homepage   Menu generale   cerca





Chiesa Santa Prassede


Chiesa Santa Prassede

Chiesa di Santa PrassedeLa Basilica di Santa Prassede (in latino: Basilica Sanctae Praxedis) è una basilica minore situata vicino alla basilica di Santa Maria Maggiore, fatta costruire da Papa Pasquale I (817-824), su un luogo di culto esistenti già dal V secolo d.C. per custodire le spoglie di circa duemila martiri cristiani.

Ricchissima di opere d’arte medievali, vi si accede dal portale laterale aperto sull’omonima strada; l’ingresso principale sulla facciata laterizia a spioventi, con portale del 1500 è aperto nelle festività, si affaccia a una quota assai più bassa su via di S. Martino ai Monti

La pianta interna è a tre navate divise da colonne di granito.
Santa Prassede - Navata e mosaico absidale

Al centro del pavimento un disco di porfido copre il pozzo dove Santa Prassede raccolse i resti dei martiri e, in un piccolo vano a destra dell'ingresso, è situata la Colonna della Flagellazione, portata da Gerusalemme nel 1223 e ritenuta quella a cui fu legato Gesù.

L'elemento più impressionante della chiesa,  è il mosaico decorativo della Cappella di San Zenone considerato ilmonumento bizantino più importante di Roma, voluto da Papa Pasquale I.

Vi si accede per un portale inquadrato da due colon­ne di marmo nero, con capitelli e basi eseguiti appositamente a imitazione di quelli antichi, su cui poggia una bella architrave antica sormontata da un’urna del I secolo.
Santa Prassede - Cappella di San Zeno
Al di sopra della porta, la finestra circondata da una fascia a ferro di cavallo nella quale sono raffigurati la Madonna col Bambino e Santi e nel giro esterno Cristo e gli Apostoli.

L’interno è di grande suggestione, anche se di dimensioni limitate, a pianta quadrata, con volta a crociera sorretta da quattro colonne di granito proveniente da antiche costruzioni romane. 

Nella volta, quattro elegantissimi angeli vestiti di bianco, sorreggono un tondo col Cristo benedicente; nelle lunette e in un piccolo vano vi sono altri mosaici con Santi Martiri, oltre a Teodora madre di Pasquale I (definita «Episcopa»).
Santa Prassede - La Cripta
Davanti, sul terzo pilastro della navata si trova  una delle prime opere di Gian Lorenzo Bernini: il busto del vescovo Santoni (1614).

Un aspetto intrigante e relativamente sconosciuto è un vano, un tempo parte del transetto alla base del campanile dell’XI secolo, che conserva alcuni vivaci affreschi con scene di martirio, risalenti al IX secolo

Al centro davanti l'abside è disposta la cripta semianulare che, attraverso due gradini di rosso antico, sale al presbiterio dove svetta il ciborio, opera di Antonio Ferrari (1730) che reimpiega quattro splendide colonne di porfido rosso del precedente ciborio di Pasquale I.




Come arrivare alla Chiesa di Santa Prassede





Link sponsorizzati





Libri e Guide su Lazio e Roma

Museo dei Fori Imperiali. Mercati di Traiano. Guida. Ediz. italiana e inglese 
2008, Mondadori Electa
Guida alle grandi famiglie che fecero Roma 
Majanlahti Anthony, 2007, Vallardi A.
Isole. Guida vagabonda di Roma Lodoli Marco, 2008, Einaudi Guida alle catacombe di Roma 
Mancinelli Fabrizio, 2007, Scala Group
Colosseo. Guida breve. Ediz. italiana
2008, Mondadori Electa
Guida archeologica di Roma 
2007, Mondadori Electa
Roma e i suoi luoghi d'acqua. Guida per giovani viaggiatori
Achinto Cristina; Valentinelli Alessandra, 2008
Roma. Guida non conformista alla città
Abbate Fulvio, 2007, Cooper