charles_gleyre_la_sera_o_le_illusioni_perdute




Biografia e vita di Charles Gleyre (1808 - 1874)

Conosciuto anche come: Marc-Gabriel-Charles Gleyre.
Nato a: Chevilly, Vaud, Switzerland
È morto in: Parigi (Département de Ville de Paris) Studente di: Louis Hersent (1777-1860).
Insegnante di: Mariano Baquero (c.1838-dopo il 1890), Frédéric Bazille (1841-1870), Jean-Léon Gérôme (1824-1904), Jean-Louis Hamon (1821-1874), Daniel Ridgway Knight (1839-1924), Emile-Charles-Julien de La-Rocenoire (1825-1899), Jean-Jules-Antoine Lecomte du Nouy (1842-1923), Claude Monet (1840-1926) 1862-1864, Edmond Morin (1824-1882), Edward John Poynter (1836-1919), Pierre Auguste Renoir(1841-1919), Alfred Sisley (1839-1899), James Abbott McNeill Whistler (1834-1903).


Ritratto di Charles Gleyre Gleyre, Marc Gabriel Charles, Pittore francese, di origine svizzera, nasce a Chevilly nel cantone di Vaud il 2 maggio 1806.

Rimasto orfano di entrambe i genitori, da bambino è allevato da uno zio a Lione, in Francia, dove frequenta una scuola professionale.

Da adolescente, verso i diciassette anni, si trasferisce a Parigi per studiare alla Accademia d'Arte Svizzera.

Durante i quattro anni che trascorre a Parigi, Gleyre vive praticamente tra la scuola, lo studio artistico Hersents e le gallerie del Louvre a guardare e copiare quadri.

Dopo gli studi artistici a Parigi, il giovane pittore si trasferisce in Italia, per un periodo di riflessione e qui conosce i pittori Horace Vernet e Leopold Robert che stanno facendo un viaggio per studiare i costumi e la vita della gente del sud Italia, per rilevare le caratteristiche storiche della loro razza.

Dipinto di Charles Gleyre
Interessato ai costumi ed alla vita dei paesi mediterranei e del Medio Oriente, Charles Gleyre prosegue il suo viaggio, che durerà sei anni, in Grecia, in Egitto, in Nubia e in Siria, giocandosi la salute.

Rimessosi in forza, negli ospedali di Lione e Parigi, apre un modesto studio in rue de l'Université, dove inizia a realizzare i progetti di lavoro che aveva a lungo elaborati.

Come primo risultato, Gleyre, dipinge "Diana che esce dal Bagno" e "Giovane Nubiana", opere che non attirano l'attenzione del pubblico, ma che verranno scoperte anni dopo.

Nel 1840 invia al Salon il quadro Visione apocalittica di San Giovanni, che praticamente è il suo primo riconoscimento artistico.

Nel 1843 espone "Sera" che gli vale una medaglia di seconda classe, e che poi diventerà molto popolare con il titolo Illusioni perdute.

Questo quadro raffigura un poeta seduto sulla riva di un fiume, con il capo chino, che lascia scivolare la sua lira dalla mano distratta, mentre guarda tristemente un allegro gruppo di fanciulle la cui canzone si perde in lontananza mentre la loro barca sparisce lentamente dalla sua vista.

Nel 1843, rileva lo studio di Paul Delaroche, dove continua a dipingere ed a insegnare, vivendo una vita tranquilla, dedicata esclusivamente al proprio ideali artistici, senza cercare il consenso della critica, né fare della sua arte un mezzo per arricchirsi.
Pittura di Charles Gleyre
Charles Gleyre si rivela un gran lavoratore ed un pittore grandemente produttivo, ma espone pochissimo: nel 1845 espone la Separazione degli Apostoli e nel 1849 la Danza delle Baccanti.

Il pittore ha bisogno di molto tempo per realizzare le sue opere e spesso passa molti mesi pensandole, prima di iniziarle.

Il suo livello di meticolosità nella realizzazione di ogni particolare di un'opera, diventa leggendaria, tanto che i pittori d'allora raccomandano ai propri studenti di prenderlo come esempio.

Anche se vive totalmente ritirato dalla vita sociale, Charles Gleyre è molto interessato alla politica, ed è un lettore vorace di giornali politici tanto che per un periodo, sotto Luigi Filippo, il suo studio era diventato una sorta di club liberale.

Nonostante i disastri e le guerre che hanno colpito la Francia, era fiducioso per il futuro, sostenendo "La ragione finirà certo per aver ragione!"

Tra le produzioni del suo genio, da ricordare c'è il Diluvio, rappresentato da due angeli che volano sopra la terra desolata, da cui le acque hanno appena cominciato a ritirarsi, lasciando visibili dietro di loro le rovine.

Altri quadri famosi sono l'affollata Battle of the Lemanus ed il Figliol Prodigo, dove, diversamente dalla parabola, il pittore inserisce la madre, felice del ritorno del figlio a cui non si interessa il pentimento.

Sembra che il pittore abbia lasciato circa 683 opere fra quadri, compresi bei ritratti, studi e schizzi.

Durante una visita alla retrospettiva, aperta a nome degli esuli dell'Alsazia e della Lorena, Charles Gleyre muore improvvisamente il 5 maggio 1874, lasciando incompiuto un Paradiso terrestre, che ci viene descritto come un sogno di innocenza, di felicità e di bellezza: Adamo ed Eva in piedi nel paesaggio sublime e gioioso di un paradiso racchiuso fra le montagne, una degna risposta alla "Sera".






Galleria opere d'arte di Charles Gleyre

slideshow
slideshow

charles_gleyre_partenza_degli_apostoli_per_predicare_il_vangelo
Partenza degli apostoli per predicare il Vangelo

charles_gleyre_la_sera_o_le_illusioni_perdute
La sera o le illusioni perdute

charles_gleyre_romani_sotto_il_giogo
Romani sotto il giogo

charles_gleyre_tempio_egizio_1840
Tempio egizio (1840)



Annunci

charles_gleyre_saffo_1867
Saffo (1867)

charles_gleyre_il_bagno_1868
Il bagno (1868)

charles_gleyre_diana
Diana

charles_gleyre_dafne_e_cloe_di_ritorno_dalla_montagna
Dafne e Cloe di ritorno dalla montagna

charles_gleyre_donna_orientale
Donna orientale

charles_gleyre_prete_armeno_smirne_1834
Prete armeno Smirne (1834)

charles_gleyre_contadino_albanese_1834
Contadino albanese (1834)

charles_gleyre_donna_turca_1834
Donna turca (1834)

charles_gleyre_due_donne_con_fiori_1852
Due donne con fiori (1852)

charles_gleyre_danza_di_baccanti_studio
Danza di baccanti (studio)


Annunci e Argomenti correlati




Libri sul Neoclassicismo

  Segni e colori b1. Dalla preistoria al Neoclassicismo.
Rossetti Giulia, 2007, Paravia
  Il neoclassicismo nell'arte del Settecento
Pinelli Antonio, 2005, Carocci
  Dal Neoclassicismo al Romanticismo
Savettieri Chiara, 2006, Carocci
  Neoclassicismo e Romanticismo
Bietoletti Silvestra, 2005, Giunti Editore
  L'Ottocento in Italia. Le arti sorelle-Il neoclassicismo 1789-1815
2005, Mondadori Electa
  Itinerari di arte e immagine - storia dell'arte. Dal Neoclassicismo al XXI secolo.
Dorfles Gillo, Dalla Costa Cristina, Ragazzi Marcello, 2005, Atlas
  Storia dell'arte. Vol. 2: Dal Quattrocento al Neoclassicismo.
Pepi Claudio, Cavenago Margherita, 2008, Liberamente
  Letteratura storia immaginario. Vol. 3: Dal Barocco al Neoclassicismo (dal 1610 al 1815).
Luperini Romano, Cataldi Pietro, Marchiani Lidia, 2009, Palumbo
  Artisti a Roma. Ritratti di pittori, scultori e architetti dal Rinascimento al Neoclassicismo. Catalogo della mostra (Roma, 19 novembre 2008-22 febraio 2009)
2008, De Luca Editori d'Arte
  Il disegno nella scultura italiana dell'Ottocento tra Neoclassicismo e Restaurazione. Il corpus dei disegni di Giuseppe De Fabris
2008, Silvana
  Paesaggi europei del neoclassicismo
2007, Il Mulino
  Moduli di arte e. Dal Neoclassicismo alle Avanguardie.
Diegoli Mario, Hernandez Saverio, 2000, Mondadori Bruno
  Neoclassicismo
Honour Hugh, 2006, Einaudi
  Trasformazioni nell'arte. Iconografia e stile tra neoclassicismo e Rinascimento
Rosenblum Robert, 2002, Carocci
  La Storia dell'arte. Vol. 3: Dal Neoclassicismo all'arte contemporanea.
Dantini Michele, Cottino Alberto, Guastalla Silvia, 2004, Archimede
  Storia dell'arte. Vol. 2: Dal gotico al neoclassicismo.
Martinelli Cecilia, 2004, Alpha Test
  L'ideale classico. Arte in Italia tra neoclassicismo e Romanticismo
Mazzocca Fernando, 2002, Neri Pozza
  Vivere l'arte. Vol. 3: Dal Neoclassicismo a oggi.
2008, Mondadori Bruno
  Dal testo alla storia dalla storia al testo 3/1. Dal Neoclassicismo al verismo. Ed. gialla.
Baldi Guido, Giusso Silvia, Razetti Mario, 2001, Paravia
  Storia sociale dell'arte. Vol. 3: Rococò. Neoclassicismo. Romanticismo.
Hauser Arnold, 2001, Einaudi