L'oro del Reno video dell'opera completa



L'oro del Reno opera lirica di Richard Wagner

L'oro del Reno
L'opera di Richard Wagner "L'oro del Reno" (Das Rheingold) fa parte della tetralogia L'Anello di Nibelungo dello stesso autore.

Composta nel 1853/54 l'opera L'Oro del Reno di Wagner fu per la prima volta messa in scena nel 1869 a Monaco di Baviera, presso il Teatro Nazionale con la direzione di Franz Wüllner.

Personaggi

Personaggi
Wotan (basso)
Fricka (mezzosoprano)
Donner (basso)
Froh (tenore)
Loge (tenore)
Freia (soprano)
Fafner (basso)
Fasolt (basso)
Alberich (basso)
Mime (tenore)
Erda (contralto)
Flosshilde (contralto)
Wellgunde (soprano)
Woglinde (soprano)


Trama di L'oro del Reno di Richard Wagner

Atto I

Opera L'oro del Reno
Le tre figlie del Reno, nonché ninfee, Woglinde, Wellgunde e Flosshilde, incaricate di proteggere l'oro del Reno, giocano festose nell'acqua quando il nano Alberich, sbucando fuori dalla terra, si sofferma a guardarle, reclamando l'amore per loro.

Le ninfee però si prendono gioco di lui, che arrabbiato, tenta di prenderle.

Intanto appare l'Oro del Reno mentre le tre ondine fanno una importante rivelazione sul segreto dell'oro.

La persona che riuscirà a fare un anello con l' oro del Reno avrà in dono il potere del mondo intero, ma in cambio dovrà rinunciare per sempre all'amore.

Alberich, maledicendo l'amore, si impossessa velocemente dell'ore e sparisce nelle viscere della terra.



Atto II

Opera L'oro del Reno
Wotan viene svegliato dalla moglie Fricka. I due discutono animatamente.

Fricka accusa il marito di essersi fatto costruire una casa celeste (Walhalla) dai giganti Fasolt e Fafner con in cambio la sorella di Fricka, Freia.

Wotan però pur avendo ricevuto la dimora celeste, non vuole più dare Freia in cambio, così i due giganti si presentano minacciando di rapire la ragazza.

I fratelli Donner e Froh si prestano a proteggere e difendere Freia ma vengono fermati prima che accada il peggio.

Loge, il semidio, avanza una proposta che possa portare una soluzione giusta per tutti.

Deve esser rubato l'oro del reno di cui si è impossessato Alberich che intanto è riuscito a forgiare l'anello e a pagare con lo stesso il suo debito.

Tutti adesso sanno che l'anello ha in sè dei poteri importanti e così tutti vogliono averlo.

I due giganti rapiscono Freia che avranno in ostaggio fintanto che non avranno l'oro.

Atto III

Opera L'oro del Reno di Puccini
Aberich dalle viscere della terra tiene come servi i Nibelunghi.

Nessuno viene risparmiato neanche il fratello Mime che viene torturato e malmenato.

Mime ha creato per il fratello un elmetto magico, il Tarnhelm, che ha il potere di dare a chi lo mette in testa di poter cambiare sembianze o di essere invisibili.

I giganti riescono a catturare Alberich e a portarlo al di fuori della terra.


Atto IV

In cambio della sua liberazione il nano deve dare l'anello e tutto il suo tesoro, Alberich acconsente, ma una volta libero maledice l'anello, augurando a chi ne viene in possesso di essere portato alla rovina.

Wotan, non conoscendo questa maledizione, si mette l'anello al dito.

I giganti però oltre all'anello pretendono in cambio anche l'intero tesoro.

Wotan acconsente, ma soltanto dopo aver conosciuto il futuro nefasto legato a quell'anello, predettogli dalla dea Erda.

Inizia la maledizione che colpisce tutti.

Fafner uccide il fratello Fasolt impossessandosi del tesoro, mentre gli dei si prendono la sua dimora.

L'oro non ritorna alle figlie del Reno, malgrado le suppliche e le loro richieste.








Annunci e Argomenti correlati





Opere liriche su CD DVD