Corrente artistica Spazialismo




Cos'é lo Spazialismo?

CSpazialismo - Fontana - Scultura Nera 1947on il termine di Spazialismo si identifica un movimento fondato a Milano nel 1947 da Lucio Fontana, artista che aveva alle spalle una lunga carriera come scultore e pittore, legato alle esperienze Astratte ed Espressioniste.

Il primo Manifesto dello Spazialismo era stato redatto un anno prima a Buenos Aires, come Manifiesto Blanco.

Il Manifesto, firmato anche dai suoi allievi della Accademia di Altamira (Buenos Aires), afferma l’importanza di un nuovo modo di concepire lo spazio
e proclama l’abbandono della pittura da cavalletto.

L’arte non deve più sottostare alle limitazioni della tela o della materia («vogliamo che il quadro esca dalla sua cornice e la scultura dalla sua campana di vetro»), ma può allargare il suo campo, espandendosi attraverso nuove forme e tecniche espressive.





Precursori dello Spazialismo

Spazialismo - László Moholy-Nagy. Fotogramma, 1943Alcune idee dello Spazialismo le troviamo anticipate nell'Arte Informale per la sostanziale abolizione della forma nel suo significato più tradizionale e una ricerca di un linguaggio formale che prescinda da premesse razionalistiche o cognizioni scientifiche tradizionali.

Anche la scelta che i Dadaisti - Surrealisti fanno in merito alle regole compositive, preparano la strada allo Spazialismo, iniziando il processo di decostruzione del linguaggio artistico, accettando che il caso entri come componente fondamentali nel processo di creazione dell’opera.

Le opere dell'ungherese Lazlo Moholy-Nagy, artista ed esponente del Bauhaus, precorrono con le sue macchine luminose ed i fotogrammi artistici la smaterializzazione delle tele sostituite dalla lastra fotografiche, e la luce sostituisce i pennelli e i colori.

Nel 1936 Man Ray realizza una fotografia fissando dei disegni fatti con la luce e Pablo Picasso disegna con la luce a Vallauris nel 1949.

Gli artisti Spazialisti

Spazialismo - Fontana - Concetto spaziale sferico 1957Nel 1948 Lucio Fontana, firma un nuovo Manifesto (alla fine i manifesti spazialisti saranno sei), con Giorgio Kaisserlian, Beniamino Joppolo, Milena Milani e Antonino Tullier.

Negli anni seguenti questi artisti porteranno i principi dello spazialismo in Europa affiancati dall'americano di origine russa Mark Rothko, appartenente alla "Scuola del Pacifico", che svilupperà una sua teoria spaziale con richiami all'infinità energetica di Klein.

In seguito al Movimento Spazialista si avvicinano artisti come Alberto Burri, Roberto Crippa, Mario De Luigi, Ennio Finzi, Virgilio Guidi, Gino Morandis, Tancredi Parmeggiani, Giuseppe Santomaso, Atanasio Soldati, Giulio Turcato, Emilio Vedova, Luigi Veronesi.

Il cammino dello Spazialismo

Spazialismo - Beiamino JoppoloIl movimento Spazialista non ebbe uno sviluppo molto omogeneo, ma fu caratterizzato dalla figura carismatica di Lucio Fontana, riconosciuto padre dello Spazialismo, mentre il resto degli artisti aderenti al Movimento prosegue nell'applicazione degli intendimenti dello Spazialismo in sostanziale autonomia con forti intenti promozionali comuni, ma studiando tecniche diverse.

In molti di loro è evidente la coesistenza delle poetiche informali e gestuali, accanto ai principi spazialisti.

I Manifesti, punti fermi dello Spazialismo

Spazialismo - Fontana - Ambiente spaziale 1951Redigere il Manifesto Blanco" (1946), "Movimento Spaziale"(1948) "Manifesto tecnico della Spazialismo" (1951) e "Television Manifesto" (1952), furono il modo scelto da Lucio Fontana per stabilire i traguardi che il suo movimento avrebbe dovuto raggiungere con l'aiuto degli scienziati, dei tecnici della luce e dell'elettronica.

