Storia di Ercole

annibale_carracci_001_scelta_di_ercole_1596




Storia di Ercole

La Storia di Ercole Fortissimo, immensamente coraggioso e buono, ma spesso ingenuo, Ercole era figlio di Alcmena, una mortale unitasi senza saperlo a Giove.

Si racconta che Giove per avere Alcmena, moglie del soldato Anfitrione, abbia assunto le sembianze di Anfitrione prima che questi arrivasse a Tebe e convincesse il sole a non sorgere per tre giorni, dilatando così la notte che passò con la donna.

In questo lungo amplesso fu concepito quello che fu il più popolare degli eroi mitologici, conosciuto come Eracle dai greci e come Ercole dai romani.

Mentre Alcmena portava in grembo Ercole, vide sulla porta di casa una strega che lanciava fiamme dagli occhi e urlava minacce. Questa strega, in realtà, era Giunone che voleva ad ogni costo eliminare il nuovo figlio illegittimo di suo marito.

L'orrenda visione sconvolse la donna a tal punto che le fece ritardare il parto ed Ercole nacque solo dopo dieci mesi. Era bellissimo e forte, ma la madre, sapendo quanto era terribile l'ira della dea, non ebbe il coraggio di allevarlo e lo abbandonò in mezzo a un campo.

Gli strilli del neonato attirarono proprio l'attenzione di Giunone che, non sapendo chi fosse veramente il piccolo e trovandolo così grazioso, decise di prenderlo con sé e di allattarlo, infatti Eracle significa la "gloria di Era".

Però Ercole intuì che la donna gli sarebbe stata ostile e le diede subito un tremendo morso che la fece urlare di dolore.
La Storia di Ercole
Purtroppo la moglie di Giove conobbe ben presto la vera identità di quel bimbo che aveva raccolto e che ora viveva allevato come un dio.

Decisa di ucciderlo, quando aveva otto mesi, mandò nella sua culla due velenosissimi serpenti perché lo divorassero, ma Ercole era già in grado di dimostrare la sua forza straordinaria e, senza la minima paura, afferrò i serpenti con le mani e strinse tanto che i due animali morirono soffocati.

Dall'aspetto si capiva che egli era figlio di Zeus: era alto quattro cubiti e dai suoi occhi dardeggiavano lampi di fuoco, non sbagliava mai un colpo né con la freccia né col giavellotto.

All'età di diciotto anni, Ercole uccise il leone del Cicerone che faceva strage di mandrie, della sua pelle ne fece un mantello e della sua testa un elmo con il quale viene spesso raffigurato.

Un giorno Giunone lo fece impazzire al punto che Ercole scagliò nel fuoco i tre figli che aveva avuto da Megera.
dilaniato dalla disperazione e del senso di colpa quando la pazzia sfumò, Ercole si autocondannò ad un esilio volontario.
Teseo, un altro eroe greco, suo amico, gli consigliò di cercare aiuto nell'oracolo di Delfi, il cui responso fu che Ercole poteva redimersi solo sottoponendosi a una penitenza: si sarebbe messo a disposizione di Euristeo, suo cugino, pronto a eseguire qualunque suo desiderio.

Le dodici fatiche di Ercole

La Storia di ErcoleEuristeo, re di Micene, chiese ad Ercole di compiere le famose

dodici fatiche
:
- Uccidere il leone di Nemea,
- lottare con l'idra di Lerna,
- catturare la cerva Cinerea,
- cacciare il cinghiale d'Erimanto,
- pulire in un sol giorno le stalle d'Augia che non venivano pulite
da trent'anni,
- sterminare gli uccelli della palude di Stinfalo,
- domare il toro di Creta,
- domare le cavalle carnivore di Diomede,
- conquistare la cintura di Ippolita regina delle Amazzoni
- impadronirsi dei buoi del mostro trimembra Gerione,
- rubare le mele d'oro delle Esperidi
- catturare Cerbero,il cane mostruoso a guardia dell'ingresso degli Inferi.

La Storia di Ercole Ma le dodici fatiche evidentemente non bastarono alla vendicativa Giunone, ed Ercole non poté mai riposarsi molto, perchè venne coinvolto nella lotta contro i Giganti a fianco del padre Giove, partecipò alla spedizione degli Argonauti, si impegnò nella liberazione di Prometeo, punito con un terribile supplizio, per aver rubato il fuoco per gli uomini, ebbe l'epico scontro con i Centauri, che portò alla morte il centauro Chirone che era suo amico, ed era stato suo maestro.

Un giorno Ercole uccise Nesso, un centauro che insidiava sua moglie Deianira e questo, morendo, consigliò a Deianira, per assicurarsi l'amore eterno del marito, di far indossare a Ercole la camicia del moribondo.
Ma il consiglio non era un buon consiglio, ma una vendetta, infatti il sangue del centauro, di cui la camicia era intrisa, agì da veleno su Ercole uccidendolo.

Giove, il padre di Ercole, volle il figlio in cielo assieme agli altri dei: una nuvola lo trasportò in cielo, dove rimase tra gli dei immortali, conosciuto dagli umani come una costellazione.


Torna all'indice Temi Mitologici up







Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema Ercole e la Mitologia

  Ercole e Roma
Levi Mario A., 1997, L'Erma di Bretschneider
  La matematica di Ercole. Un percorso narrativo per la risoluzione di problemi
Morgese Roberto, 2003, Centro Studi Erickson
  L'Ercole tirreno.Guerra e dinastia medicea nella prima metà del '600 Sodini Carla, 2001, Olschki   Giganti buoni. Da Ercole a Piedone (e oltre) il mito dell'uomo forte nel cinema italiano
Giordano Michele, 1998, Gremese Editore
  Rinascite di Ercole
Babbi Anna M., 2002, Fiorini
  Il tesoro di Ercole
McDermott Andy, 2009, Longanesi
  Le dodici fatiche di Ercole
Pillot Frédéric, 2007, Nord-Sud
  Il tempio d'Ercole di Sabratha
Caputo Giacomo, Ghedini Francesca, 1984, L'Erma di Bretschneider
  L'Ercole trionfante. I tre Carracci a Casa Sampieri
Riccomini Eugenio, 2006, Minerva Edizioni (Bologna
  Gli ozi di Ercole. Residenze di lusso a Pompei ed Ercolano
Guidobaldi M. Paola, Pesando Fabrizio, 2006, L'Erma di Bretschneider
  Tracce delle colonne d'Ercole
2004, Fermenti
  La scelta di Ercole. Come condurre una buona vita
Grayling A. C., 2008, Longanesi
  Ercole e le tre mele d'oro
Codignola Nicoletta, 2000, Fatatrac
  Dizionario di mitologia classica. Dei, eroi, feste
Biondetti Luisa,

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport