Tiziano - biografia e opere - pagina 1

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa

 

 
 

 

 

 

 
Biografia e Opere di Tiziano Vecellio

Tiziano Vecellio 1

 

Biografia, dipinti, opere d'arte, quadri, libri, foto sfondi

 

 

 

 

Biografia e Opere di Tiziano Vecellio

 

Galleria opere d'arte di Tiziano Vecellio

(sfondi formato desktop 1024x768 scaricabili gratis)

Tiziano Vecellio Papa Alessandro presenta Jacopo Pesaro a san Pietro (1502)
Papa Alessandro presenta Jacopo Pesaro a san Pietro (1502)
Ritratto di Ariosto (1508)
Ritratto di Ariosto (1508)
La schiavona (1510)
La schiavona (1510)
Concerto campestre (1510)
Concerto campestre (1510)
Tiziano Vecellio Madonna degli zingari (1510)
Madonna degli zingari (1510)
Tiziano Vecellio San Marco in trono (1510)
San Marco in trono (1510)
Tiziano Vecellio Noli me tangere (1511)
Noli me tangere (1511)
Tiziano Vecellio Le tre età dell'uomo (1511)
Le tre età dell'uomo (1511)
Tiziano Vecellio Il marito vizioso (1511)
Il marito vizioso (1511)
Miracolo del neonato (1511)
Miracolo del neonato (1511)
Amore sacro e profano (1514)
Amore sacro e profano (1514)
Amore sacro e profano dett. (1514)
Amore sacro e profano dett. (1514)
Tiziano Vecellio Banchetto degli Dei (1514)
Banchetto degli Dei (1514)
Amore profano (1514)
Amore profano (1514)
Vanità (1515)
Vanità (1515)
Flora (1515)
Flora (1515)
Tiziano Vecellio Giuditta e Oloferne (1515)
Giuditta e Oloferne (1515)
Suicidio di Lucrezia (1515)
Suicidio di Lucrezia (1515)
Violante (1515)
Violante (1515)
Madonna delle ciliege (1515)
Madonna delle ciliege (1515)
Tiziano Vecellio Assunzione della Vergine (1516)
Assunzione della Vergine (1516)
Assunzione della Vergine dett. (1516)
Assunzione della Vergine dett. (1516)
Ritratto di un uomo con cappello rosso (1516)
Ritratto di un uomo con cappello rosso (1516)
Madonna di Pesaro (1519)
Madonna di Pesaro (1519)
Tiziano Vecellio Venere e i bambini (1519)
Venere e i bambini (1519)
Cupido con la ruota della fortuna (1520)
Cupido con la ruota della fortuna (1520)
San Sebastiano (1520)
San Sebastiano (1520)
Il bravo (1520)
Il bravo (1520)
Tiziano Vecellio Polittico Averoldi (1520)
Polittico Averoldi (1520)
Bacco e Arianna (1522)
Bacco e Arianna (1522)
Ritratto di Laura de Dianti (1523)
Ritratto di Laura de Dianti (1523)
Baccanali (1523)
Baccanali (1523)
Tiziano Vecellio Uomo con i guanti (1523)
Uomo con i guanti (1523)
Federico Gonzaga duca di Mantova (1525)
Federico Gonzaga duca di Mantova (1525)
Madonna col bambino (1530)
Madonna col bambino (1530)
Madonna col bambino dett.(1530)
Madonna col bambino dett.(1530)
Tiziano Vecellio Madonna e bambino con santa Caterina e il coniglio (1530)
Madonna e bambino con santa Caterina e il coniglio (1530)
Danae (1531)
Danae (1531)
Ingresso di Maria al tempio (1534)
Ingresso di Maria al tempio (1534)
Cena a Emmaus (1535)
Cena a Emmaus (1535)
Pag. 1 Pag. 2 Pag. 3  

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice T02

 

 

 

 

Biografia e vita di Tiziano Vecellio (1488-1576)


Ritratto di Tiziano VecellioTiziano Vecellio, nasce a Pieve di Cadore in una famiglia agiata con importanti incarichi pubblici.

La data della nascita non è certa, Vasari indica come data il 1489, ma alcuni documenti lo contraddicono.

L'educazione di Tiziano, viste la sua propensione più per l'arte che per le lettere, si conclude a nove anni quando viene mandato a Venezia con il  fratello ad imparare a dipingere nella bottega di Sebastiano Zuccato, per passare poi, in quella dei fratelli Gentile e Giovanni Bellini.

