studying. Thanks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scorrere Verso L'alto