Betsabea al bagno (1725)




Biografia e vita di Sebastiano Ricci (1659 - 1734)

Conosciuto anche come: Sebastiano Ricchi, B. Ricci, Sabastian Rici, Sebastian Richter, Sebastiano Rizzi, sab. Ricci, Seb Ricci, Sebn. Ricci, Sebr. Ricci.
Studente di: Federico Cervelli (1638-1700).
Insegnante di: Francesco Fontebasso (1707-1769), Daniel Gran (1694-1757), Anton Maria Zanetti (1680-1757)

Dipinto di Sebastiano Ricci Sebastiano Ricci nasce a Belluno nel 1659 ed inizia la sua formazione artistica a Venezia.

Considerato una delle figure principali della rinascita della Pittura Veneta del 1700, ha imparato a dipingere studiando i lavori di Paolo Veronese e di altri pittori italiani del 1500 che erano i suoi veri maestri, influenzando a sua volta i pittori della nuova generazione, come Giambattista Tiepolo.

Tendenzialmente portato a mettersi nei guai, specialmente per tresche amorose, ritenuto responsabile di un tentativo di  omicidio, Sebastiano Ricci fugge a soli 22 anni a Bologna, dove però non vi si stabilisce, preferendo mantenersi costantemente in movimento.

Per quindici anni Sebastiano Ricci conduce una vita vagabonda, lavorando in varie città italiane a Bologna, Roma, Modena, Firenze e Parma, prima di andare a Vienna a lavorare nel Castello di Schönbrunn.

Pittura di Sebastiano Ricci

Tornato finalmente a casa nel 1696, preceduto dalla fama di grande decoratore oltre che di pittore ad olio molto piacevole, riceve molte commissioni importanti a Venezia ed a Firenze.

Nel 1711, 1712, il pittore lavora in Inghilterra con il nipote Marco, anche lui pittore affermato e crea, per l'aristocrazia inglese, luminose opere decorative, confermando la sua fama internazionale.

Sebastiano e Marco Ricci restano a Londra fino al completamento della decorazione della cupola di St Paul's e dell'Hampton Court Palace (1716).

Sulla via del ritorno, il pittore si ferma a Parigi ed incontra il pittore rococò Jean Antoine Watteau, nel cui studio copia alcuni disegni che completerà ad olio in Italia.
La vita seminomade di Sebastiano Ricci ha avuto molta influenzata sia sulla richiesta dei committenti che desideravano affidargli delle commissioni, che sulla qualità del suo lavoro che risulta irregolare ed alcune volte mostra segni di svogliatezza.

Nonostante tutto, la sua carriera itinerante è stata importante nella diffusione della conoscenza dell'Arte Decorativa Italiana, conquistando, con il suo stile vivace e con la colorazione fresca ed esuberante, committenti del mondo ecclesiastico e alle Corti di tutta Europa.

Sebastiano Ricci sempre collaborando con suo nipote, ha creato opere in tutta Europa fino a poco prima della sua morte nel 1734.






Galleria opere d'arte di Sebastiano Ricci

slideshow
slideshow

sebastiano ricci Ultima cena (1714)
Ultima cena (1714)

Betsabea al bagno (1725)
Betsabea al bagno (1725)

Betsabea al bagno
Betsabea al bagno

Baccante (1710)
Baccante (1710)

sebastiano ricci Famiglia di centauri
Famiglia di centauri

Ercole e Onfale
Ercole e Onfale

Resurrezione (1716)
Resurrezione (1716)

Susanna e i vecchioni (1713)
Susanna e i vecchioni (1713)

sebastiano ricci Ratto di Europa (1720)
Ratto di Europa (1720)

Diana e Callisto
Diana e Callisto

Sacrificio di Sileno (1723)
Sacrificio di Sileno (1723)

Venere e Satiro (1720)
Venere e Satiro (1720)

sebastiano ricci Mosè difende le figlie di Ietro
Mosè difende le figlie di Ietro

Incontro di Bacco e Arianna (1713)
Incontro di Bacco e Arianna (1713)

Muzio Scevola (1684)
Muzio Scevola (1684)

Sacrifico di Polissena (1730)
Sacrifico di Polissena (1730)

sebastiano ricci Punizione di Cupido (1707)
Punizione di Cupido (1707)

Angeli che scolpiscono la statua della Madonna (1705)
Angeli che scolpiscono la statua della Madonna (1705)

Abramo e gli angeli (1695)
Abramo e gli angeli (1695)

Assunzione (1733)
Assunzione (1733)

sebastiano ricci Venere e Adone (1706)
Venere e Adone (1706)

Venere e Cupido
Venere e Cupido

Venere, Cupido e Vulcano
Venere, Cupido e Vulcano

Bacco e Arianna
Bacco e Arianna

sebastiano ricci Adorazione dei pastori (1734)
Adorazione dei pastori (1734)

Liberazione di san Pietro (1722)
Liberazione di san Pietro (1722)

Autoritratto (1706)
Autoritratto (1706)

Apoteosi di un santo (1695)
Apoteosi di un santo (1695)


Annunci e Argomenti correlati




Libri sulla Pittura della Scuola Veneziana

  La pala di Marco Martino nella Scuola Grande della Carità e la pittura a Venezia nella seconda metà del Trecento
Cavanna Annamaria, 2006, Felici
  Ricerche sulla pittura veneta (1946-1969)
Longhi Roberto, 1978, Sansoni
  La scuola grande di san Rocco a Venezia-The scuola grande di San Rocco in Venice
2009, Panini Franco Cosimo
  La pittura nel Veneto. Il Seicento
2000, Mondadori Electa
  La pittura veneta negli Stati estensi
Bentini Jadranka, Marinelli Sergio, Mazza Angelo, 1997, Artioli
  Le meraviglie della pittura tra Venezia e Ferrara. Dal Quattrocento al Settecento
2005, Silvana
  La Scuola Grande di San Rocco a Venezia
2008, Panini Franco Cosimo
  I quattro secoli della pittura veneziana
Finocchi Ghersi Lorenzo, 2003, Marsilio