Prima allievo e poi collaboratore di Giorgione (Giorgio o Zorzi da Castelfranco Veneto) stringe con questo una sincera amicizia ed insieme lavorando l’uno a fianco dell’altro.

Si dice che mentre Giorgione affrescava la facciata del Fondaco dei Tedeschi che guarda verso il Canal Grande, Tiziano affrescava l’altra, verso la Merceria, raggiungendo e superando il maestro con la vivacità dell’intonazione dei colori.

Per questo, sembra che i rapporti fra i due pittori si guastasse, ma prima che il dissidio si rivelasse, Giorgione morì probabilmente di peste, nell'ottobre del 1510.

Tiziano da solo completa gli affreschi e porta a termina anche molte opere incompiute del Giorgione.
Dipinto di Tiziano Vecellio
Lo stile di Tiziano si era perfezionato nell'uso dei colori, sviluppando la "pittura di tono", utilizzando gli esempi  ora del Giorgione, ora del suo maestro Giovanni Bellini e ora anche al Mantegna, a Durer e Raffaello.
Il pittore alla morte del Giorgione era già famoso, conosciuto dal 1503 per la bella Pala di Anversa commissionatagli da Jacopo Pesaro.

Nel 1510 dipinge la Pala di San Marco per la chiesa di Santo Spirito in Isola, oggi, Santo Spirito alla Salute e l'anno dopo lavora a Padova nelle scuole del Carmine e del Santo dipingendo i miracoli del neonato, della donna ferita e del piede risanato.

Da Padova è richiamato a Venezia per la realizzazione di affreschi nella sala del Gran Consiglio del il Palazzo Ducale che purtroppo andranno distrutti in un incendio del 1577.

Alla morte di Giovanni Bellini nel 1516 la Serenissima lo nomina suo pittore ufficiale.
 
Quando Tiziano dipinge ”L’Amor sacro e l’Amor profano” (1515), ha sviluppato con il vigore coloristico, una forte sensibilità drammatica, che si esprime in forma perfetta ne “L’Assunta” (1518) che, con la grandiosa scenografia raffaellesca, costituì un avvenimento artistico rivoluzionario per la città.

Tiziano incomincia ad essere riconosciuto in tutta Europa ed i suoi ritratti diventano la Pittura più ambita delle classi sociali più alte: il pittore riesce, con pochi colpi di pennello, a rendere le caratteristiche più significative del soggetto.

Negli anni seguenti, Tiziano, padrone di un ricco bagaglio culturale umanistico, dovuto anche all’amicizia stretta con gli intellettuali di Venezia, come Pietro Bembo, Pietro Aretino, Iacopo Tatti detto il Sansovino, inizia a lavorare per le corti italiane di Ferrara (1519), di Mantova (1523), di Urbino (1532) e per l’Imperatore Carlo V (dal 1530) con una ricca produzione di scene mitologiche sensuali e decorative con Baccanali e dee discinte (Venere di Urbino, 1538) nelle quali il ricchissimo tonalismo rende appieno ed esalta i giovani corpi nudi immersi in paesaggi fiabeschi .

Pittura di Tiziano VecellioTra i suoi ritratti troviamo personaggi come l’Ariosto, attualmente alla National Gallery di Londra, Federico Gonzaga e Carlo V al Prado di Madrid, il Cardinale Ippolito dei Medici a Palazzo Pitti di Firenze, Francesco della Rovere agli Uffizi di Firenze, l'Uomo dal guanto, l'Ambasciatore Girolamo Adorno, Cornelia, dama d’onore della contessa Pepoli,  il Ritratto di Alfonso I d’Este, e molti altri.

Nelle sue opere ritrattistiche si evidenzia il modello ideale della bellezza del Cinquecento, vi sono raffigurate donne bellissime e sensuali, molto spesso con la capigliatura sciolta ed abbondante che ricade sul corpo dalle nude spalle, con accessori allegorici o simbolici come animali domestici o strumenti musicali.

Dopo il 1540, questo equilibrio viene a mancare e Tiziano incomincia a seguire la Corrente Manieristica ed un primo esempio di questo cambiamento si evidenzia nell’opera “L’Incoronazione di spine” (1542 Santa Maria delle Grazie, Milano).

Tiziano si reca a Roma con il figlio Orazio, anche lui pittore, per un lungo soggiorno tra il 1545 e il 1546, durante il quale realizza il ritratto di papa Paolo III con i nipoti Alessandro ed Ottavio Farnese ed altri lavori profani fra cui “Danae con Cupido".

