Come salvare il pianeta dalla CO2


CO2 possibili soluzioni


Ho raccolto da fonti ufficiali e rielaborato i numeri relativi alla produzione di CO2 mondiale.

Lo scopo sarebbe quello di identificare i Paesi maggiormente colpevoli d'inquinamento atmosferico, non limitandoci a sentire le inconsistenti vaghe notizie dei giornalisti sui convegni mondiali (G20 e company).

Per farne una graduatoria indiscutibile è necessario valutare quali Paesi producono il più alto valore di CO2, ma tenendo presente il numero dei loro abitanti, per applicare un criterio equo.

Infatti, poco importa se, per esempio, in Estonia la produzione pro-capite è di 12,61 tonnellate per abitante, visto che quel Paese comunque produce complessivamente solo 16,65 milioni di tonnellate anno, che è un valore molto basso se si considera che la media mondiale di CO2 prodotta dalla nostra attività è di 168 milioni di tonnellate (CO2 totale diviso totale umanità).

In sostanza, tutti i Paesi che producono più di 168 milioni di tonnellate CO2 dovrebbero agire presto e in modo più pesante degli altri Paesi che si collocano sotto questo valore medio.

E' chiaro il concetto?

Detto questo, esaminando la tabella (vedi sotto), le conclusioni sono che è verissimo che la Cina è il maggior produttore di CO2, ma il suo valore per abitante (visto che sono molti!) si ferma ad un 7,18 tonnellate/abitante, contro i molto più spreconi americani che sono a più del doppio (15,50).

Gli Stati Uniti producono la metà di CO2 rispetto alla Cina, ma in base agli abitanti sono molto più "colpevoli". Quindi quello resta il Paese più responsabile in assoluto in termini individuali dei problemi climatici e delle conseguenti sorti del nostro pianeta.

L'India, poi, è addirittura molto lodevole, anche se nella graduatoria della maggiore produzione CO2 è al terzo posto! Infatti il suo indice pro-capite è di appena 1,82 (contro il valore medio mondiale per persona che è di 4,31).

Pure la Russia sta messa male! Alto valore CO2 complessivo e alto valore per abitante (12,00).

Seguono a ruota Giappone, Germania, Iran, Corea del Sud, Arabia Saudita, Canada, Sud Africa, Australia, Regno Unito, ecc., come dimostra la sequenza della tabella sottostante.

Anche l'Italia, non è messa benissimo, ma è comunque al 18mo posto nella graduatoria.

Stabilito un criterio di "colpevolezza" mondiale e relativa graduatoria d'importanza, ci si deve chiedere cosa dovrebbero realmente fare (e MOLTO in fretta!) i Paesi più responsabili.


(pubblicita' VI A1)


E' semplice, dovrebbero abbattere in tempi brevi tutte le fonti artificiali che producono CO2 nel loro Paese.

Facciamone una lista grossolana di quali settori dovrebbero essere bloccati o comunque ridotti al minimo:

- Trasporto merci via mare e via aria
- Estrazione e consumo di carbone, gas e petrolio
- Viaggi aerei per turismo
- Automobili a carburanti fossili
- Fabbriche inquinanti o dal grande consumo energetico
- Produttori di armi e munizioni
- Allevamenti intensivi
- Agricoltura intensiva
- Riscaldamento tramite legna, gas, petrolio

E questi sono solo alcuni rami sui quali la politica dovrebbe intervenire scoraggiandone il proseguimento con varie forme di dissuasione.

E' realmente possibile che ciò avvenga? NO, perché nessuna forza politica ha la capacità di imporre queste regole, ma se anche lo facesse, il risultato finale sarebbe che in breve la CO2 sarebbe drasticamente abbattuta, ma dall'altra parte ci ritroveremmo con milioni di disoccupati da sfamare, se non si adottassero contromisure adatte ad evitarlo.

Ne seguirebbero facilmente prevedibili rivolte d'ogni genere.

Sarebbe un disastro paragonabile comunque a quello a cui stiamo andando incontro.

Certamente l'unico filo di speranza potrebbe consistere in una ben studiata e stimolata migrazione delle fabbriche e mezzi che sfruttano le energie non rinnovabili, verso nuove intense produzioni di fonti rinnovabili, come pale eoliche, pannelli solari, sfruttamento energia idrica, ecc.

