Guida di Spoleto

Come arrivare a Spoleto

Mappa di SpoletoCittà con un nobile passato posta sul colle di sant'Elia gode di una posizione privilegiata nell'alta Umbria.

In auto:
- Dal nodo di Bologna, con la A1, uscire a Valdichiana prendere la superstrada E45 direzione Perugia-Foligno; a Foligno con la  la SS3 indicazioni per Spoleto.
- Da Roma, con la A1, uscire a Orte e imboccare la SS75, direzione Terni e poi la SS 3.

In treno:
La Stazione di Spoleto è sulla linea Roma-Ancona; da Firenze, usare la rete locale umbra Terontola-Foligno, passando per Perugia.

In aereo:

Gli aeroporti più vicini a Perugia sono l'aeroporto S. Egidio che dista da Perugia km. 14 e l'aeroporto di Roma-Fiumicino che dista da Perugia km. 190.

Spoleto cenni storici

Spoleto - Rocca e Cattedrale Spoleto è una delle città più antiche dell'Umbria già abitata fin dalla preistoria, il suo nucleo fu fondato dagli Umbri verso il 1000 a. C. ma la fortuna per la città arrivò soltanto con l'impero romano quando nel 241 a.C. divenne una colonia dell'impero con il nome di Spoletium.

Anche Spoleto seguendo le sorti dell'Impero Romano, subì le scorrerie dei barbari, ma si riprese nel IV secolo quando divenne sede episcopale: S. Brizio fu il primo vescovo di Spoleto.

Divenne Ducato sotto la dominazione longobarda e si trovò a vivere un periodo turbolento sotto il Sacro Romano Impero. Fu contesa per molto tempo dai Franchi e dallo Stato della Chiesa nell'orbita del quale entrò nel 1240

Spoleto ancora storia

Spoleto Anfteatro romanoSpoleto divenne Ducato sotto la dominazione longobarda e, alla caduta di questi, restò sotto il controllo dei Franchi prima e della nobiltà pontificia poi, subendo un secolo si lotte fra le parti che se lo contendevano finché entro stabilmente nell'orbita dello Stato Pontificio, ma solo come Provincia.

Capoluogo del Dipartimento del Clitunno durante il periodo Napoleonico e poi Capoluogo del Trasimeno, nel 1814 con la Restaurazione venne restituita al papato, fino al 1860, quando venne annessa al Regno d'Italia.





Cosa vedere a Spoleto - Testimonianze romane

Passeggiando per il centro storico ci si può immergere nell'atmosfera dell'impero romano visitando il Teatro Romano (I sec. d.C.) oppure attraversando l'Arco di Druso e Germanico (23 d.C.).

La città divenne un centro "turistico" dove i nobili romani avevano la casa per le vacanze estive, per il clima fresco dei boschi e la salubrità dell'aria.

In centro si può visitare la bella Casa Romana attribuita alla madre dell'imperatore Vespasiano Polla.

Cose da vedere nella Spoleto medioevale

Quando Spoleto divenne sede episcopale (S. Brizio fu il primo vescovo di Spoleto nel I secolo), sorsero chiese, monasteri ed eremi, nei centri abitati, nelle campagne e lungo le pendici di Monteluco noto come Monte Sacro che sorge alle spalle della città.

Illustre testimonianza della presenza dei papi e dei governatori a Spoleto è la Rocca Albornoziana.
che fu costruita fra il 1359 ed il 1370, su volere del cardinale Egidio Albornoz.

La Rocca, a pianta rettangolare, all'interno ha due corti: La Corte d'armi (destinata ai soldati) e La Corte d'onore (destinata ai governatori pontifici); le due corti sono tra loro divise da un largo muro trasversale sovrastate da ben sei torri.

Cosa visitare a Spoleto - Il Duomo

Spoleto - DuomoCostruito sulle rovine dell'antica chiesa di S. Elia distrutta con la città dal Barbarossa nel 1155, il Duomo attuale, dedicato all'Assunta, fu costruito in stile romanico -lombardo verso la fine del XII secolo.

L’edificio, nei secoli, ha subito vari restauri e modifiche con l'aggiunta di un portico in stile rinascimentale.

L'interno, rifatto nel Seicento dal Bernini, conserva importanti opere d'arte, come il busto bronzeo di Urbano VIII, eseguito proprio dal Bernini.
Gli affreschi nella Cappella del Sacro Cuore sono del Pinturicchio; quelli dell'abside del presbiterio sono di fra' Filippo Lippi.

Una tela del Carracci, il Monumento sepolcrale a Francesco Orsini, l’Arca di Fra’ Filippo Lippi, la Cappella della SS. Icone, con una tavola bizantina della Madonna che si dice dipinta da San Luca, la Cappella delle Reliquie con un piccolo coro intagliato e intarsiato del Cinquecento. sono alcuni dei tesori conservati in questa chiesa.
 

Cosa vedere a Spoleto - Palazzo Comunale

Spoleto - Palazzo ComunaleSituato nella zona più antica della città, preceduto da un'elegante scalinata, l'edificio che risale al Duecento, fu ampliato nella prima metà del Quattrocento, per volere di papa Niccolò V che vi soggiornò con la famiglia.
Della prima costruzione rimane solo la torre a base quadrangolare, rimasta intatta fino alla cella campanaria.

Danneggiato dal terremoto del 1703, il Palazzo venne ricostruito sui resti del Palazzo del Podestà e altri palazzi medioevali.

L’aspetto attuale risale alla fine del Settecento ed ospita la Pinacoteca Comunale, fondata nel primo Ottocento, che raccoglie opere dal XII al XVIII secolo, compresi alcuni affreschi dello Spagna.

La facciata nord è ornata nel piano nobile da stemmi appartenenti alle famiglie dei personaggi illustri che dimorarono nel Palazzo; poco distante una piccola porta dava accesso al Monte di Pietà, istituito nel 1469 ed ora incluso nel palazzo.



Cosa fotografare a Spoleto

Spoleto - Ponte delle TorriDopo una lunga passeggiata panoramica intorno alla Rocca, si incontra il Ponte delle Torri, nome che deriva da "pons inter torres" che gli venne attribuito intorno al XVIII, per le due torri che ne sorvegliavano i lati, l'una sul Fortilizio dei Mulini, l'altra in prossimità della Rocca Albornoziana.

Lungo 236 metri ed alto circa 90, il Ponte delle Torri di Spoleto è un'opera enorme a dieci arcate, che fa da raccordo tra il Colle Sant'Elia e Monteluco per l'attraversamento della Valle del Tessino, costituito da una strada ed un acquedotto, sorrette da arcate ogivali e piloni di pietra.
Il ponte è stato probabilmente costruito verso la fine del XII secolo, dopo il saccheggio di Spoleto (1155) da parte del Barbarossa.

Spoleto - Musica e cucina

Spoleto - Gli stringozzi alla SpoletinaUna gita a Spoleto può comprendere una delle sagre dedicate ai prodotti tipici Umbri, vino, olio, salumi e paste al tartufo, ma anche alcune serate musicali per il Festival dei due mondi che si tiene fra giugno e luglio ogni anno.

Si deve assolutamente mangiare un buon piatto di stringozzi col tartufo nero, gli gnocchi ripieni con ricotta di pecora per poi degustare la Crescionda dolce antichissimo tipico dello spoletino.

Anche i paesi intorno a Spoleto sono stati contagiati dal gusto dello Slow Food e promuovono manifestazioni ed eventi dedicate all'ambiente, alla promozione del territorio, ma soprattutto ai Prodotti Tipici Umbri con riconoscimento DOP e IGP, sottolineando che l'Umbria è la prima regione a riconoscerli con una legge.






Foto di Spoleto

slideshow
slideshow

spoleto_003_rocca.jpg
Rocca di Spoleto

spoleto_001_scorcio
Scorcio

spoleto_009_duomo_rocca
Duomo e Rocca

spoleto_010_ponte_delle_torri
Ponte delle Torri

spoleto_005_arco_di_drusio
Arco di Drusio

spoleto_007_centro_storico
Centro storico

spoleto_008_piazza_del_mercato
Piazza del mercato

spoleto_004_interno_san_salvatore
Chiesa San Salvatore

spoleto_002_piazza_duomo
Piazza Duomo

spoleto_011_mura_di_cinta
Mura di cinta

spoleto_012_teatro_romano
Teatro Romano

spoleto_013_facciata_di_san_pietro
Chiesa di San Pietro

spoleto_014_torre_dell_olio
Torre dell'Olio

spoleto_015_palazzo_della_signoria
Palazzo della Signoria

spoleto_016_porta_san_gregorio
Porta San Gregorio

spoleto_017_palazzo_comunale
Palazzo Comunale

spoleto_018_palazzo_comunale
Palazzo Comunale

spoleto_019_teatro_lirico
Teatro Lirico

spoleto_020_fontana_del_mascherone
Fontana del Mascherone



Argomenti correlati




Libri e Guide sull'Umbria

  Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
  Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
  The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
  Umbria
Mondadori Electa
  Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
  Pintoricchio. Itinerari in Umbria
  Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
  L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
  L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
  Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
  Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
  Umbria
2008, Touring
  Toscana e Umbria
2008, EDT
  Umbria
2008, Mondadori Electa
  Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
  Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
  Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
  I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
  Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
  Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)