IL MIO AUTUNNO

Enrico Riccardo Spelta - Il mio autunno

Odio la retorica
che ti dipinge
come fossi solamente
una stagione
di foglie gialle e secche
che cadono da rami
infreddoliti
dalle prime brezze
gelide del nord
mentre vecchie comari
si recano in sciami
a trovar parenti
portando crisantemi
ed è tutta una festa
di colori infiammati
mentre negli arbusti
ancor vivi
prendono forma
tele di ragni
imperlinate di rugiada
dovuta ad un sole ormai malato
che fa ritirare di buon'ora
pure la luce del giorno
ed il sonno si fa più caro
al mattino
mentre l'armadio si rinnova
e i primi ciocchi
cadono nel camino
per celebrare
l'immancabile rito
delle caldarroste
il cui profumo
si mischia nel salone
all'acre odore
dei funghi trifolati

No non è questo
il mio autunno

Il mio autunno
sei tu...

...mia vergine primavera!

Autore: Enrico Riccardo Spelta

Torna all'indice poesie Spelta up







Annunci e Argomenti correlati