foto corrente Nuovo Realismo




Cos'é il Nuovo Realismo

Il Nuovo Realismo è un movimento artistico nato nel 1960 dal critico P. Restany.

Con questa corrente artistica pittori e scultori con mezzi non tradizionali propongono una nuova realtà utilizzando la sua stessa materia.

Il Nouveau Realisme, o Nuovo Realismo, utilizza materiali usati della vita di tutti i giorni per riassemblarli, accostarli, inscatolarli, dando loro una nuova forma e un nuovo significato, una sorta di collage tridimensionale.

I principali protagonisti di questa corrente artistica sono: Klein, Tinguely, Christo, Cesar, Spoerri e Rotella.

La prima esposizione del Nuovo Realismo risale al 1960 a Milano e l'anno successivo a Parigi.

Il Nuovo Realismo può ricordare la Pop Art ma il significato delle sue opere è ben diverso.

Infatti questa nuova forma artistica vuole dare risalto all'attività dell'artista e a tutte le azioni che conduce prima di arrivare al termine dell'opera.

Gli oggetti utilizzati spesso sono rovinati e distrutti, ma riassemblati e reinterpretati diventano opera d'arte come simbolo di una generazione che distrugge i vecchi valori per crearne di nuovi.

È l'azione quindi dell'artista e non l'oggetto in sè come per i dadaisti a dare senso e significato all'opera d'arte.

I Nouveaux Réalistes rifiutano la pittura in senso classico e si concentrano sull'attività del produrre più che sul prodotto finale.

Il gruppo considerava il mondo come una fonte da cui poter prendere parti e incorporarle nella loro arte, come un modo per avvicinare la vita e l'arte quasi creando una sorta di "riciclaggio poetico della realtà urbana, industriale e pubblicitaria".

Raymond Hains, Mimmo Rotella, Jacques Mahé de la Villeglé e Wolf Vostell hanno sviluppato il décollage, ovvero la tecnica del poster strappato, creando opere utilizzando strati di manifesti delle affissioni pubblicitarie.

Il movimento si è sciolto nel 1970, sebbene abbia continuato a influenzare il lavoro di molti dei migliori artisti contemporanei per anni.

ARTISTI PIU' IMPORTANTI DEL NUOVO REALISMO

Yves Klein

foto corrente Nuovo Realismo yves klein

Uno degli artisti più significativi del nouveau réalisme è Yves Klein, scomparso prematuramente nel 1962.

Klein nella sua breve carriera è stato molto produttivo mettendo in scena avvenimenti e realizzando primi esempi di performance art usando il proprio corpo e anticipando l'arte concettuale.

Sono molto famosi i Monocromi di Klein, ovvero opere monocromatiche dipinte in diversi colori.

L'artista, usando puro pigmento, dipinse oltre mille tavole in sette anni di attività.

L'utilizzo da parte di Klein di un solo pigmento era per far preservare luminosità all'opera ma non solo.

Infatti l'uso del colore puro era un modo per ricercare una intima corrispondenza con l'uomo, dove il colore acquista quasi vita propria.

La maggior parte dei lavori di Klein si focalizzano sul blu, che voleva rappresentare il cielo e la terra uniti senza più un orizzonte a separarli.

Nel 1956 crea quella che lui stesso definisce "la più perfetta espressione del blu".

Tra le altre opere di Klein si distinguono le "Antropometrie" dove ad intingersi nel colore non era più il pennello ma la modella.

L'impronta lasciata sulla tela era per l'artista una "traccia di vita". "Intingevano" nel colore per poi stendersi su tela lasciando così un'impronta che l'artista definiva "traccia di vita".

Un'altra tecnica simile era quella delle "Registrazioni di pioggia" che Klein realizzava guidando nella pioggia a 70 miglia all'ora, con una tela legata sul tetto dell'auto, oppure accostando la tela al tubo di scappamento del veicolo per dipingerla con i fumi.

Insieme al collega Arman realizza nel 1960 un dipinto davanti a un folto gruppo di persone utilizzando modelle nude al suono ripetitivo e continuo di una sola nota musicale suonata da una orchestra.

Jean Tinguely

foto corrente Nuovo Realismo jean tinguely

Dopo Klean, Jean Tinguely è il più importante firmatario del manifesto di Nouveau Realisme.

Famose le sue "meta-matiche" e le opere realizzate utilizzando insieme circuiti di radio, luci e meccanismi motorizzati.

La sua opera più famosa "Homage to New York" (1960), era un assemblaggio di spazzatura che doveva autodistruggersi nel giardino del Museum of Modern Art di New York, cosa non successa, pertanto diede fuoco all'opera.

Christo

foto corrente Nuovo Realismo Christo

Unico nel suo genere l'artista Christo con la sua arte della confezione, "empaquetage" anche se non ha mai formalmente aderito al gruppo.

Considerata come forma europea di pop art americana, sebbene le attività dei suoi membri siano anteriori alla maggior parte delle immagini di Roy Lichtenstein e alla pop art di Andy Warhol, il nuovo realismo è più vicino allo spirito dell'arte d'avanguardia europea del 1960, come Fluxus e alle nuove forme di Assemblage Art.

Altri artisti del nuoveau realisme

Arman (1928-2005) ha creato collezioni di materiali terrestri scolpiti nelle sue "Poubelles" ("Bidoni della spazzatura").

Alla Galerie Iris Clert nel 1960, Arman riempì la galleria, dal pavimento al soffitto, con la spazzatura accumulata che aveva trovato.

Cesar divenne famoso per aver compresso intere automobili in blocchi schiacciati di metallo.


Altri artisti esponenti del Nuovo Realismo

Francois Dufrene (1930-82) specializzato nell'uso delle latte, l'artista ipergrafo Raymond Hains (1926-2005), lo scultore di materie plastiche Martial Raysse, Daniel Spoerri, famoso per le sue "immagini rullanti, Jean Tinguely (1925-1991) pioniere dell'arte cinetica, lo scultore d'avanguardia Cesar Baldaccini (1921-1998), l'artista di collage Gerard Deschamps (nato nel 1937), il disegnatore Mimmo Rotella (1918-2006).




Torna all'indice Correnti artistiche up



Link sponsorizzati





Libri sull'Arte Cinetica

Oltre il cubismo
Le Corbusier, Ozenfant Amédée, 2011, Marinotti
Tra Einstein e Picasso. Spazio-tempo, cubismo, futurismo
Schapiro Meyer, cur. Trini T., 2003, Marinotti
Cubismo. Ediz. italiana
Ganteführer-Trier Anne, 2005, Taschen
Cubism
Cox Neil, 2002, Phaidon
Collage-Collages. Dal cubismo al new dada. Catalogo della mostra (Torino, 9 ottobre 2007-6 gennaio 2008)
cur. Lamberti M. M., 2007
Yadwiga disastrosa donna russa. Postsimbolismo, cubismo, futurismo de la «Voce» a «Le Soirées de Paris»
Rodriguez Jean-François, 2004, San Marco dei Giustiniani
Pittura e idea. Ricerche fenomenologiche sul cubismo
cur. Pinotti A., 1998, Alinea