Studio dell'artista (1855)






Biografia e vita di Gustave Courbet (1819-1877)

Conosciuto anche come: Jean-Desire-Gustave Courbet.
Studente di: Antoine-Jean Gros (1771-1835).
Insegnante di: Henri Fantin-Latour (1836-1904), Hector Hanoteau (1823-1890), Olaf Isaachsen (1835-1893) 1861-1862.
Biografia di Gustave Courbet (Ornans, Francia, 1819 - La Tour-de-Peilz, Svizzera, 1877)

Figlio di ricchi contadini, Gustave Courbet nacque il 10 giugno 1819 a Ornans, una cittadina nella regione del Giura, nella Francia orientale. Ebbe i primi insegnamenti artistici nel Petit Séminaire di Ornana dove suo maestro di disegno fu Père Baud, un seguace del pittore neoclassico Antoine Jean Gros.

Nel 1937 Courbet partì per la vicina città universitaria di Besançon: i genitori desideravano che Gustave studiasse legge, ma egli si iscrisse subito all’Accademia, frequentando il corso di M. Flajoulot, un altro esponente del Classicismo.

Due anni dopo Courbet lasciò Besançon per Parigi che intorno alla metà del XIX secolo era diventata, oltre che la capitale europea dell’arte, il luogo di raccolta degli attivisti politici di tutte le tendenze.

Il suo soggiorno parigino ebbe un avvio tranquillo: Courbet frequentava l’atelier di M. Steuben, copiava i dipinti esposti al Louvre e consumava le sue energie nella ricerca del successo al Salon.

I primi tentativi di farsi accettare non furono molto fortunati. Tra il 1841 e il 1847 solo tre dei venticinque lavori da lui presentati passarono il vaglio della commissione esaminatrice.

Biografia di Gustave Courbet
Durante i primi dieci anni trascorsi nella capitale, non vendette quasi nulla, tanto da dover dipendere pressoché totalmente dalla famiglia. Nello stesso periodo Courbet conobbe Virginie Binet, della quale si sa ben poco, tranne che divenne la sua compagna e gli diede un figlio nel 1847. Nello stesso anno, finalmente, uno dei dipinti esposti al Salon attirò l’attenzione di un mercante olandese che invitò Courbet in Olanda e gli commissionò un ritratto.

Nel frattempo, a Parigi, Courbet cominciò a frequentare il poeta Charles Baudelaire, Pierre-Joseph Proudhon, Jules Champfleury e Max Buchon, cugino e amico d’infanzia di Courbet.

Il gruppo si riuniva alla Brasserie Andler nella quale venne coniato il termine Realismo per indicare non solo una poetica artistica e letteraria animata dall’intento di descrivere la vita quale effettivamente è, ma anche una filosofia legata alle istanze sociali del momento.

Biografia di Gustave CourbetNel febbraio del 1848 quella società fu scossa violentemente dallo scoppio dei tumulti per la strade di Parigi. Il re, Luigi Filippo, abdicò e un governo repubblicano provvisorio prese il potere.

 Courbet si schierò con l’insurrezione popolare, anche se prese poca parte alla lotta.

Nella difficile atmosfera politica del momento, il Salon rimase aperto, ma questa volta senza una commissione di ammissione e Courbet ebbe finalmente la soddisfazione di vedere dieci sue opere esposte.

Il nome di Courbet era ormai affermato e nel 1849 il suo grande dipinto "Dopo pranzo a Ornans" vinse una medaglia d’oro e venne acquistato dal governo. Quel premio ebbe una particolare importanza perché esonerò Courbet dalla procedura di ammissione ai successivi Salon. Gustave Coubet godette per poco di questo privilegio, perché stava per esplodere la protesta contro il Movimento Realista.

Biografia di Gustave CourbetNel 1855 Courbet allestì una mostra personale proprio nei pressi di quella pubblica intitolata "Il padiglione del Realismo" che conteneva una grande scelta dei suoi lavori a partire dal 1840.

Questa personale sottolineava il distacco del pittore dalle influenze precedenti, sia nella vita artistica che personale: Virginie Binet lo aveva abbandonato, portando con sé il loro figlio.

Dopo il 1855 Courbet viaggiò moltissimo: a Francoforte fu trattato come una celebrità; a Etretat dipinse con il giovane Monet; tenne mostre in Germania, Belgio, Olanda e Inghilterra; fu insignito di varie decorazioni, le più importanti delle quali furono una medaglia d’oro da Leopoldo II del Belgio e la Croce al merito dell’Ordine di san Michele da Luigi II di Baviera, entrambe conferitegli nel 1869.

Biografia di Gustave CourbetMa parlando di Courbet non si può tralasciare di citarne l'opera comunque diventata la più famosa: L'origine del mondo (del 1866). Si tratta di un dipinto che raffigura i genitali femminili con uno stile pittorico alquanto realista. Durante la sua intera carriera Courbet fece quattro ritratti di Joanna.

Probabilmente lei fu anche la modella che ispirò il quadro L'origine du monde e che potrebbe spiegare la separazione tra Joanna e James McNeill.

L'unico dubbio riguardo questa ipotesi scaturisce dalla differenza del colore tra i capelli di Joanna nel quadro La belle irlandaise che sono di un colore arancione acceso, con i peli pubici raffigurati nell'Origine du monde.

Sembrerebbe comunque che gli esperti del Musée d'Orsay rifiutino tale ipotesi, ritenendola non veritiera.

Nel 1870, alla vigilia della guerra franco-prussiana, gli fu offerta la Legion d’Onore: Courbet la rifiutò altezzosamente, in quanto la considerava un segno dell’interferenza dello Stato nell’Arte; questo gesto fece sì che, quando il governo cadde, Courbet fosse eletto presidente della Federazione degli Artisti Repubblicani.

Accettato come consigliere dell’Assemblea Nazionale, in seguito fu membro della Comune, responsabile della distruzione della Colonna di Place Vendôme, un monumento eretto durante l’Impero napoleonico a glorificazione delle vittorie di Bonaparte, così, quando la Comune cadde, fu arrestato e condannato a sei mesi di reclusione e ad un’ammenda di 500 franchi.

Biografia di Gustave CourbetNel maggio del 1873 il nuovo governo gli ingiunse di pagare la ricostruzione della Colonna Vendôme: il costo era proibitivo e Courbet fu costretto a fuggire dalla Francia, rifugiandosi in Svizzera, a La Tour-de-Peilz, rimanendo in contatto con i dissidenti francesi e continuando a dipingere.

Ammalatosi di idropisia, morì il 31 dicembre del 1877 e fu sepolto nel cimitero locale da dove, solo nel 1919, le sue ceneri furono traslate a Ornans.


Capostipite indiscusso del realismo pittorico francese, Jean-Désiré-Gustave Courbet, si formò da autodidatta, iniziando la propria attività nel solco della tradizione romantica e dedicandosi soprattutto alla copia dal vero e al rifacimento di alcuni dipinti del Louvre.

Ben presto arrivò a rifiutare radicalmente ogni tipo di influenza e di compromissione con tutte le forme d’arte ufficiali e, nonostante sia stato sempre contrario all’insegnamento dell’arte, nel 1861 aprì una propria, singolarissima scuola, in evidente polemica con l’Accademia e le altre scuole d’arte ufficiali.

Courbet era infatti del parere che l’arte non potesse essere appresa meccanicamente, ma che fosse l’individuale risultato dell’ispirazione dell’artista. Per questo motivo, egli non impartiva mai lezioni teoriche, ma consentiva che gli alunni gli stessero accanto mentre dipingeva, al fine di apprendere i segreti del mestiere.

Courbet fu un artista senza mezze misure: la sua sete di realismo aveva radici culturali lontane e la tecnica adottata fu straordinariamente innovativa e personale.

Biografia di Gustave Courbet Nella scelta dei temi l’artista abbandona di colpo qualsiasi riferimento storicistico concentrandosi sui piccoli fenomeni del quotidiano, registrati con l’impersonale distacco di un osservatore oggettivo, ribadendo che il proprio scopo è quello di fare dell’arte viva, esaltando la realtà. Alcune opere in cui emerge questa visione della pittura sono “Lo spaccapietre“, “Atelier del Pittore“, “Fanciulle sulla riva della Senna“.

Il realismo di Courbet non deve indurre a credere che l’artista costruisse i suoi dipinti in modo casuale, al contrario egli dimostra una grande attenzione ai problemi compositivi anche quando la composizione sembra non esistere. Il pittore è attento alla resa realistica fino dalle prime fasi preparatorie, e il disegno assume fin dall’inizio un valore documentativo, per rispecchiare la realtà.

L’equilibrio compositivo e la giustapposizione dei colori vengono studiati con molta attenzione, al fine di riportare la natura ad un massimo di potenza e intensità.

La resa dei particolari rimanda all’immediatezza di Delacroix, preludendo dall’altro alla resa sintetica di Manet.

Courbet apre di fatto la strada alla fervida stagione del Realismo francese, sulla quale si innesterà poi anche tutta la straordinaria esperienza Impressionista.



Courbet: I paesaggi

slideshow
slideshow

Baia con scogliera (1869)
Baia con scogliera (1869)

Barche da pesca sulla spiaggia
Barche da pesca sulla spiaggia
di Deauville (1866)

Tramonto sul lago Leman
Tramonto sul lago Leman
(1874)

Marina di Saint Aubin (1872)
Marina di Saint Aubin (1872)

Vista di Francoforte sul Meno
Vista di Francoforte sul Meno

Tramonto sul lago di Ginevra
Tramonto sul lago di Ginevra

Ruscello a Brume
Ruscello a Brume

Spiaggia a Trouville in bassa marea (1865)
Spiaggia a Trouville in bassa marea (1865)

Castello di Chillon (1874)
Castello di Chillon (1874)

Castello di Thoraise (1865)
Castello di Thoraise (1865)

Ruscello ombroso (1865)
Ruscello ombroso (1865)

La foresta in autunno
La foresta in autunno

Studio per Paesaggio con cascata (1877)
Studio per Paesaggio con cascata (1877)

La volpe nella neve (1860)
La volpe nella neve (1860)

Rupi a Tretat
Rupi a Tretat

Il mare a Palavas
Il mare a Palavas

Gruppo di cervi
Gruppo di cervi

L'onda
L'onda

Paesaggio
Paesaggio

La sorgente del Loue
La sorgente del Loue

Quercia a Flagey
Quercia a Flagey

Spiaggia vicino a Trouville
Spiaggia vicino a Trouville


Courbet: Gruppi di persone

Studio dell'artista (1855)
Studio dell'artista (1855)

Studio dell'artista (dettaglio)
Studio dell'artista (dettaglio)

Fanciulle sulla riva della Senna
Fanciulle sulla riva della Senna
(1857)

Gli spaccapietre
Gli spaccapietre

Funerale a Ornans (1849)
Funerale a Ornans (1849)

Incontro: Bon jour monsieur Courbet (1854)
Incontro: Bon jour monsieur Courbet (1854)

La setacciatrice di grano (1854)
La setacciatrice di grano (1854)

I lottatori (1852)
I lottatori (1852)

Vestizione della ragazza morta (1855)
Vestizione della ragazza morta (1855)

Contadini di Flagey ritornano dalla fiera (1850)
Contadini di Flagey ritornano dalla fiera (1850)

Fanciulle del villaggio (1851)
Fanciulle del villaggio (1851)

Pompieri al lavoro
Pompieri al lavoro

Cacciatore tedesco
Cacciatore tedesco

Picnic del cacciatore
Picnic del cacciatore

La caccia
La caccia

Tre ragazze inglesi alla finestra
Tre ragazze inglesi alla finestra

Dopo pranzo a Ornans
Dopo pranzo a Ornans

Lot e le sue figlie (1844)
Lot e le sue figlie (1844)


Courbet: Personaggi

Donna in un podoscafo (1865)
Donna in un podoscafo (1865)

Ragazza con gabbiani (1865)
Ragazza con gabbiani (1865)

La signora di Francoforte (1858)
La signora di Francoforte (1858)

Giovane chitarrista
Giovane chitarrista

Amanti campagnoli
Amanti campagnoli

Amanti di campagna
Amanti di campagna

Povera donna del villaggio
Povera donna del villaggio

Filatrice addormentata
Filatrice addormentata

Giovane seduto
Giovane seduto


Courbet: Figure e nudi femminili

Donna tra le onde
Donna tra le onde

Donna con calze bianche
Donna con calze bianche

Il sonno
Il sonno

Femmina nuda mentre dorme
Femmina nuda mentre dorme

Donna con pappagallo (1866)
Donna con pappagallo (1866)

Le bagnanti (1853)
Le bagnanti (1853)

La sorgente (1868)
La sorgente (1868)

