alexander_daniloff_toccare_il_cielo




Biografia e vita di Alexander Daniloff (1963)

Foto di Alexander Daniloff Alexander Daniloff è nato a Donetsk (URSS) nel 1963.

Dopo aver terminato gli studi alla Scuola Teatrale di Niznij Novgorod (Russia) nel 1990 si è immediatamente inserito nel mondo dell'arte conseguendo notevole successo fin dalle sue prime mostre in Russia e all'estero.

Dal 1994 collabora permanentemente alla galleria olandese con "Irok" e oltre alla pittura, si dedica alla creazione di scene, costumi e locandine per il Teatro dei Burattini.
Ha lavorato nel Settore Moda e accessori creando insieme alla moglie una collezione di copricapi di pelle.

Dal 1987 al 2000 ha partecipato a numerose mostre personali e collettive a Niznij Novgorod, Mosca, Norilsk (Russia), in Olanda (Amsterdam, Venlo, Horst, Heusden); in Spagna (Barcellona), in Finlandia (Helsinki), negli Stati Uniti (San Francisco, Los Angeles).

Nel 2000 si trasferisce in Italia a Rovigo, dove attualmente vive e lavora come artista professionista.
Anche se la sua attività è legata principalmente alla pittura, collabora con il Teatro Sociale di Rovigo per la creazione di manifesti e locandine.

Ha collaborato come illustratore con una casa editrice di Niznij Novgorod illustrando cinque libri, negli ultimi anni si è accostato all'illustrazione per l'infanzia ed ha partecipato a varie manifestazioni e concorsi d'illustrazione.

Ha creato una particolare tecnica di disegno sui muri realizzando alcuni murales sia in Italia che in Russia.

Ma, oltre i dati biografici e la cronologia di mostre e successi, per capire l'arte di Daniloff c'è in Internet, nel suo sito, un'auto intervista che, attraverso la simpatica e spontanea semplicità dell'artista, ci dice tutto.

Ritratto di Alexander Daniloff"Per me l’arte è un gioco, uno spettacolo, dove io sono attore, regista, scenografo.

Lo spunto per l'idea può essere una cosa qualsiasi: una frase sentita, una rima della poesia, un viso, uno sguardo furtivo di passante. Spesso ricavo le mie storie dai miti o fiabe trattati in maniera mutata, così io cambio punto di vista sui luoghi comuni.

Dietro quasi ogni quadro c’è qualche racconto. Condivido un segreto: se al posto del punto di affermazione si mettesse un punto di domanda o punti di sospensione le cose semplici, comuni, quotidiane cambierebbero. Ogni dubbio porge le domande che ci spingono a cercare le risposte, e possono portarci in luoghi strani con altre prospettive.

Per esempio, ho un quadro che si chiama “Tentazione dei doni”. Prima mi è venuta in mente questa espressione come titolo ma non sapevo ancora il soggetto. E un giorno ero seduto in metropolitana davanti ad una signora con un bambino di età di tre anni circa.

Lui teneva nelle mani un sacchetto di carta con delle caramelle. Qualcosa nel comportamento del bambino mi attraeva ma non riuscivo a capire che cosa.

Intanto lui guardava nel sacchetto con pazienza e attenzione non da bambino; ha infilato la mano dentro frugando, scegliendo al tatto il voluto; poi estrae la caramella, la libera dalla carta e mette in bocca infilando insieme con essa le 4 dita della mano e spalmando lentamente sulla lingua il dolce.

Pittura di Alexander Daniloff Tutta questa operazione è stata eseguita con ritmo e senso della cerimonia del tè giapponese. Ogni movimento era gustato ed osservato da dentro.

Era meditazione. Ho capito che ho visto il Buddha! Così è nato il soggetto del quadro. Tre fasi della tentazione: osservazione e sollecitazione del desiderio, contatto con l’oggetto gradito e “saziamento”.

Preferisco non spiegare troppo, il quadro non è segnaletica stradale, deve avere spazio per lo spettatore. Proprio lo spettatore è uno degli elementi principali dell’arte. Cos’è l’arte?

E’ la trasmissione delle emozioni! Se il segnale lanciato dall’artista non trova o non arriva al suo destinatario …?

Ognuno, quando si mette a creare, ha uno spettatore, un “target”, un destinatario anche dentro di se stesso a cui rivolge la sua arte. Comunque, mi piace quando parlano i quadri, quando sono autosufficienti. Nei musei vediamo spesso “Maestro ignoto”. Ma noi sentiamo quel Maestro che attraverso il quadro racconta della sua vita e dell’epoca. Mi dispiace per l’arte di oggi quando i quadri sono diventati muti e a loro fianco deve parlare un tizio in giacca e cravatta con la lingua sciolta per dargli valore.