Fortissimi investimenti in questi nuovi settori ridarebbero occupazione a ex dipendenti di fabbriche da chiudere. Si potrebbero fare forti investimenti anche per lo studio di energie rinnovabili più economiche delle attuali. I pannelli fotovoltaici, che sarebbero da installare su ogni tetto, hanno un costo d'acquisto ancora molto alto. La sua riduzione, a parte gli aiuti statali, incentiverebbe molto la loro installazione.

Tutte queste idee dovrebbero essere applicate da governi forti, in grado di resistere ai ricatti del mondo finanziario/produttivo e purtroppo le nostre strutture politiche non hanno questa forza, quindi verrà sicuramente fatto molto, in molte parti del mondo, ma molto difficilmente sarà sufficiente a ristabilire l'equilibrio del pianeta.

Conclusione?

Non abbiamo scampo. Difficile essere ottimisti. Questo processo andava avviato decine d'anni fa.

Altro che pensare al futuro basandosi sulla eterna formula cretina della "crescita" e sull'Intelligenza artificiale! Qui serviva presto e bene contenere l'avidità e stupidità umana!

Autore: Enrico Riccardo Spelta

(novembre 2021)


(pubblicita' VI AF)


TABELLA PROD. CO2 PER NAZIONE

milioni tonnellate % tonnellate
  Nazione CO2 CO2 su tot. CO2 x abit.
--- -------------------- ---------- ---------- ----------
1 Cina 10037,34 29,13 7.18
2 stati Uniti 5087,10 14,76 15.50
3 India 2486,12 7,21 1.82
4 Russia 1732,80 5,03 12.00
5 Giappone 1129,12 3,28 8.94
6 Germania 733,90 2,13 8.84
7 Iran 689,81 2,00 8.32
8 Corea del Sud 626,21 1,82 12.11
9 Arabia Saudita 595,27 1,73 17.37
10 Indonesia 581,79 1,69 2.15
11 Canada 567,23 1,65 15.09
12 Messico 502,74 1,46 3.94
13 Sud Africa 496,59 1,44 8.48
14 Brasile 472,64 1,37 2.24
15 Australia 394,09 1,14 15.54
16 Regno Unito 385,24 1,12 5.78
17 tacchino? 382,94 1,11 4.67
18 Italia 318,10 0,92 5.27
19 Francia 306,46 0,89 4.57
20 Polonia 299,20 0,87 7.88
21 Tailandia 286,18 0,83 4.11
22 Taiwan 276,24 0,80 11.72
23 Malaysia 258,48 0,75 8.09
24 Kazakistan 257,10 0,75 13.89
25 Egitto 254,01 0,74 2.53
26 Spagna 246,44 0,72 5.25
27 Emirati Arabi 215,33 0,62 22.04
28 Pakistan 214,43 0,62 0.99
29 Argentina 207,62 0,60 4.62
30 Iraq 204,02 0,59 5.19
31 Ucraina 199,31 0,58 4.49
32 Vietnam 198,71 0,58 2.06
33 Olanda 166,23 0,48 9.62
34 Algeria 159,29 0,46 3.70
35 Venezuela 156,86 0,46 5.50
36 Nigeria 130,65 0,38 0.65
37 Filippine 127,56 0,37 1.18
38 Qatar 110,09 0,32 38.90
39 Kuwait 104,79 0,30 24.95
40 Rep. Ceca 102,99 0,30 9.67
41 Colombia 102,19 0,30 2.03
42 Belgio 97,98 0,28 8.55
43 Uzbekistan 96,71 0,28 2.88
44 Chile 89,25 0,26 4.71
45 Bangladesh 86,39 0,25 0.53
