Comunicati

Corrente artistica Installazione artistica

Storia e definizione della corrente delle “Installazioni artistiche”

Che cos’è una “installazione artistica”?

Un’installazione artistica è un’opera d’arte visiva tridimensionale, spesso creata per un luogo specifico e progettata per cambiare la percezione dello spazio.

Il termine “installazione”, che apparve negli anni ’70, si applica generalmente alle opere create per spazi interni, come gallerie o musei.

Le opere all’aperto sono più spesso chiamate “arte pubblica“, “land art” o, in altre parole, il lavoro di artisti che intervengono in un ambiente e vi mettono il loro “marchio”, come faceva Christo, per esempio.

Detto questo, un pezzo per esterni può certamente essere considerato una sorta di “installazione”, ma, in genere, l’arte dell’installazione si trova più spesso in uno spazio al coperto, che è più semplice da comprendere per uno spettatore.

L’installazione, una volta costruita, è spesso espressa in un ambiente tridimensionale realizzato all’interno di una stanza, in cui l’artista include l’ambiente come parte dell’opera, o altri fattori, che distinguono il suo lavoro dal semplice appendere un’opera a due dimensioni.

(pubblicita’ ads A1)

L’opera 3-D viene dunque messa in un contesto e si avvale del fuori-campo, una dimensione che non è immediatamente visibile alla persona che sta guardando.

In sintesi, un’installazione può essere:

– mobile (o montabile);
– permanente (o fissa);
– effimera (o temporanea).

L’installazione può spesso essere assimilata a una sculturama non può essere ridotta ad essa.

Specificità: alcune installazioni sono progettate per un determinato luogo espositivo.

Interazione: in alcuni casi, il pubblico è portato a interagire con l’installazione o anche con l’artista stesso.

La distanza tra il pubblico e l’opera è più o meno abolita; in alcuni casi c’è partecipazione, il pubblico penetra nel perimetro proprio dell’opera, generando nuovi tipi di relazioni tra creazione, creatore e spettatore.

Scenografia: alcune opere invitano ad un percorso e propongono diversi stadi o sequenze sensoriali.

installazione artistica

A questo punto è inevitabile una domanda: qual è esattamente lo scopo dell’opera?

E’ per creare divertimento per lo spettatore che vive l’arte, o è semplicemente per provocarlo, mostrandogli qualcosa che non si sarebbe mai aspettato di vedere?

Come probabilmente saprai, se ti piace l’arte, devi anche essere consapevole che ci sono quelli a cui semplicemente non piace l’arte e, in particolare, l’arte che non è estremamente facile da capire a prima vista.

L’arte che sfida lo spettatore, che spesso può essere una installazione (ma non solo), può suscitare sentimenti di forte antipatia o confusione da parte della persona che ne è testimone.

Questo fa sorgere la domanda: “Ma allora cosa rende una buona installazione anche “artistica”?

Sicuramente non tutta l’arte dell’installazione è creata con gli stessi criteri, proprio come qualsiasi altro tipo di output creativo.

Non ci sono standard? E’ tutto puramente soggettivo?

Il professor Jennifer Gonzalez dell’Università della California, ha studiato a fondo l’arte dell’installazione e ha persino scritto un libro intitolato “Subject to Display: Reframing Race in Contemporary Installation Art”.

Jennifer offre il seguente spunto di riflessione: “Come ogni forma d’arte, la buona arte dell’installazione trasforma il modo in cui vediamo, sentiamo o pensiamo”.

Certo, tutti vedono l’arte in modo diverso.

Alcune persone non si sentono a proprio agio nello sfidare o provocare i propri pensieri, i propri schemi mentali.

Tuttavia, supponendo che tu voglia capire meglio l’arte dell’installazione, facciamo un viaggio indietro nel tempo.

Vedremo ora la storia dell’arte dell’installazione e un contesto su come questo sotto-genere d’arte (spesso frainteso) è nato.

Storia dell’installazione artistica

Il termine “installazione” è relativamente nuovo nel suo uso e nella sua definizione come concetto artistico.

Nel 1958, l’artista Allan Kaprow parlava dell’ambiente per descrivere le sue produzioni, che consistevano nella creazione di una stanza che richiedeva l’intervento o la presenza dello spettatore e il luogo come una sorta di avvenimento, successivamente descritto come “spettacolo”.

Nello stesso anno, l’artista francese Yves Klein invita il pubblico a visitare lo spazio della galleria Iris Clert a Parigi per presentare la sua ultima opera, “Exposition du vide”: pavimento, soffitto e pareti dipinti di bianco, tutti illuminati da una luce bluastra.

Dimensioni giocose, partecipative e mobili sono già presenti in queste opere d’avanguardia.