Ognuno deriva dall’infanzia. Da piccolo la domanda comune degli adulti quando non sapevano chiedere altro: “Chi vuoi diventare da grande?” la scelta mi metteva in imbarazzo. Perché volevo essere tutto. Il mondo adulto era affermato e noioso; diventare qualcuno, per me, come essere buono a nulla. Mai visto un adulto contento di essere quello che è diventato.

Perciò sin da ora la forma solida e fissa mi dà angoscia. Ora ho un mondo, un teatro riservato solamente per me. Posso essere chiunque e nessuno, viaggiare nelle epoche, paesi, nazioni. Io determino la mia posizione filosofica nell’arte come liquido che può prendere qualsiasi forma senza perdere qualità." Opera di Alexander Daniloff

Mi stupisce il mondo dell’arte con i suoi paradossi: da principio è un mondo delle bugie anche se ha tendenza ad essere verosimile al creato o, almeno, sembrare la realtà; i suoi mezzi, marmo, bronzo, pigmenti, tela, parole, suoni, tutti sono solo strumenti dell’inganno. Non esistono questi tramonti, non esistono quelle lacrime, quel sangue, le ferite e i fiori.

Tutto inganno. Però, ci commuove un pezzo di marmo scolpito da un 23-enne fiorentino, i pigmenti penetrati 500 anni fa nell’intonaco del muro della cappella, i suoni nati nella testa di un giovanotto di Salisburgo. Quindi, nell’arte conta più continuazione verticale che orizzontale. Non importa quanti secoli tra noi. Il sentimento trasmesso ci avvicina.

E la “verità assoluta”, che pareggia l’uomo con il Creatore, può essere solo vissuta come orgasmo, ma mai capita con la testa; ciò troviamo in queste “bugie” dell’Arte.
Attualmente i quadri di Daniloff si trovano nella Pinacoteca Nazionale di Niznij Novgorod, nella Galleria Civile di Norilsk, nel Museo d'Arte Contemporanea di Vladivostok e nelle collezioni di Banche Russe, nonché in collezioni private in Russia, Israele, USA, Canada, Germania, Svizzera, Inghilterra, Italia e Olanda.

Sito ufficiale: Alexander Daniloff






Galleria opere d'arte di Alexander Daniloff

slideshow
slideshow

alexander_daniloff_ratto_della_sabina
Ratto della Sabina

alexander_daniloff_castello_di_carte
Castello di carte

alexander_daniloff_vello_doro
Il vello d'oro

alexander_daniloff_ercole_e_leone
Ercole e il leone

alexander_daniloff_pigmalione
Pigmalione

alexander_daniloff_auguri_figli_maschi
Auguri e figli maschi

alexander_daniloff_sonno
Sonno

alexander_daniloff_al_mare
Al mare

alexander_daniloff_le_sedie
Le sedie

alexander_daniloff_predicatore
Il predicatore

alexander_daniloff_amanti_veronesi
Amanti veronesi

alexander_daniloff_toccare_il_cielo
Toccare il cielo

alexander_daniloff__giuditta_con_testa_oloferne
Giuditta con la testa di Oloferne

alexander_daniloff__cavaliere_e_pulzella_maliziosa
Il cavaliere e la pulzella maliziosa


Annunci e Argomenti correlati




Libri sugli illustratori

  Illustratori italiani. Annual 2009. Ediz. italiana e inglese
2009, Fausto Lupetti Editore
  La nazione figurata (1912-1943). Illustrazioni e illustratori tra letteratura infantile e mobilitazione patriottica
Cesari Francesca, 2007, Brigati
  Illustratori italiani. Annual 2008. Ediz. italiana e inglese
2008, Fausto Lupetti Editore
  Pace libera tutti. Scrittori e illustratori per la pace
2006, Comitato Italiano UNICEF
  Catalogo degli illustratori della Fiera del libro per ragazzi 2009. Annual 2009
2009, Bononia University Press
  Illustratori italiani. Annual 2006
2006, Lint Editoriale
  Tecnica per illustratori fantasy
Lippincott Gary A., 2007, Il Castello
  Favolario illustrato. Scrittori e illustratori per i villaggi S.O.S
2007, Il Ponte del Sale
  Il filo del tempo tra colori e pagine ingiallite. Illustratori e libri per bambini e ragazzi dalla fine dell'Ottocento ad oggi
Paladin Luigi, Pasinetti Laura, 2001, La Compagnia della Stampa
  Adobe Illustrator CS3. Classroom in a book. Con CD-ROM
2007, Pearson Education Italia
  Catalogo Bolaffi del manifesto italiano. Dizionario degli illustratori
1995, Bolaffi