thomas_couture_i_romani_della_decadenza_1847




Biografia e vita di Thomas Couture (1815 - 1879)

Nato a: Senlis (Oise, Picardie, Francia).
È morto in: Villiers-le-Bel (Val-d'Oise, Ile-de-France, Francia).
Studente di: Paul Delaroche (1797-1856), Antoine-Jean Gros (1771-1835).
Insegnante di: Auguste Bachelin (1830-1890), Mary Cassatt (1844-1926), Marcellino Desboutin (1823-1902) 1847-1848, Henri Fantin-Latour (1836-1904), Friedrich Anselm Feuerbach (1829-1880), Lorenz Frolich (1820-1908) 1852-1853, Leopold Güterbock (c.1820-1881), Nathaniel Hone II (1831-1917), William Morris Hunt (1824-1879), Olaf Isaachsen (1835-1893) 1859-1860, Agosto Jernberg (1826-1896), Eastman Johnson (1824-1906), John LaFarge (1835-1910), Eduard Manet (1832-1883), Ole Henrik Olrik (1830-1890) nel 1854, Félix Perret (1865-1869), Sobeslav Pinkas (1827-1901), Karel Purkyne (1834-1868) nel 1857, Pierre Cécile Puvis de Chavannes (1824-1898).
Studente presso: École des Arts et Métiers, Parigi, École des Beaux-Arts.
Vincitore di: Prix de Rome (dal 1837).
Disegno di Thomas CoutureThomas Couture è stato un pittore influente della storia francese e un valido insegnante.

 Figlio di un calzolaio, nasce il 21 dicembre del 1815 in una cittadina, Senlis Oise, ad una cinquantina di kilometri da Parigi, dove la famiglia si trasferisce, nel 1826, per permettere al figlio, appassionato di disegno, di seguire una scuola adatta.

Thomas Couture frequenta prima École des Arts et Métiers ed in seguito l'École des Beaux-Arts mentre, dal 1830 frequenta l'atelier di Antoine-Jean Gros.

Concorre al Grand Prix, premio di pittura organizzato ogni anno dall’Accademia di Francia, che consentiva ai vincitori di studiare per due anni in Italia, viene respinto per ben sei anni e lo ottenne finalmente nel 1837.

Durante gli anni Trenta l'artista si dedica alla ritrattistica, dipingendo una serie di bei ritratti, fra i quali ricordiamo quello di Eloy Chapsal e quello di Marie Simonnet.

Rutratto di Thomas CouturePer un breve periodo, nel 1838, il pittore frequenta l'atelier di Paul Delaroche per perfezionare la sua tecnica personale, non troppo in linea con lo stile imposto dalla scuola ufficiale.

Nel 1840, Thomas Couture comincia ad esporre quadri di genere storico e, nel 1847, presenta al Salon una grande tela dal titolo "Romani nella decadenza dell'Impero" che riscuote un enorme successo, tanto che lo Stato francese l'acquista e lo presenta poi all'Esposizione Universale del 1855 ed a quella del 1889.

Il tema classicheggiante del quadro rientrava nella produzione di pittura di argomento storico che aveva avuto in Jaques Louis David (1748-1825) il suo miglior rappresentante.

Ma a differenza di David, Couture non evoca la orgogliosa Roma Repubblicana, bensì gli ultimi anni dell'Impero, cioè quelli della decadenza.

Questa grande opera, considerato il capolavoro di Thomas Couture, dopo molti anni trascorsi nei depositi del Louvre, nel 1986 è stata trasferita al Museo d'Orsay dove si trova collocato al fianco di altre famose opere francesi del genere.

Dipinto di Thomas CoutureIncoraggiato da successo, Thomas Couture apre un suo atelier indipendente in contrapposizione alla École des Beaux-Arts, accusandola di tarpare le ali ai giovani artisti: lui stesso imputava alla scuola gli insuccessi al Gran Prix.

La tecnica innovativa proposta da Couture, riscuote molta attenzione ed il suo atelier, oltre ad accogliere commissioni pubbliche importanti, diventa un centro di incontro e studio per molti pittori fra cui Manet e Puvis de Chavannes.