Col senno di poi, gli artisti contemporanei stessi fanno parte di una genealogia che, a cavallo degli anni 1920, vide la comparsa di alcuni artisti (soli o in gruppi) in grado di organizzare, presentare e mettere in scena le loro produzioni in modo anticonformista.

I teorici dell’arte collocano questo fenomeno nel contesto di movimenti come il dadaismo e il surrealismo: ad esempio, Marcel Duchamp, che è il progettista dell’Esposizione internazionale del surrealismo alla Galerie des Beaux-Arts di Parigi, o la Merzbau di Kurt Schwitters, due artisti che, tuttavia, hanno lavorato nel segreto dei loro laboratori.

Nel 1969 il pubblico scopre “Dato”, l’ultimo lavoro di Duchamp, iniziato nel 1946 e completato nel 1968: l’artista lo ha descritto come una “approssimazione smontabile” ed è accompagnato da “una specifica che lo rende, in teoria, rimovibile “.

La prima installazione “effimera”, progettata per essere distrutta dopo una breve mostra, fu realizzata nel 1956 a Barcellona dal poeta catalano Joan Brossa.

In Giappone, il gruppo Gutai si stava esprimendo attraverso spettacoli neo-dadaisti e forme di installazioni.

Nel 1958, Wolf Vostell realizzò un’installazione, The Black Room (Das schwarze Zimmer), ed espose nel 1963 alla Smolin Gallery di New York un’installazione chiamata 6 TV De-coll /age.

A seconda delle loro mode e disposizioni, in un ambiente che ha le sue dinamiche, le installazioni utilizzano mezzi tradizionali come pittura, scultura, fotografia, ma più spesso media più recenti come proiezioni (film, video), suono, illuminazione.

Un artista come Nam June Paik è stato il primo a utilizzare una tecnica mista, combinando televisione, video, suoni e luci in Exposition of Music – Electronic Television alla Parnass Gallery di Wuppertal nel 1963.

Anche gli artisti del gruppo Fluxus e Lettrist si sono espressi attraverso installazioni temporanee, più o meno provocatorie.

All’inizio degli anni ’80, apparvero installazioni interattive visive e sonore, usando mezzi analogici e digitali, come Jean-Robert Sédano e Solveig de Ory.

A partire dagli anni ’90, le installazioni utilizzano strumenti informatici per guidare gli effetti o per formare il mezzo principale, con artisti come Perry HobermanDavid Rokeby o digitali e immersivi con Jeffrey Shaw Maurice Benayoun.

Ora daremo uno sguardo ad alcuni degli artisti di installazione più famosi (e talvolta famigerati) che il mondo abbia visto finora.

(pubblicita’ ads A3)

Artisti installatori famosi che dovresti conoscere

Gli artisti dell’installazione non sono sempre gli artisti più noti che molti studenti di storia dell’arte incontreranno quando studieranno arte, il che è strano, dal momento che l’installazione è una delle affermazioni artistiche più rivoluzionarie e spesso difficile da perdere che possa essere fatta.

Come accennato in precedenza, la distinzione tra quest’arte considerata “arte dell’installazione” e “land-art” si basa sulla dichiarazione degli artisti del proprio lavoro e sulla percezione degli spettatori, dal momento che l’artista chiaramente non sarà presente per guidare l’opinione di ogni spettatore su come definire ciò che stanno vedendo.

L’arte, in altre parole, parla da sé e, in un certo senso, non importa cosa ne pensa lo spettatore.

L’arte dell’installazione è un mezzo così potente perché spesso offre più di due dimensioni, raggiungendo il regno dei media basati sull’esperienza che colpisce in modo diverso da un dipinto o da altri tipi di media.

Il punto di molta arte dell’installazione è quello di esprimere qualcosa di veramente epico, o un sentimento che può essere sentito solo nel mondo o nel contesto di quel particolare pezzo.

L’elenco di artisti di installazione famosi e, in pratica, leggendari non è breve.

Vediamone una per tutti.

installazione artistica yayoi kusama
Yayoi Kusama

Yayoi Kusama

Yayoi Kusama è un’artista contemporanea giapponese famosa per il suo vasto curriculum artistico e per la sua lunga lista di mostre e installazioni permanenti.

Ha iniziato a raggiungere il successo negli anni ’50 ed è ora una delle più famose artiste giapponesi, recentemente è stata inserita nella lista delle 100 persone più influenti dal Time Magazine.

Persona molto colorata nella vita, l’arte di Yayoi immerge lo spettatore in un’esperienza che lo porta ben oltre i limiti dell’ordinario, coinvolgendolo in qualche modo.

