DI VIAGGIARE ALLA SOLA CURA

Stephane Mallarmé - Di viaggiare alla sola cura

Oltre un Oriente splendido e oscuro
Questo saluto sia messaggero
Del tempo, capo che doppi a prora
Come su qualche antenna in basso
Tuffantesi con la caravella
Spumeggiava sempre in sollazzo
Un uccello d'un'altra novella
Che gridava monotonamente
Senza che mutasse il timone
Un inutile giacimento
Notte, gioielli e disperazione
Nel canto che il riso richiama
Del pallido Vasco de Gama.




TRISTEZZA D'ESTATE

Stephane Mallarmé - Tristezza d'estate

Il sole, o lottatrice sulla sabbia assopita,
Nell'oro dei capelli un bagno languoroso
Ti scalda e ardendo incenso sulla gota nemica
Mescola con i pianti un incanto amoroso.
Quest'immobile calma e la fiamma del cielo
T'ha rattristata, o baci miei timorosi, e dici:
"Noi non saremo mai un sarcofago solo
Sotto il deserto antico e le palme felici! "
Ma la tua chioma fulva è un tiepido ruscello
Dove affondare fermi l'anima che ci assilla
E trovare quel Nulla che tu saper non puoi.
Io gusterò il belletto pianto dagli occhi tuoi:
Forse al cuor che colpisti esso donar saprà
Dell'azzurro e dei sassi l'insensibilità.




ANGOSCIA

Stephane Mallarmé - Angoscia

Non vengo questa sera per il tuo corpo, o bestia
Che i peccati d'un popolo accogli, né a scavare
Nei tuoi capelli impuri una triste tempesta
Sotto il tedio incurabile che versa il mio baciare:
Chiedo al tuo letto il sonno pesante, senza sogni,
Librato sotto il velo segreto dei rimorsi,
E che tu puoi gustare dopo le tue menzogne
Nere, tu che del nulla conosci più che i morti.
Poi che il Vizio, rodendomi l'antica nobiltà,
M'ha come te segnato di sua sterilità;
Ma mentre nel tuo seno di pietra abita un cuore
Che crimine o rimorso mai potrà divorare,
Io pallido, disfatto, fuggo col mio sudario,
Sgomento di morire se dormo solitario.




FOGLIO D'ALBUM

Stephane Mallarmé - Foglio d'album

Signorina voi che voleste
Le mie armonie diverse
Udire rivelarsi un poco
D'improvviso e come per gioco

A me sembra che questo saggio
Tentato innanzi a un paesaggio
Sia buono solo perché smisi
Per contemplare il vostro viso

Sì questo suono esile e vano
Che con la rattrappita mano
Io esclusi all'estremo limite

Manca di mezzi se esso imita
Il vostro semplice e squillante
Riso di bimba che l'aria incanta.







Argomenti correlati




Annunci e Argomenti correlati




Libri di  Stephane Mallarmé

  I «Trois poèmes de Stéphane Mallarmé» di Maurice Ravel. Poesia e musica alle origini della modernità
Pestelli Giorgio, 2008, Trauben
  Hérodiade, Scène
Martoccia Giuseppe, 2007, Aracne
  Il silenzio delle sirene. Percorsi di scrittura nel Novecento francese
Risset Jacqueline, 2006, Donzelli
  Manet e gli altri. Scritti d'arte
Mallarmé Stéphane, 2004, Medusa Edizioni
  Poesie e prose. Testo francese a fronte
Mallarmé Stéphane, 2005, Garzanti Libri
  Stephane Mallarmè. Un secolo di poesia. Atti del Convegno internazionale di studi (Napoli, 11-12 novembre 1999)
2004, La Città del Sole
  Il mare e la cattedrale. Il pensiero musicale nel discorso poetico di Baudelaire, Verlaine, Mallarmé
Landi Michele, 2001, ETS
  Il sogno, la follia. La passione dell'impossibile in Mallarmé e Van Gogh
Simone Pasquale, 2001, Besa
  Gli antichi dèi
Mallarmé Stéphane, 2001, Tirrenia-Stampatori
  Parole mancanti. L'incompiuto nell'opera di Mallarmé
Bevilacqua Luca, 2001, ETS
  Soliloquio d'un fauno. Mallarmé tradotto da Vincenzo Palumbo
Mallarmé Stéphane, 2000, ETS
  Il corteggio di Diana. Heine, Banville, Mallarmé, Valery
Giaveri M. Teresa, 1998, ETS
  Mallarmé. Il fauno e la principessa
Tomacelli Patrizia, 1996, Arcipelago Edizioni
  Racconti indiani. Testo tedesco a fronte
Mallarmé Stéphane, 1995, Fazi