Guida di Spello

Come arrivare a Spello

Mappa di SpelloIn auto:
- D Firenze e  Bologna, con la A1, uscire a Valdichiana, immettersi nella SS.75 Bis del Trasimeno, proseguire finoaPerugia/P.S.Giovanni direzione Foligno. Uscire a Spello
.- Da Roma, con la A1, uscire a Orte, prendere direzione Terni/Spoleto proseguire per Foligno, quindi subito dopo uscire a Spello.
- Oppure dalla A14 Adriatica uscire a Civitanova Marche - Macerata, indicazioni per Perugia con uscita a Spello.

In autobus:

Collegamenti giornalieri con autolinee ACAP-SULGA da e per Perugia tel. 800.099.661

In treno:
La stazione ferroviaria di Spello è sulla linea Milano-Roma, Firenze - Ancona - Orte.

In aereo:
Gli aeroporti più vicini a Spello sono l'aeroporto S. Egidio l'aeroporto di Roma-Fiumicino




Cosa visitare a Spello

Spello Porta di Venere e torri di ProperzioLa visita di Spello inizia dalla sua parte più bassa, ancora cinta dalle Mura Romane ben conservate, nelle quali si aprono, tre porte: sulla Via Roma, la Porta Urbica e, sulla Piazza del Mercato la grandiosa Porta Consolare, del I sec. a. Cristo.

La terza porta, chiamata Porta Venere, presenta due belle torri a base dodecagonale, le Torri di Properzio.
 

Spello - Chiesa di S. Maria Maggiore

Spello ComunePoco più avanti, sulla destra dello slargo intitolato a Matteotti, si erge la chiesa del 1025 appartenne ai Camaldolesi dell‘abbazia di S. Silvestro di Collepino, ricostruito nel 1285 in forme romaniche, poi ingrandito in lunghezza nel 1644, demolendo il precedente portico e spostando in avanti la facciata di 7 metri, conservando però le decorazioni con ghirlande di foglie d‘acanto del portale romanico.

L‘interno a croce latina presenta delle volte a crociera ed è allestito con ricchi altari del XVIII secolo.

Vale la visita la famosa Cappella Baglioni con gli affreschi del Pinturicchio, considerati quelli della sua migliore produzione ed il suo autoritratto. Il pavimento in maioliche di Deruta (1526).



Cosa vedere a Spello e dintorni

Spello - Cappella BaglioniCamminando per Spello si incontrano molti antichi e preziosi avanzi come i ruderi dell'Anfiteatro romano, del Teatro riccamente ornato di sculture marmoree, rinvenute nei vicini scavi, i ruderi di un Tempio di Diana, l'arco romano detto della Fortezza, il famoso Tempietto sacro a Clitunno, eretto presso le sorgenti di quel fiume cantato dal nostro grande poeta Giosuè Carducci, gli avanzi di vari acquedotti e terme dicono la grandezza che ebbe questa città al tempo di Roma e la sua importanza nella regione Umbra.

Spello - La casa romana

Spello - domus romanaLa Casa romana, risalente al I secolo d. C., già restaurata nel II secolo, fu riportata alla luce nel 1885 grazie agli scavi eseguiti sotto il Municipio.

L’iscrizione presente sulle mura dell’edificio fa ritenere che lo stesso fosse di proprietà di Vespasia Polla (madre di Vespasiano): sono ancora ben visibili l'atrio con la pavimentazione originaria a mosaico a tessere bianche e nere, l’impluvium, decorato con un mosaico ad onda, le quattro stanze laterali all'atrio e il grande ambiente in cui si svolgevano le riunioni familiari, con il triclinio sul lato destro e il peristilio a sinistra.






Spello, l'Infiorata

Spello L'InfiorataOgni anno, in occasione della Processione del Corpus Domini, le strade del borgo medioevale di Spello, si trasformano in un meraviglioso, spettacolare, immenso tappeto di fiori.

Oltre 1,5 km delle vie del centro vengono decorate da quadri di arte sacra composti con petali di fiori.

Le Infiorate sono un evento unico per il turismo religioso, e trasformano Spello nella “capitale dei fiori”.

Da ammirare le composizioni floreali lungo le strade, e le decorazioni dei balconi.

Da vivere “la notte dei Fiori” di Spello, ammirando il lavoro frenetico e spettacolare degli infioratori, assistere ai numerosi spettacoli di musica, visitare le mostre mercato.






Foto di Spello

slideshow
slideshow

Spello 28
cappella Baglioni
(Pinturicchio)



Musei di Spello

Museo Civico e Pinacoteca di Spello
Il Museo è allestito nel Palazzo dei Canonici (XVI sec.), e conserva importanti opere d'arte comprese tra il XIII e XVIII sec., tra cui la Madonna in trono con il Bambino, scultura lignea policroma del XIII-XVI sec., il grande trittico del Maestro dell'Assunta di Amelia, Madonna con Bambino e Santi di Marcantonio Grecchi, il dittico di Cola Petruccioli del 1391 e la croce astile di Paolo Vanni del 1398, la tavola del Cristo Crocifisso di Niccolò Alunno e Pietro di Mazzaforte. Inoltre oreficerie, tessuti e oggetti sacri e l'urna di San Felice del XVIII sec.

Spello (Perugia), p.zza G. Matteotti, 10 - Tel. 0742/301497

Orario: 10.30-12.30 e 15-17 da venerdì a domenica (periodo invernale fino a marzo)- chiuso gli altri giorni.




Argomenti correlati




Libri e Guide sull'Umbria

  Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
  Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
  The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
  Umbria
Mondadori Electa
  Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
  Pintoricchio. Itinerari in Umbria
  Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
  L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
  L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
  Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
  Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
  Umbria
2008, Touring
  Toscana e Umbria
2008, EDT
  Umbria
2008, Mondadori Electa
  Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
  Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
  Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
  I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
  Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
  Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)