La sorgente (1862)
La sorgente (1862)

Donna nuda con cane
Donna nuda con cane

Donna sdraiata
Donna sdraiata

Giovane bagnante
Giovane bagnante

La baccante
La baccante

Le bagnanti
Le bagnanti

L'amaca (1844)
L'amaca (1844)


Courbet: Ritratti

Ritratto di Juliette Courbet
Ritratto di Juliette Courbet

Ritratto di Regis Courbet
Ritratto di Regis Courbet

Ritratto di Jo, bella ragazza irlandese (1865)
Ritratto di Jo, bella ragazza irlandese (1865)

Contadina con madras (1848)
Contadina con madras (1848)

Ritratto di H. J. van Wisselingh
Ritratto di H. J. van Wisselingh

Ritratto di Chenavard
Ritratto di Chenavard

Ritratto di Paul Ansout
Ritratto di Paul Ansout

Uomo con pipa
Uomo con pipa

Ritratto di Laure Borreau
Ritratto di Laure Borreau

Ritratto di Baudelaire
Ritratto di Baudelaire

Ritratto di Urban Cuenot
Ritratto di Urban Cuenot

Ritratto di Hector Berlioz
Ritratto di Hector Berlioz

Uomo ferito (1844)
Uomo ferito (1844)

Ritratto di Alfred Bruyas
Ritratto di Alfred Bruyas

Ritratto di P.J. Proudhon (1853)
Ritratto di P.J. Proudhon (1853)

Ritratto di Pierre Joseph Proudhon (1865)
Ritratto di Pierre Joseph Proudhon (1865)

Ritratto di Adolphe Marlet
Ritratto di Adolphe Marlet


Courbet: Autoritratti

Uomo disperato (1843)
Uomo disperato (1843)

Uomo disperato, autoritratto (1844)
Uomo disperato, autoritratto (1844)

Autoritratto (1848)
Autoritratto (1848)

Autoritratto con cane nero (1842)
Autoritratto con cane nero (1842)

Autoritratto con collare a strisce
Autoritratto con collare a strisce

Autoritratto di Courbet con cane nero
Autoritratto di Courbet con cane nero

Autoritratto violoncellista
Autoritratto violoncellista

Autoritratto a Sainte Pelagie
Autoritratto a Sainte Pelagie

Autoritratto con cintura di pelle
Autoritratto con cintura di pelle

Autoritratto
Autoritratto

Courbet nella sua cella a Sainte Pelagie
Courbet nella sua cella a Sainte Pelagie

Artista al suo cavalletto
Artista al suo cavalletto


Courbet: Altri temi vari

Natura morta con frutti (1871)
Natura morta con frutti (1871)

Natura morta con fiori
Natura morta con fiori

Mele rosse ai piedi di un albero
Mele rosse ai piedi di un albero

La trota
La trota

Studio
Studio


Libri su Gustave Courbet e sulla Pittura Realista

  Marie Luise Kaschnitz e Gustave Courbet. La verità, non il sogno
Mor Lucia, 2009, Morcelliana
  La rivoluzione realista. Lineamenti introduttivi da Barbizon ai macchiaioli
De Paz Alfredo, 2007, CLEUP
  Courbet e l'origine del mondo. Storia di un quadro scandaloso
Savatier Thierry, 2008, Medusa Edizioni
  Nino Costa e il paesaggio dell'anima. Da Corot ai macchiaioli
Dini Francesca, Frezzotti Stefania, 2009, Skira
  Post-espressionismo. Realismo magico. Problemi della nuova pittura europea
Roh Franz, cur. Cecchini S., 2007, Liguori
  Corot. Ediz. inglese
Sérullaz Arlette, 2007, 5 Continents Editions
  L'età di Courbet e Monet. La diffusione del realismo e dell'impressionismo nell'Europa centrale e orientale. Catalogo della mostra
2009, Silvana
  Il realismo nella pittura europea del XIX secolo
Nochlin Linda, 2003, Einaudi
  Dal realismo al simbolismo. Vicende e figure dell'arte postromantica europea
De Paz Alfredo, 2000, CLUEB
  Realismo magico. Fantastico e iperrealismo nell'arte e nella letteratura latinoamericana. Ediz. italiana, spagnola, francese e inglese. Con CD-ROM
cur. Sartor M., 2005, Forum Edizioni