Nel 2017, il Museo Hirshhorn di Washington, ha aperto una mostra per celebrare i suoi 50 anni di lavoro e, nello stesso anno, un museo intitolato a lei è stato istituito a Tokyo.

Le sue mostre sono considerate un’esperienza da non perdere.

Più sotto trovi una galleria di opere di installazioni artistiche


Torna all’indice Correnti artistiche 

Foto Installazioni artistiche

installazione artistica di ana soler
Ana Soler

installazione artistica di carta
Opera di carta

installazione artistica di emmanuelle moureaux forest of numbers
Emmanuelle Moureaux: forest of numbers

installazione artistica di emmanuelle moureaux paper art
Emmanuelle Moureaux: paper art

(F1)
installazione artistica di emmanuelle moureaux uniqlo colors knit
Emmanuelle Moureaux: uniqlo colors knit

installazione artistica di feeldesain miler lagos open
Feeldesain Miler: lagos open

installazione artistica di ferruccio laviani geometric art
Ferruccio Laviani: geometric art

installazione artistica di hrafnhildur arnardottir shoplifter Nervescape
Hrafnhildur Arnardottir shoplifter: Nervescape

installazione artistica di kagkatika in old stone house
Kagkatika: in old stone house

installazione artistica lumen
Lumen

installazione artistica di nguyen and kavanaugh
Nguyen and Kavanaugh

installazione artistica di pesci in acciaio
Pesci in acciaio

(F3)
installazione artistica di prismatic modern art
prismatic modern art

installazione artistica di dan steinhilbers unique perspectives
Dan Steinhilbers: unique perspectives

TAG della pagina

ricerca sulla storia del installazione artistica
chi ha inventato installazione artistica
dove nasce installazione artistica
a cosa si ispira installazione artistica
le origini del installazione artistica
quando e dove è nato installazione artistica
cos’è installazione artistica
installazione artistica periodo
installazione artistica riassunto
definizione del movimento installazione artistica
padri fondatori del installazione artistica
caratteristiche del installazione artistica

10 thoughts on “Corrente artistica Installazione artistica

  1. Maу I just say wһat a comfort to discover somebody who truly
    knows what they’re discussing on the net. You definitely know how to
    bring a problem to light ɑnd make it important.
    More peopⅼe ought to check this out and understand this side of the story.
    Ӏ can’t belіeve you are not more popuⅼar given that you most certainlʏ have the gift.

  2. Via my notice, shopping for technology online can for sure be expensive, yet there are some principles that you can use to obtain the best discounts. There are continually ways to obtain discount offers that could help make one to come across the best electronic devices products at the lowest prices. Good blog post.

  3. Do you have a spam problem on this blog; I also am a blogger, and I was curious about your situation; many of us have created some nice procedures and we are looking to trade methods with others, why not shoot me an e-mail if interested.

  4. Thanks for your writing. I would also like to say a health insurance brokerage service also works well with the benefit of the coordinators of your group insurance plan. The health insurance agent is given a list of benefits sought by somebody or a group coordinator. What any broker may is try to find individuals or even coordinators which often best match up those needs. Then he presents his tips and if both parties agree, the actual broker formulates legal contract between the two parties.

  5. These days of austerity along with relative anxiety about having debt, most people balk about the idea of making use of a credit card in order to make purchase of merchandise or pay for a trip, preferring, instead just to rely on the particular tried and also trusted means of making transaction – raw cash. However, if you possess cash on hand to make the purchase entirely, then, paradoxically, that is the best time for you to use the card for several reasons.

  6. Thanks for sharing excellent informations. Your web-site is very cool. I am impressed by the details that you?ve on this web site. It reveals how nicely you perceive this subject. Bookmarked this web page, will come back for extra articles. You, my pal, ROCK! I found just the information I already searched everywhere and just couldn’t come across. What an ideal website.

  7. Some tips i have often told persons is that when you are evaluating a good internet electronics store, there are a few factors that you have to consider. First and foremost, you should really make sure to find a reputable and in addition, reliable store that has got great reviews and classification from other customers and marketplace professionals. This will make sure that you are dealing with a well-known store that delivers good service and aid to it’s patrons. Many thanks sharing your notions on this web site.

  8. I?ll right away grab your rss feed as I can not find your email subscription link or e-newsletter service. Do you have any? Please let me know in order that I could subscribe. Thanks.

  9. One more thing I would like to state is that instead of trying to fit all your online degree lessons on days that you end work (since the majority of people are drained when they get back), try to receive most of your sessions on the week-ends and only 1 or 2 courses for weekdays, even if it means taking some time away from your weekend break. This is fantastic because on the saturdays and sundays, you will be more rested in addition to concentrated on school work. Thanks alot : ) for the different ideas I have discovered from your web site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scorrere Verso L'alto