Nel 1949 Fontana crea ed espone il suo primo «ambiente spaziale», costituito da tubi ed elementi sospesi, fosforescenti e illuminati da una luce nera.

Con questo lavoro l'artista allarga la categoria dei "mezzi per fare arte" includere anche lo spazio stesso dell'opera, non servono solo a produrre l'opera, ma sono l'opera stessa.

Ultimo compito degli Spazialisti è la conquista nell’essenza e nella forma dell’arte della dimensione del tempo: per gli artisti spaziali quindi non esisterà più né pittura né scultura, ma solo "forme, colore, suono" in un discorso globale, al di là di classificazioni riduttive o artificiose.



I punti fermi di Lucio Fontana

Concetto spaziale - Attesa 1959Spazialismo - Fontana - Quanta 1960Con il primo Manifesto Spazialista l'artista afferma:
"La materia, colore e suono in movimento sono i fenomeni il cui sviluppo simultaneo costituisce la nuova arte".

Allo spazio viene data un’accezione anche fisica, non solo di trompe - l’oeil pittorico, ma di superficie attraversata dalla luce, costruita con la luce stessa.

«Con le risorse della tecnica moderna – scrive Fontana – faremo apparire nel cielo forme artificiali, arcobaleni di meraviglia, scritte luminose».

Spazialismo - Giuseppe SantomasoSpazialismo -Alberto BurriFontana cerca di superare i limiti bidimensionali della tela, per creare uno spazio al tempo stesso fisico e concettuale.

I tagli e i buchi dei suoi quadri monocromatici, oltre a rendere concreto lo spazio vuoto, consentono alla materia di esprimersi attraverso le sue stesse sporgenze e depressioni.

La visione cosmica di Fontana completata nel segno della spazialità: si concretizza nelle sue opere più famose, in "Concetti spaziali",  "Buchi"  "Tagli Attese",  "Ambienti",  "Nature",  "Quanta",  "Teatrini" e le straordinarie invenzioni in metallo o con il neon che concludono la sua avventura artistica.





Spazialismo - Roberto Crippa
Spazialismo  - Ennio Finzi
Spazialismo - Atanasio Soldati
Spazialismo - Giuseppe Santomaso


Torna all'indice Correnti artistiche up





Annunci o altre pagine interessanti:





Libri sul tema Spazialismo

  Elementi spaziali. Bonalumi, Castellani, Dadamaino, Scheggi
Forin Elena, 2011, Silvana
  Valérian e Laureline agenti spazio-temporali. Vol. 3
Mézières Jean-Claude, Christin Pierre, 2011, 001 Edizioni
  Dinamismo, spazio, luce nera. Giacomo Balla, Lucio Fontana, Roberto Almagno, Sandro Sanna. Ediz. italiana e inglese
cur. Canova L., 2011, Silvana
  Spazialismi. Riccardo Licata e la pittura a Venezia dal dopoguerra a oggi. Ediz. multilingue
cur. Granzotto G., Matveev V. J., 2010, Il Cigno GG Edizioni
  Ennio Finzi e lo spazialismo veneziano
Barbero Giovanna, Marangon Dino, Granzotto Giovanni, 2006, Il Cigno GG Edizioni
  Tancredi e lo spazialismo veneto
cur. Granzotto G., Alban A., Marangon D., 2004, Matteo
  Lucio Fontana. L'Arlecchino
Campiglio Paolo, 2010, Charta
  Lucio Fontana. Incisioni, grafica, multipli, pubblicazioni.
Ruhé Harry, Rigo Camillo, 2007, Reverdito
  Nuovo spazio, movimento, luce, colore. Elementi di storia dell'arte edespresioni grafiche. Con espansione online. Per gli Ist. professionali per iservizi commerciali
Trevi Carla, 2011, Hoepli
  Spazio, movimento, luce, colore
Trevi Carla, 2005, Hoepli
  Alberto Biasi. L'immaginazione: il movimento, lo spazio
cur. Granzotto G., 2007, Il Cigno GG Edizioni
 

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport