henri_fantin_latour_009_il_bagno_1892




Biografia e vita di Henri Fantin-Latour (1836 - 1904)

Nato a: Grenoble (Isère, Rhône-Alpes, Francia).
È morto in: Basse-Normandie (Francia).
Conosciuto anche come: Ignace-Henri Jean Théodore Fantin-Latour.
Studente di: Gustave Courbet (1819-1877), Thomas Couture (1815-1879), Horace Lecoq de Boisbaudran (1802-1897).
Marito di: Victoria Dubourg Fantin-Latour (1840-1926) dal 1876.
Amico di: Jean-Baptiste-Camille Corot (1796-1875), Gustave Courbet (1819-1877), Eugène Delacroix (1798-1863), Jean Auguste Dominique Ingres (1780-1867).

Biografia di Henri Fantin-Latour Henri Fantin-Latout nasce a Grenoble il 14 gennaio 1836 da madre russa e padre francese, ritrattista e insegnante di disegno.

La famiglia Fantin-Latour si trasferisce a Parigi nel 1841 e da bambino Henri studia disegno e pastello sotto la guida del padre, poi si perfeziona alla scuola di disegno di Orazio Lecoq de Boisbaudran che applica un suo metodo innovativo basato sulla pittura e il disegno a memoria.

Fantin-Latour studiato con lui per sei anni prima di frequentare nel 1854 l'Ecole des Beaux-Arts con Thomas Couture come insegnante.

Dal 1853 comincia lavorare nello studio di Gustave Courbet e, lasciata la scuola, passa il suo tempo al Louvre copiando quadri di antichi e dove conosce Edgar Degas, Edouard Manet e Berthe Morisot.

Nel 1858 Henri Fantin-Latour stringe amicizia con James McNeill Whistler e con lui e Alphonse Legros, costituisce la Société des trois.

Biografia di Henri Fantin-LatourBenché amico e contemporaneo degli impressionisti, Henri Fantin-Latour non fu mai particolarmente attratto dalle loro ricerche e, pur restandone influenzato, rimase fedele a una pittura realistica.

A differenza dai realisti e dagli impressionisti, al pittore non piace dipingere all'aperto così sceglie come soggetti da ritrarre temi letterari, nature morte e ritratti che potevano essere elaborati nel suo studio.

A Parigi espone al Salon del 1861 e del 1862 con un certo successo, anche se nel 1863 i suoi quadri sono respinti ed è costretto ad esporre nel Salon des Refusés a fianco di Harpignies, Manet, Legros e Whistler.

Le sue nature morte e i ritratti, resi con sfumature ovattate, incontrarono un vivo successo a Londra, dove Fantin-Latour soggiorna più volte invitato da James Whistler, che lo presenta nell'ambiente artistico inglese.

I collezionisti di Londra apprezzano molto le sue nature morte: i suoi quadri di fiori sono considerati il perfetto esempio di arte e molti dei suoi lavori sono esposti in gallerie inglesi.

Henri Fantin-Latour si dedica anche ai ritratti che numerosi mecenati inglesi gli commissionano, ma diventa famoso per i ritratti di gruppi, organizzati un po' alla maniera dei Maestri Olandesi.

Biografia di Henri Fantin-LatourIn "Hommage à Delacroix" ritrae Whistler, Legros, Baudelaire, Champfleury e se stesso; i "Un Atelier a Batignolles" dipinge Monet, Manet, Zola e Renoir.

Nei suoi ultimi anni il pittore dedicato molta attenzione al litografia che aveva sperimentato già nel 1862, quando, in omaggio al compositore Richard Wagner, aveva illustrato la sua musica con litografie che erano state considerate troppo rivoluzionarie per il forte contrasto dei bianchi e dei neri.

Dopo L'Anniversaire in onore di Berlioz al Salon del 1876, il pittore espone regolarmente litografie, dedicate in modo particolare, ai grandi musicisti dell'epoca.

Henri Fantin-Latour aveva sposato, nel 1876, la pittrice Victoria Dubourg, che possedeva una tenuta di campagna a Bure Orne in Basse-Normandie.

Qui tutta la famiglia trascorreva la stagione estiva e qui l'artista muore il 28 agosto 1904 e viene sepolto nel cimitero di Montparnasse a Parigi.






Galleria opere d'arte di Henri Fantin-Latour

slideshow
slideshow

henri_fantin_latour_009_il_bagno_1892
Il bagno (1892)

henri_fantin_latour_002_betsabea_1903
Betsabea (1903)

henri_fantin_latour_007_a_robert_schumann_1893
A Robert Schumann (1893)

henri_fantin_latour_008_diana_e_ancelle_1892
Diana con le ancelle (1892)

(altre opere dopo gli annunci)

Annunci

henri_fantin_latour_005_donna_alla_toilette_1898
Donna alla toilette (1898)

henri_fantin_latour_006_bagnanti_1896
Bagnanti (1896)

henri_fantin_latour_004_venere_e_cupido_1902
Venere e Cupido (1902)

henri_fantin_latour_017_naiade_1896
Naiade (1896)

henri_fantin_latour_015_la_sorgente
La sorgente

henri_fantin_latour_016_ninfe
Ninfe

henri_fantin_latour_014_la_lettura
La lettura

henri_fantin_latour_012_studio_in_Batignolles_1870
Studio in Batignolles (1870)

henri_fantin_latour_013_mademoiselle_de_fitz_james_dett_1867
Mademoiselle de Fitz James dettaglio (1867)

henri_fantin_latour_011_charlotte_dubourg_1882
Charlotte Dubourg (1882)

henri_fantin_latour_001_natura_morta
Natura morta

henri_fantin_latour_003_vaso_di_peonie_1902
Vaso di peonie (1902)

henri_fantin_latour_010_rose_e_altri_fiori_1889
Rose ed altri fiori (1889)



Annunci e Argomenti correlati



Libri sul Classicismo e la Pittura dell'Ottocento

  Classicismo e Romanticismo. Giudizio di un italiano sul secolo suo
Serafini Mario, 2007, Florence Art
  Rinascimento e classicismo. Materiali per l'analisi del sistema culturale di antico regime
1999, Bulzoni
  Classicismo e modernità
Pietrogrande Enrico, 2007, Cortina (Padova)
  Dal classicismo «ordinato» alla rivoluzione spaziale barocca
Manzo Elena, 2004, Edizioni Scientifiche Italiane
  Introduzione al Seicento francese e al classicismo
Corradi Federico, 2006, Nuova Cultura
  Linee del classicismo a Roma nella prima metà del Seicento. La pittura
Gallavotti Cavallero Daniela, 1995, Vecchiarelli 
  Classicismo pittorico. Metafisica, valori plastici, realismo magico e «900»
Fagiolo Dell'Arco Maurizio, 2006, Costa & Nolan
  Romano Romanelli. Un'espressione del classicismo nella scultura del Novecento
Campana Rossella, 1991, Olschki
  L'ideale classico. Arte in Italia tra neoclassicismo e Romanticismo
Mazzocca Fernando, 2002, Neri Pozza
  I macchiaioli e la pittura toscana di fine '800
Savoia Enzo, 2007, Bottegantica
  Le vie del classicismo. Vol. 3: Storia, tradizione, propaganda.
Canfora Luciano, 2004, Dedalo
  Un altro '800. Gusto e cultura in una quadreria oltrepadana. Grandi collezioni alla Ricci Oddi di Piacenza. Catalogo della mostra
2005, Skira
  L'immagine del quotidiano. Letteratura di costume e pittura di genere tra '700 e '800
2000, Edizioni Scientifiche Italiane
  Giacinto Gigante e la pittura di paesaggio in Italia dal '600 all'800
Ortolani Sergio, 2009, Di Mauro Franco
  Dieci anni di attività del Centro Studi sul Classicismo
Cardini Roberto, Regoliosi Mariangela, 2003, Polistampa
  Paesaggi dell'800 verso la luce
2009, Temi
  Il Vittoriano. Scultura e decorazione tra classicismo e liberty
Antellini Simona, 2003, Artemide
  Napoli e i suoi dintorni nelle opere dei vedutisti tedeschi, russi e scandinavi del primo '800. Ediz. numerata
Fino Lucio, 2007, Grimaldi & C.
  Barocco e classicismo
Tapié Victor-Lucien, 1998, Vita e Pensiero
  Le vie del classicismo. Vol. 2
Canfora Luciano, 1997, Laterza