46 Turkmenistan 74,07 0,21 12.47
47 Oman 70,42 0,20 14.17
48 Israele 69,05 0,20 7.63
49 Romania 68,32 0,20 3.52
50 Marocco 63,46 0,18 1.74
51 Austria 62,22 0,18 7.03
52 Grecia 62,07 0,18 5.79
53 Perù 60,47 0,18 1.86
54 Bielorussia 57,99 0,17 6.13
55 Libia 52,74 0,15 7.79
56 Portogallo 48,52 0,14 4.72
57 Finlandia 46,01 0,13 8.35
58 Ungheria 45,33 0,13 4.64
59 Hong Kong 44,63 0,13 5.95
60 Svezia 44,60 0,13 4.36
61 Serbia 44,49 0,13 6.41
62 Trinidad Tob. 44,26 0,13 31.84
63 Ecuador 43,43 0,13 2.50
64 Norvegia 41,71 0,12 7.84
65 Bulgaria 40,95 0,12 5.85
66 Irlanda 38,86 0,11 7.93
67 Azerbaigian 38,68 0,11 3.86
68 Angola 38,20 0,11 1.20
69 Singapore 38,13 0,11 6.69
70 Bahrein 36,46 0,11 22.23
71 Nuova Zelanda 35,99 0,10 7.33
72 Svizzera 35,18 0,10 4.12
73 Slovacchia 32,54 0,09 5.97
74 Danimarca 32,19 0,09 5.55
75 Tunisia 30,98 0,09 2.65
76 Corea nord 28,75 0,08 1.12
77 Cuba 28,33 0,08 2.50
78 Siria 28,17 0,08 1.65
79 Mongolia 26,73 0,08 8.30
80 Giordania 26,56 0,08 2.63
81 Rep.Dominicana 26,10 0,08 2.43
82 Birmania 25,94 0,08 0.48
83 Libano 25,28 0,07 3.69
84 Sri Lanka 23,98 0,07 1.10
85 Bolivia 22,56 0,07 1.96
86 Bosnia Erzeg. 21,29 0,06 6.45
87 Kenya 19,45 0,06 0.37
88 Laos 18,54 0,05 2.59
89 Ghana 17,95 0,05 0.59
90 Guatemala 17,60 0,05 1.06
91 Croazia 17,05 0,05 4.19
92 Estonia 16,65 0,05 12.61
93 Etiopia 15,69 0,05 0.14
94 Tanzania 13,34 0,04 0.23
95 Sudan 12,84 0,04 0.30
96 Slovenia 12,73 0,04 6.12
97 Lituania 12,61 0,04 4.52
98 Senegal 11,90 0,03 0.73
99 Zimbabwe 11,43 0,03 0.78
100 Yemen 11,37 0,03 0.39
101 Panama 11,24 0,03 2.65
102 Costa Avorio 10,55 0,03 0.41
103 Cambogia 10,39 0,03 0.63
104 Kirghizistan 10,38 0,03 1.61
105 Honduras 10,32 0,03 1.06
106 Georgia 10,12 0,03 2.72
107 Afghanistan 9,51 0,03 0.25
108 Lussemburgo 9,46 0,03 15.44
109 Nepal 9,44 0,03 0.33
110 Camerun 9,06 0,03 0.35
111 Kosovo 8,94 0,03 4.78
112 Mozambico 8,81 0,03 0.29
113 Giamaica 8,32 0,02 2.83
114 Costa Rica 8,27 0,02 1.64
115 Papua N.Guinea 7,98 0,02 0.91
116 Brunei 7,91 0,02 18.26
117 Paraguay 7,67 0,02 1.09
118 Salvador 7,29 0,02 1.13
119 Benin 7,08 0,02 0.60
120 Macedonia 7,02 0,02 3.39
121 Lettonia 6,85 0,02 3.57
122 Uruguay 6,85 0,02 1.98
123 Botswana 6,76 0,02 2.94
124 Guinea Equat. 6,28 0,02 4.65
125 Uganda 6,20 0,02 0.14
126 Nicaragua 5,82 0,02 0.89
127 Gabon 5,75 0,02 2.65
128 Tagikistan 5,69 0,02 0.61
129 Zambia 5,54 0,02 0.31
130 Curacao 5,30 0,02 33.76
131 Armenia 5,19 0,02 1.76
132 Cipro 4,95 0,01 5.66
133 Moldova 4,85 0,01 1.83
134 Albania 4,52 0,01 1.58
135 Namibia 4,46 0,01 1.79
136 Maurizio 4,33 0,01 3.44
137 Madagascar 4,32 0,01 0.16
138 Burkina Faso 3,66 0,01 0.18
