foto museo alte nationalgalerie berlino




Museo Alte Nationalgalerie di Berlino

Alte Nationalgalerie Berlino - EsternoLa Alte Nationalgalerie di Berlino è un grande museo dedicato all'arte tedesca dell'800.

È uno dei 5 musei che costituiscono la Nationalgalerie, vasto insieme di opere d'arte dall'800 a oggi.

Con gli altri 4 musei fa capo agli Staatlichen Museen zu Berlin - Stiftung Preussischer Kulturbesitz, l'organizzazione che riunisce tutte le collezioni statali presenti a Berlino.

Sull'Isola dei Musei l'Alte Nationalgalerie si trova fra la Gemäldegalerie Alte Meister e la Neue Nationalgalerie.




Informazioni per la visita

Alte Nationalgalerie Berlino - Cupola ingressoLa Alte Nationalgalerie di Berlino ha sede nell'omonimo edificio sulla Museumsinsel .

Indirizzo:
Alte Nationalgalerie - Bodestrasse 1-3, 10178

Telefono:
030-20905801
Fax:030-20905802

Internet: www.smb.spk-berlin.de/ang

Orari: Lunedì-Domenica 10-18, Giovedì 10-22

Visite Guidate:

Ingresso gratuito la prima domenica del mese.

Metropolitana U-Bahn U6 (Friedrichstrasse)
S-Bahn S1, S2, S25 (Friedrichstrasse

Fermata "Hackescher Markt".

Autobus:100.

Tram: M1, 12 (Kupfergraben);
M4, M5, M6 (Hackescher Markt)

Storia dell'Alte Nationalgalerie di Berlino

Alte Nationalgalerie Berlino - scala internaLe vicende storiche della Alte Nationalgalerie si intrecciano con quelle della Neue Nationalgalerie; hanno entrambe originano dalla gloriosa Nationalgalerie e dalle sue vicissitudini storiche.

L'edificio venne progettato in forme neoclassiche dall'architetto August Stüler per contenere le collezioni della Nationalgalerie.

Un primo evento cruciale nella sua storia è stata la fusione, negli anni '90, delle collezioni, in precedenza suddivise tra Berlino Ovest e a Berlino Est.

Secondo, e definitivo evento, è stato la sua apertura nel 2002, completamente riorganizzata.


L'architettura del Museo

Alte Nationalgalerie BerlinoLa struttura dell'Alte Nationalgalerie si alza su un alto basamento, è raggiungibile tramite una doppia scalinata alla base della quale vi è una statua equestre di Federico Guglielmo IV.

L'edificio ha l'aspetto di un tempio corinzio:
una fila di colonne precede la facciata dell'edificio dove sul timpano è simbolizzata la Germania come patrona delle arti e una statua che rappresenta l'arte.

La costruzione riprende stili o elementi di tre costruzioni modello: le colonne richiamano i templi, la scala monumentale richiama invece il teatro e l'abside richiama la chiesa.

Con queste tre idee l'architetto Stühler volle unificare in un unico edificio l'idea di nazione, storia ed arte.

Le collezioni dell'Alte Nationalgalerie

Alte Nationalgalerie Berlino - HofmannGli affreschi, le tappezzerie in tessuto e le scalinate di marmo della Vecchia Galleria Nazionale fanno sfarzoso sfondo a tre collezioni che comprendono 440 tele e 80 sculture divise su tre piani di esposizione.

Al primo piano espositivo le opere dell'artista tedesco Adolph Menzel e sculture tra le quali un'opera del Canova preparano il visitatore alla vista di  autentici capolavori che rappresentano di secoli dell'arte europea.

 

Al secondo piano sono esposte pitture dell'impressionismo francese e artisti della seconda metà dell'Ottocento.

Al terzo piano troviamo opere di artisti tedeschi del Romanticismo e gli affreschi dei Nazzareni.

Primo Piano - Adolph von Menzel

Una delle sale più rappresentative è quella dedicata a Adolph von Menzel precursore dell’impressionismo.

Menzel, pittore di origine polacca, famoso per la sua scintillante rappresentazione di scene, di concerti nel palazzo di Federico il Grande o banchetti e balli alla corte di re Guglielmo I, ha anticipato lo spirito dell'Impressionismo.

Fra le altre opere troneggia il bellissimo "Camera con Balcone (1845) e la "Sitting Room" (1847), dove Menzel anticipa nella sua pittura luminosa e leggera lo stile del movimento impressionista francese, grazie alla sua sensibilità per gli effetti di luce e per l'uso di pennellate libere.

Nella stessa sala è esposto il suggestivo "Laminatoio", dove Ciclopi moderni lottano tra le luci flebili del metallo in fusione ed il grandioso "Concerto per flauto di Federico II a Sanssouci" del 1852.

