siamo alla canna del gas


La crisi dell'Umanità


Già, siamo nel 2022 e se tiriamo un bilancio storico della situazione attuale della nostra società umana, c'è decisamente da vergognarsi.
Perché vergognarsi?

Perché il livello attuale delle nostre conoscenze è tale che avrebbe dovuto farci capire benissimo come siamo fatti, i nostri pregi e difetti come specie umana e di conseguenza quali azioni, a livello mondiale, sarebbero state da intraprendere almeno negli ultimi decenni.

A cosa mi riferisco?

A tutte le cose che sono assolutamente negative e che producono enormi disastri sociali.

Vediamole in dettaglio.

Prime tra tutte: le GUERRE


Attualmente sul nostro pianeta ci sono circa 33 guerre in corso.

Quella provocata dalla Russia sull'Ucraina è solo l'ultima di una lunga serie.

Ciò significa ovviamente morti (soldati, ma anche uomini, donne, vecchi, bambini innocenti perché non sono certo loro ad avere voluto una guerra), ma anche distruzione del patrimonio territoriale di edifici, scuole, ospedali, monumenti, impianti, strutture viabilistiche, ecc. oltre naturalmente agli enormi inquinamenti provocati dalle bombe e dagli incendi di sostanze tossiche.

Senza considerare le azioni spregevoli che spesso sono compiute da soldati privi di qualsiasi senso di rispetto per le popolazioni ed in particolare sempre pronti a stupri e torture.

Il peggio del peggio di cui vergognarsi!

Produzione e commercio di DROGHE

Alimenta una catena enorme di delinquenti che si occupano del trasporto e del commercio di tutte quelle sostanze proibite che alimentano un mercato osceno e che producono danni enormi nell'equilibrio fisico e mentale dei tossicomani da esse dipendenti.

Poi ci sono tutti i vari tipi di FURTI, rapine, imbrogli d'ogni genere. Altro modo di vivere vergognoso, che sfrutta l'ignoranza e la debolezza delle persone che ne sono vittime.

Nel mondo il livello di VIOLENZA è enorme e si manifesta in tanti modi diversi, ma sempre rivolto ai più deboli, che spesso sono donne indifese o bambini o vecchi.

L'INQUINAMENTO

Derivante dal nostro modo scellerato di vivere e di produrre senza freni, consumando senza limiti, come vittime del mercato consumistico che produce ricchezza a poche persone, condizionando gli stili di vita di enormi masse di individui.

FINANZA

Quel mondo fatto di gente che vive solamente speculando sull'acquisto e vendita di pezzi di carta. Deve essere totalmente abolita e trasformata in forme di finanziamento che non producano spinte verso le speculazioni.

IGNORANZA

Dovuta al problema che sta alla base di tutti, ovvero una cattiva forma di educazione dei giovani, dalla loro nascita alla maturità.

DECADIMENTO DELLA STRUTTURA SOCIALE

Che si manifesta attraverso stili di vita che fanno da esempio per le masse, ma che sono del tutto inappropriati per il rispetto di elementi fondamentali della vita.

Il decadimento si sta mostrando molto grave perché un cattivo stile di vita, soprattutto nei giovani, produce un deterioramento del cervello e quindi cattivi comportamenti che ne derivano.

Poi c'è un altro grave problema che ha invaso il mondo intero: l'uso maniacale del cellulare o la dipendenza da videogiochi. Ciò ha portato l'umanità ad un distacco progressivo dalla realtà, consentendo d'altro canto qualsiasi comportamento in un mondo finto, simbolico, distaccato che è proprio quello del web e dei social in particolare.

Se tutto ciò è vero, allora cosa dovrebbe fare l'intera società umana per porvi rimedio e orientarsi verso uno stile di vita sano, dignitoso, naturale, equo, rispettoso, applicato alla stragrande maggioranza degli esseri umani?

Vediamo...


(pubblicita' ads A1)


1) Per le guerre c'è un solo rimedio: creare un meccanismo mondiale simile all'ONU, ma molto più efficace e presente. Ogni nazione che non si iscrive dovrebbe essere totalmente isolata. Niente scambi commerciali, niente turismo, nessun aiuto. Ciò per fare in modo che alla fine sia conveniente a tutti essere iscritti.

Attraverso la Costituzione di questa struttura emanare leggi che producano una progressiva -TOTALE- eliminazione delle fabbriche e dei depositi che producono o stivano qualsiasi tipo di arma, dalla rivoltella al missile, carri armati, navi e sottomarini militari, aerei, bombe nucleari, armi chimiche e batteriologiche.

L'eliminazione potrebbe avvenire con un controllo della distruzione fatto da accertatori facenti parte della nuova associazione mondiale. Ogni paese dovrebbe dichiarare ufficialmente di quali armi dispone e dove sono locate e iniziare subito la loro eliminazione, alla presenza e col controllo di appositi osservatori.

Chiusura contemporanea di tutte le fabbriche dei suddetti prodotti bellici.
Le stesse fabbriche, per non generare una forte perdita di posti lavoro, andrebbero convertite in attività lecite o fornito un adeguato compenso agli aventi diritto.