A Roma il pittore si confronta con la cultura manierista, imparando da questa un moderato uso del chiaro-scuro, la composizione più complessa e mossa, eleganti riferimenti alla statuaria antica creando un nuovo tipo di figurazione, altamente drammatica ed emotiva.
 
Dipinto di Tiziano Vecellio

Negli ultimo vent'anni Tiziano accentua ulteriormente il suo ritmo di lavoro, producendo grandiose opere per le chiese di Venezia, indirizzate stilisticamente a quella progressiva materializzazione delle forme, attuata attraverso l’impiego di pennellate rapide e corpose che amalgamano o spezzano toni di colore.
 

Nel 1575 una violenta epidemia di peste colpisce Venezia e Tiziano, presagendo vicina la sua morte, dipinge una grande tela per la Cappella di Cristo nella chiesa di Santa Maria dei Frari, dove aveva chiesto ed ottenuto il permesso di essere sepolto.

La tela, denominata "La pietà", (conosciuto anche come il Compianto del Cristo morto) evidenzia il cupo pessimismo del pittore che si dipinge nel quadro come un vecchio nell’estrema e tragica angoscia dell'uomo che sente prossima la morte.

Il 27 agosto del 1576 colpito dalla peste, Tiziano muore senza aver finito "La Pietà" che verrà finita da Palma il Giovane.

Pag. 1 Pag. 2 Pag. 3  

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice T02

 

 

 

 

Libri su Tiziano

Tiziano. Itinerari sul territorio

Tiziano. Itinerari sul territorio 
cur. Mazza M., 2007, Skira

 

La ragione e il senso. Tiziano. Amor sacro e profano
Strinati Claudio; Bernardini M. Grazia, 2006, E-Medium

ultimo Tiziano e la sensualità della pit

L'ultimo Tiziano e la sensualità della pittura. Catalogo della mostra (Vienna, 18 ottobre 2007-6 gennaio 2008; Venezia, 26 gennaio-20 aprile 2008) 
cur. Ferino-Pagden S., Nepi Sciré G., 2008, Marsilio

Da Tiziano a Pollock. In giro per mostre

Da Tiziano a Pollock. In giro per mostre & musei
De Marchi Paolo, 2009, Ares

Tiziano. Problemi di iconografia

Tiziano. Problemi di iconografia
Panofsky Erwin, 2009, Marsilio

Danae di Tiziano del Museo di Capodimont

La Danae di Tiziano del Museo di Capodimonte 
cur. Alabiso A., 2006, Electa Napoli

botteghe di Tiziano

Le botteghe di Tiziano 
2010, Alinari 24 Ore

grandi veneti. Da Pisanello a Tiziano, d

I grandi veneti. Da Pisanello a Tiziano, da Tintoretto a Tiepolo. Capolavori dall'Accademia di Carrara di Bergamo. Catalogo della mostra (Roma) 
cur. Valagussa C., Villa G. C., 2010, Silvana

Nelle camere da letto di Tiziano. L'inti

Nelle camere da letto di Tiziano. L'intimità della figura e gli alimenti della passione 
cur. Barbieri G., 2010, Terra Ferma Edizioni

Per la fama di Tiziano nella cultura art

Per la fama di Tiziano nella cultura artistica dell'Italia spagnola. Da Milano al viceregno
Grosso Marsel, 2010, Forum Edizioni

Tiziano. L'ultimo atto

Tiziano. L'ultimo atto
cur. Puppi L., 2007, Skira

Rosso tiziano. Un giallo un pò rosa

Rosso tiziano. Un giallo un pò rosa 
D'Oriano Claudia, 2010, Gruppo Albatros Il Filo

 

Vita di Tiziano 
Chiades Antonio, 2007, Terra Ferma

 

Titian
Humfrey Peter, 2007, Phaidon

 

Bellini, Giorgione, Tiziano. L'invenzione della pittura veneziana. 1500-1530. Catalogo della mostra (Vienna, 17 ottobre 2006-7 gennaio 2007)
2006, Skira 

Tiziano

Tiziano
Aretino Pietro; Vasari Giorgio, 2008, Abscondita

 

La cena di Tiziano. Immagini del Risorto tra Louvre e Ambrosiana. Catalogo della mostra (Milano, 6 aprile-30 novembre 2006)
2006, Skira

 

Titien. Le pouvoir en face. Catalogo della mostra (Parigi, 13 settembre 2006-21 gennaio 2007
2006, Skira

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: