Benvenuto Cellini Perseo




Biografia e vita di Benvenuto Cellini (1500-1571)

Ritratto di Benvenuto Cellini Benvenuto Cellini nasce nel 1500, il 3 di novembre, a Firenze e muore nella stessa città il 14 febbraio del 1571, anno in cui la flotta cristiana sconfigge definitivamente i turchi a Lepanto.

Il padre è un musicista della banda della Signoria e anche costruttore di strumenti.

Benvenuto a 16 anni viene esiliato da Firenze per una rissa. Vaga allora tra Bologna, Pisa, Roma e studia nelle botteghe orafe.

Il suo talento di artigiano interessa il papa Clemente VII che, nel 1529, lo nomina capo della bottega pontificia.

Due anni prima, nel 1527, sotto gli occhi dello stesso pontefice, Benvenuto combatte contro i Lanzichenecchi di Carlo V durante i nove mesi del sacco di Roma, e uccide il Conestabile di Borbone con un colpo di archibugio dalle mura di Castel Sant’Angelo.

Le opere di questo periodo (candelabri per il vescovo di Salamanca, un gioiello per la famiglia Chigi) sono andate perdute.
Scultura di Benvenuto Cellini
Intanto è protetto dal Cardinale Ippolito d’Este, così può passare solo qualche notte in prigione, dopo aver aggredito dal 1523 al 1530 tre persone, ucciso l’assassino di suo fratello, Cecchino, mercenario di Giovanni delle Bande Nere e subìto una condanna per sodomia.

Da una delle sue numerose fughe dalla legge nasce Cellini scultore di Bronzo.

Nel 1535 infatti è a Venezia, dove conosce Jacopo Sansovino e la tecnica della fusione.

Tornato a Roma viene arrestato nel 1538 con l’accusa di essersi impadronito di beni di proprietà del pontefice Clemente VII.

Grazie alla protezione del Cardinal Cornaro, evade qualche giorno dopo la cattura.

Nel 1540 è a Fontainebleau, alla corte di Francesco I, dove operano anche Rosso Fiorentino e Francesco Primaticcio i principali pittori della Scuola di Fontainebleau.

Tre anni dopo forgerà quel "monumento da tavola" che è la Saliera per il re cristianissimo Francesco.

Il 1554 lo vede lasciare in fretta la Francia (è indiziato per avere attentato le borse regali).
Statua di Benvenuto Cellini
Nel 1554 a Firenze esegue il suo capolavoro: il "Perseo", ubicato all’ombra della loggia dell’Orcagna dei Lanzi.

A Madrid scolpisce in un unico blocco marmoreo il "Cristo" per l’Escorial (1556-1557).

Nel 1558 inizia a scrivere "La Vita" che, per potenza narrativa, iperboli autoreferenziali e descrittive, rimane un topos della letteratura italiana che lo stesso Goethe tradusse in tedesco nel 1807.

Nel 1567 Benvenuto interrompe "La Vita" (rimasta così incompleta), per scrivere i "Trattati" dell’ "Orificeria" e della "Scultura", esempi perfetti della capacità didattica e conoscenza tecnica dell'artista

Fra tanto studio e lavoro, trova il tempo di sposare Piera de’ Parigi e tre anni dopo, nel 1544, diventa padre di una bambina nata da una relazione con una modella,.

Nel 1571, muore a Firenze ed è sepolto nella chiesa di Santa Maria Novella.






Galleria opere d'arte di Benvenuto Cellini

slideshow
slideshow

Benvenuto Cellini Perseo (1545)
Perseo (1545)

Benvenuto Cellini Perseo (particolare)
Perseo (particolare)

Benvenuto Cellini Ganimede
Ganimede

Benvenuto Cellini Saliera di Francesco I (1540)
Saliera di Francesco I (1540)

(altre opere dopo gli annunci)

Annunci

benvenuto cellini Perseo (particolare) (1545)
Perseo (particolare) (1545)

Busto di Bindo Altoviti (1549)
Busto di Bindo Altoviti (1549)

Busto di Cosimo de Medici (1545)
Busto di Cosimo de Medici (1545)

Levriero (1545)
Levriero (1545)

benvenuto cellini Satiro
Satiro

Venere
Venere

benvenuto cellini Studio
Studio

Studio
Studio

benvenuto cellini Pegaso sulla fonte di Hippocrene (1539)
Pegaso sulla fonte di Hippocrene (1539)


Annunci e Argomenti correlati




Libri su Benvenuto Cellini

  Benvenuto Cellini, Michail K. Anikushin. Ediz. italiana, inglese e francese
Gerbino Aldo, 2006, Spirali
  Vita
Cellini Benvenuto, 1985, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  Benvenuto Cellini. La protesta di un irregolare 
Gatto Vittorio, 2001, Liguori
  Discorsi sulle arti
Cellini Benvenuto, 2007, San Marco dei Giustiniani
  Benvenuto Cellini: opere non esposte e documenti notarili
cur. Trento D., SPES
  The life of Benvenuto Cellini 
Cellini Benvenuto, 2002, Phaidon
  Benvenuto Cellini artista e scrittore
1972, Accademia Naz. dei Lincei
  Memoirs of Benvenuto Cellini a Florentine Artist
Cellini, Benvenuto, 2010, Kessinger Publishing
  Vita di Benvenuto Cellini 
Goethe J. Wolfgang, cur. Agazzi E., 1994, Moretti & Vitali
  The Life of Benvenuto Cellini: A Florentine Artist. . Written by Himself in the Tuscan Language, and Translated from the Original by Thomas Nugent,
Cellini, Benvenuto, 2010, Gale Ecco, Print Editions
  The Autobiography of Benvenuto Cellini (Dodo Press)
Cellini, Benvenuto, 2009, Dodo Press
  Ricordi Prose E Poesie Di Benvenuto Cellini V3: Con Documenti (1829)
Cellini, Benvenuto, 2009, Kessinger Publishing
  The Autobiography of Benvenuto Cellini
Symonds, John Addington, 2010, Kessinger Publishing
  Benvenuto Cellini (1912)
Cust, Robert Henry Hobart, 2009, Kessinger Publishing