Primo Piano - Le sculture

Alte Nationalgalerie - Berthel ThorwaldsenAl primo piano espositivo troviamo tutto il patrimonio scultoreo del museo.

Si trovano esposte opere di Berthel Thorwaldsen, Antonio Canova, Ridolfo Schadow, Reinhold Begas, Adolf von Hildebrand e Constantin Meunier.

Le attrazioni principali della collezione di sculture includono il famoso gruppo di principesse, la doppia statua delle principesse Luisa e Federica e le numerose opere dell'arte greca.


Secondo Piano: L'Impressionismo Francese

Alte Nationalgalerie - Edouard ManetAl secondo piano c'è la collezione dedicata agli Impressionisti francesi che si apre con le opere di Max Beckman, Maurice Denice, Bonnard e di Max Liebermann e contiene opere minori di Edouard Manet, Claude Monet, Auguste Renoir, Edgar Degas, Paul Cézanne, Courbet e sculture di Auguste Rodin.

Fra le opere più ammirate "Dans la serre" (Nella serra 1879) di Edouard Manet, "il pensatore" di Rodin e "L’Onda" di Courbet,

Hans Thoma, Anselm Feuerbach, Arnold Böcklin, Hans von Marées, Wilhelm Leibl e Max Liebermann.
Da non perdere, tra gli altri, l’Autoritratto di Fantin Latour e la lasciva Madmoiselle Rose di Delacroix.

Terzo Piano: La Pittura Tedesca

Alte Nationalgalerie -  Caspar David FriedrichIn due sale sono esposte opere del Romanticismo tedesco, di Karl Friedrich Schinkel, Karl Blechen e Caspar David Friedrich, precedentemente esposte allo Schloss Charlottenburg.

Qui sono esposte anche opere di Philipp Otto Runge e Gottlieb Schick, Jakob Philipp Hackerts, Peter Cornelius, Friedrich Overbeck, Wilhelm Schadow oltre le opere del periodo Biedermeier di Eduard Gaertner e Johann Erdmann Hummel.

Le opere più ammirate sono "Der Mönch am Meer" (Il monaco in riva al mare 1810) e "Mann und Frau den Mond betrachtend" (Un uomo e una donna contemplano la luna) di Caspar David Friedrich, e Die Toteninsel (L’isola dei morti,1883) di Arnold Böcklin.

Gli affreschi di Roma

Alte Nationalgalerie Berlino -  Affresco di RomaL'ultimo piano della Nationalgalerie è dedicato agli artisti tedeschi del periodo in cui visse Goethe: paesaggi di Jakob Philipp Hackert, ritratti di Anton Graff e anche una originale esposizione dei lavori di pittori tedeschi che in quel tempo lavoravano a Roma.

Per il loro aspetto da monaci e per la loro vita semplice, erano stati ribattezzati, i Nazareni.

Mentre erano a Roma, Jacob Salomon Bartholdy, console generale di Prussia a Roma, affidò al gruppo la decorazione di una sala della sua residenza a Palazzo Zuccari.

Gli affreschi furono poi distaccati nel 1887 e sono oggi qui visibili.


Torna all'indice Musei up




Annunci e Argomenti correlati



L'Alte Nationalgalerie di Berlino ed alcune sue opere esposte

foto_musei/museo_alte_nationalgalerie_berlino_gottlieb_schickx.jpg
Gottlieb Schick

foto_musei/museo_alte_nationalgalerie_berlino_arnold_bocklinx.jpg
Arnold Bockli

foto_musei/museo_alte_nationalgalerie_berlino_renoirx.jpg
Pierre Renoir

(altre opere dopo gli annunci)

Annunci



Libri e Guide ai Musei di Berlino

I musei statali a Berlino
Giunti Editore


Libri sull'ARTE

  Il volto di Gesù. Storia di un'immagine dall'antichità all'arte contem...
Caroli Flavio, Mondadori
  Follia? Vita di Vincent Van Gogh
Guerri Giordano B., Bompiani
  Davanti all'immagine
Sgarbi Vittorio, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  La pittura moderna e la tradizione romantica del Nord da Friedrich a Rothko
Rosenblum Robert, 5 Continents Editions
  Arte moderna. Dal Postimpressionismo all'Informale
Mondadori Electa
  Trattato della pittura
Leonardo da Vinci, Giunti Demetra
  Vermeer
Tazartes Maurizia, Mondadori Electa
  Bosch
Dello Russo William, Mondadori Electa
  Arte d'Oriente. Arte d'Occidente. Per una storia delle immagini nell'era della global...
Caroli Flavio, Mondadori Electa
  Episodi e personaggi dell'Antico Testamento
De Capoa Chiara, Mondadori Electa
  Grande atlante del Rinascimento
Zuffi Stefano, Mondadori Electa
  Grande atlante del design dal 1850 a oggi
Morteo Enrico, Mondadori Electa