MATTINO D'AUTUNNO

Attilio Bertolucci - Mattino d'autunno Un pallido sole che scotta
come se avesse la febbre
e fa sternutire quando
la gioia d’esser giovani
e di passeggiare di mattina
per i viali quasi deserti
è al colmo, illumina l’erba
bagnata e la facciata rosa
di un palazzo. Tutto è gioviale
buongiorno e sereno, raffreddore
e mezza stagione. E Goethe
in mezzo alla piazza sorride.




SOLITUDINE

Attilio Bertolucci - Solitudine
Io sono solo
il fiume è grande e canta
chi c’è di là?

Pesto gramigne bruciacchiate.

Tutte le ore sono uguali
per chi cammina
senza perché
presso l’acqua che canta.

Non una barca
solca i flutti grigi
che come giganti placati
passano davanti ai miei occhi
cantando.

Nessuno.




PER UN BEL GIORNO

Attilio Bertolucci - Per un bel giorno Un cielo così puro
un vento così leggero
non so più dove sono
dove ero.

O gaggia nuda,
bruna violetta
che nel calore fugace
appassisci….

Giorno te ne vai
e non sai nulla di me e della violetta
che tanto amo
e del ramo nudo della gaggia,
giorno, non andar via.




GLI ANNI

Attilio Bertolucci - Gli anni
Le mattine dei nostri anni perduti
i tavolini nell’ombra soleggiata dell’autunno,
i compagni che andavano e tornavano, i compagni
che non tornarono più, ho pensato ad essi lietamente.

Perché questo giorno di settembre splende
così incantevole nelle vetrine in ore
simili a quelle d’allora, quelle d’allora
scorrono ormai in un pacifico tempo.

La folla è uguale sui marciapiedi dorati,
solo il grigio e il lilla
si mutano in verde e rosso per la moda,
il passo è quello lento e gaio della provincia.




NESSUNO DI VOI

Attilio Bertolucci - Nessuno di voi Nessuno di voi, nessuno che venga dal Nord
mi porta notizie di casa,
le ultime, come fosse il tempo
a Parma, prima che il treno partisse?

A mezzo il mattino, alle dieci,
la folla minuta in lento transito
e commercio, in ozio frettoloso, in segreta
solitudine nel breve giro dei borghi,
la luce più debole che qui
sulle acque schiarite, se pure
il sole uscisse alla fine e le foglie dei platani







Annunci e Argomenti correlati




Libri di Attilio Bertolucci

  La casa del poeta. Ventiquattro estati a Casarola con Attilio Bertolucci
Lagazzi Paolo, 2008, Garzanti Libri
  Cartoline illustrate
Bertolucci Attilio, 2007, Monte Università Parma
  Un ritmo per l'esistenza e per il verso. Metrica e stile nella poesia di Attilio Bertolucci
Magro Fabio, 2005, Esedra
  Il divino egoista
Bertolucci Attilio; Fasoli Doriano, 2002, Edizioni Associate
  Viaggio nella prosa di Attilio Bertolucci
Indini Cristiana, 2006, Pensa Multimedia
  Attilio Bertolucci. Il divino egoista
Marinucci Caterina, 2004, Aracne
  Attilio Bertolucci. La trama dei giorni da ricordare
Castellari Mariagiulia, 2001, Mobydick
  La camera da letto
Bertolucci Attilio, 2000, Garzanti Libri
  Dagli scapigliati ai crepuscolari
Bertolucci Attilio; Palli Baroni Gabriella, 2001, Ist. Poligrafico dello Stato
  Ho rubato due versi a Baudelaire
Bertolucci Attilio, 2000, Mondadori
  La lucertola di Casarola
Bertolucci Attilio, 1997, Garzanti Libri
  Le poesie
Bertolucci Attilio, 1998, Garzanti Libri
  La camera da letto. Vol. 1
Bertolucci Attilio, 1984, Garzanti Libri
  Opere
Bertolucci Attilio, 1997, Mondadori
  Viaggio d'inverno (1955-1970)
Bertolucci Attilio, 1971, Garzanti Libri
  Aritmie
Bertolucci Attilio, 1991, Garzanti Libri
  All'improvviso ricordando. Conversazioni
Bertolucci Attilio; Lagazzi Paolo, Guanda