Curioso il rapporto di amore ed odio fra il futuro grande Eduard Manet ed il suo maestro Thomas Couture, se è vero che Manet, in seguito, disse dei suoi giorni passati allo studio: "Je ne sais pas pourquoi je suis ici; quand j'arrive à l'atelier, il me semble que j'entre dans une tombe", certo è che il ribelle Manet non sopportava la pittura accademica di cui Coutur era un valido campione.

Per due decenni Thomas Couture lavora a Parigi ottenendo molti riconoscimenti e medaglie; con il successo giunsero anche incarichi per opere pubbliche, come ad esempio la decorazione del soffitto del padiglione Denon al Louvre, non finito, di cui non restano che pochi disegni preparatori.

Pittura di Thomas CoutureNel 1851 Couture viene incaricato di affrescare la Cappella della Vergine nella chiesa di Saint-Eustache, incontrando molte critiche contrastanti.

Immediatamente dopo il suo matrimonio celebrato nel 1859, Couture inaspettatamente lascia Parigi rifugiandosi a Senlis, la sua città natale, dove, abbandonata la pittura, si dedica alla coltivazione delle sue terre ed all'insegnamento.

 Il pittore trascorse i suoi ultimi anni di vita nella villa a Villeurs-le Bel, dove si spegne il 30 marzo del 1879, lasciandoci oltre i suoi quadri un libro, destinato agli studenti della scuola d'arte, sulle sue idee circa la pittura e spiegazioni dei suoi metodi di lavoro.






Galleria opere d'arte di Thomas Couture

slideshow
slideshow

thomas_couture_i_romani_della_decadenza_1847
I Romani della decadenza (1847)

thomas_couture_i_romani_della_decadenza_dett_1847
I Romani della decadenza
-dettaglio- (1847)

thomas_couture_il_sentiero_impervio_1873
Il sentiero impervio (1873)

thomas_couture_arruolamento_di_volontari_del_1792
Arruolamento di volontari del 1792

thomas_couture_pierrot_il_politicante_1857
Pierrot il politicante (1857)

thomas_couture_la_piccola_bagnante_1849
La piccola bagnante (1849)

thomas_couture_amore_per_l_oro_1844
Amore per l'oro (1844)

thomas_couture_testa_femminile
Testa femminile

thomas_couture_suonatore_di_cornamusa_1877
Il suonatore di cornamusa (1877)

thomas_couture_l_avaro_1876
L'avaro (1876)

thomas_couture_il_pittore_realista_1865
Il pittore realista (1865)

thomas_couture_un_giudice_va_alla_corte
Un giudice va alla corte

thomas_couture_il_bacio_di_giuda
Il bacio di Giuda

thomas_couture_la_cucitrice_1870
La cucitrice (1870)

thomas_couture_zingara
Zingara

thomas_couture_paesaggio_vicino_al_mare_1876
Paesaggio vicino al mare (1876)


Annunci e Argomenti correlati




Libri sulla Pittura Neoclassica

  Artisti a Roma. Ritratti di pittori, scultori e architetti dal Rinascimento al Neoclassicismo. Catalogo della mostra (Roma, 19 novembre 2008-22 febraio 2009)
2008, De Luca Editori d'Arte
  Francesco Emanuele Scotto. Pittore e incisore neoclassico
Parisio Chiara, 2009, Starrylink
  Vincenzo Camuccini pittore neoclassico
Verdone Luca, 2005, Edilazio
  La pittura neoclassica italiana
1987, Longanesi
  La Storia dell'arte. Vol. 3: Dal Neoclassicismo all'arte contemporanea.
Dantini Michele, Cottino Alberto, Guastalla Silvia, 2004, Archimede
  Il neoclassicismo inglese. Tradizione e innovazione nel pensiero critico
Marra Giulio, 1979, Paideia
  L'arte in viaggio. Vol. 3: Dal Neoclassicismo a oggi.
Calabrese Omar, 2009, Le Monnier
  David
Lee Simon, Phaidon