2) Sulle droghe si dovrebbero identificare tutti i territori di coltivazione/produzione e procedere alla loro conversione ad attività agricole sostenibili, supportando la conseguente perdita di guadagno con indennità a scalare per gli agricoltori.

3) Per quanto riguarda la malavita organizzata l'impresa è ardua perché sviluppata capillarmente e molto articolata. E' chiaro che per scoraggiare la gente ad imboccare le strade della malavita occorrono molte forze investigative. Senza droghe già una buona parte del mercato abusivo sarebbe chiuso, ma ci sono molte altre forme di malavita che richiedono interventi precisi, con sequestro di tutti i beni e conseguente avvio verso attività lecite. Se in un paese la scelta di un giovane è di stare disoccupato o guadagnare pochi euro al giorno, contro la possibilità di fare molti soldi con attività illegali, è chiaro che si dirigerà verso la malavita! L'educazione svolge un ruolo determinante, ma è anche necessario fare in modo che nella struttura sociale ci sia lavoro per tutti.

La rilocalizzazione darebbe una forte mano in tal senso.

4) La violenza è il frutto di una cattiva educazione e si risolve modificando il comportamento dei genitori, i contenuti e comportamenti scolastici ed infine modificando anche il modello sociale.

Di conseguenza devono considerarsi vietati tutti gli spettacoli televisivi o cinematografici che diano la violenza come modello comportamentale vincente. Niente film horror, thriller, polizieschi sanguinosi e niente videogiochi che simulino battaglie, uccisioni, bombe, ecc. Proibiti per legge.

Stessa cosa nell'ambito della sessualità, che deve essere nuovamente considerata come il rispetto del proprio corpo, in dignità, pudore, moralità. Quindi di conseguenza niente film e riviste porno, compresi i siti web e spettacoli che scivolino in tali territori. Per quanto riguarda le prestazioni sessuali a pagamento, le uniche forme ammesse dovrebbero essere quelle svolte nel privato del proprio appartamento o in ambienti sicuri e protetti, come era una volta, e con la massima dignità e trasparenza.


(pubblicita' ads A2)


5) L'inquinamento si affronta con una rapida conversione alle energie sostenibili. Viene prima questo problema rispetto al pregio paesaggistico. Gli spazi per enormi impianti fotovoltaici ci sono e così pure per le singole abitazioni si può procedere in modo che l'impianto sia sempre fattibile ed a bassissimo costo.

6) L'ignoranza e il decadimento sociale nascono da quanto già detto, ovvero dalle forme di educazione impartite ai nascituri. Anche le nascite andrebbero controllate per fare in modo che l'umanità non continui a crescere a dismisura perché le risorse limitate del pianeta non lo consentono. Non si devono mettere al mondo nuovi figli per pagare le pensioni dei vecchi! E' un principio idiota! Una coppia va premiata se mette al mondo un solo figlio, perché così facendo parteciperà alla riduzione della popolazione mondiale. E non dovrebbe superare tendenzialmente i due figli, che rappresentano il mantenimento della popolazione senza nè cali nè crescite.

Noi dovremmo prefissarci di passare dagli otto miliardi ai 5/6 miliardi di esseri umani. Di meno, dunque, ma tutti più benestanti e con possibilità di partecipazione al lavoro socialmente utile.

7) Per mantenere questi obiettivi le strutture politiche dei singoli Paesi andrebbero affinate per renderle (sempre restando in ambito democratico) più funzionali alle esigenze gestionali. Per fare ciò occorrono ministeri guidati da personale molto competente e non coinvolto in periodiche elezioni, che producono false promesse all'elettorato e non realizzano tutte le iniziative impopolari di cui può esserci bisogno per il miglioramento dell'intera collettività.

Con questo la povertà dovrebbe scendere a zero, con qualsiasi cittadino che goda almeno dei beni essenziali per una vita dignitosa e appagante in termini di benessere.

Resto convinto che sia irrealizzabile, almeno finché non arrivi uno che non lo sa e lo realizza!

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti il libro "Cosa ho visto sul pianeta Terra", acquistabile da qui.



(pubblicita' ads AF)





linea

6 offerta ibsLibri che trattano l'argomento "Globalizzazione"

Gli spazi della globalizzazione. Migrazioni, flussi finanziari e trasferimento di tecnologie
Melotti Umberto, Panizza Roberto, Parenti Fabio M., 2004, Diabasis
Bioetica, globalizzazione ed ermeneutica. L'impegno critico della filosofia nel mondo contemporaneo
cur. Minazzi F., Nolasco L., 2003, Franco Angeli
Pace e globalizzazione. Percorsi di riflessione con 42 schede di approfondimento
Acquaviva Giorgio, Antidormi Antonio, Ballabio Fabio, cur. Bianchi G., 2003, EMI
Tra globalizzazione e localismo. Quale futuro per i sistemi produttivi territoriali?
De Rosa Marcello, De Vincenzo Domenico, 2002, Liguori


(pubblicita' ads CP)