139 Rep. Congo 3,55 0,01 0.66
140 Mali 3,54 0,01 0.18
141 Palestina 3,46 0,01 0.74
142 Guinea 3,32 0,01 0.26
143 Andare 3,23 0,01 0.40
144 Haiti 3,04 0,01 0.27
145 Mauritania 2,98 0,01 0.66
146 Lesotho 2,60 0,01 1.21
147 Rep. Dem. Congo 2,60 0,01 0.03
148 Guyana 2,41 0,01 3.09
149 Niger 2,33 0,01 0.10
150 Porto Rico 2,26 0,01 0.71
151 Islanda 2,19 0,01 6.15
152 Macao 2,16 0,01 3.37
153 Figi 2,09 0,01 2.35
154 Montenegro 2,02 0,01 3.24
155 Bahamas 1,80 0,01 4.73
156 Suriname 1,79 0,01 3.08
157 Sudan Sud 1,77 0,01 0.16
158 Maldive 1,61 0,00 3.04
159 Malawi 1,49 0,00 0.08
160 Malta 1,48 0,00 2.95
161 Liberia 1,48 0,00 0.30
162 Bhutan 1,30 0,00 1.71
163 Ruanda 1,26 0,00 0.10
164 Barbados 1,25 0,00 4.47
165 Eswatini 1,19 0,00 1.04
166 Sierra Leone 1,17 0,00 0.15
167 Chad 1,12 0,00 0.07
168 Somalia 0,77 0,00 0.05
169 Gibuti 0,65 0,00 0.67
170 Isole Faroe 0,63 0,00 13.09
171 Seychelles 0,62 0,00 6.39
172 Bermuda 0,60 0,00 9.49
173 Belize 0,60 0,00 1.54
174 Gambia 0,59 0,00 0.25
175 Eritrea 0,58 0,00 0.18
176 Burundi 0,58 0,00 0.05
177 Antigua e Barbuda 0,57 0,00 5.90
178 Isole Cayman 0,56 0,00 8.73
179 Capo Verde 0,56 0,00 1.02
180 Timor Est 0,53 0,00 0.41
181 Groenlandia 0,51 0,00 9.07
182 Andorra 0,47 0,00 6.07
183 Santa Lucia 0,42 0,00 2.30
184 Rep Centrafricana 0,33 0,00 0.07
185 Guinea-Bissau 0,31 0,00 0.16
186 Guiana francese 0,28 0,00 0.96
187 Grenada 0,27 0,00 2.43
188 Samoa 0,25 0,00 1.26
189 Saint Kitts e Nevis 0,24 0,00 4.62
190 Palau 0,23 0,00 12.62
191 Saint Vincent e Grenadine 0,22 0,00 2.01
192 Monaco 0,21 0,00 5.57
193 Comore 0,21 0,00 0.25
194 Dominica 0,18 0,00 2.52
195 Salomone 0,18 0,00 0.27
196 Vanuatu 0,16 0,00 0.53
197 Stati federati di Micronesia 0,15 0,00 1.30
198 Isole Marshall 0,14 0,00 2.48
199 Tonga 0,13 0,00 1.27
200 Sao Tome e Principe 0,13 0,00 0.60
201 Kiribati 0,07 0,00 0.59
202 Liechtenstein 0,05 0,00 1.36
203 Nauru 0,04 0,00 3.65
204 Tuvalu 0,01 0,00 0.98
TOTALE 34460,93 100,00
valore medio 168,00
Fonte: Banca mondiale, 2016.


(pubblicita' VI F1)


Media per continente

1 Nord America: 12,3 tonnellate di CO2 pro capite,
2 Medio Oriente: 9,2 tonnellate di CO2 pro capite,
3 Sud America: 6,8 tonnellate di CO2 pro capite,
4 Europa: 5,9 tonnellate di CO2 pro capite,
5 Asia: 4,2 tonnellate di CO2 pro capite,
6 Oceania: 3,5 tonnellate di CO2 pro capite.
7 Nord Africa: 2,7 tonnellate di CO2 pro capite,
7 America Centrale: 2,7 tonnellate di CO2 pro capite,
8 Sudafrica: 2,1 tonnellate di CO2 pro capite,
9 Africa centrale: 0,7 tonnellate di CO2 pro capite,

Popolazione mondiale attuale circa 8miliardi, media pro-capite 4,31

CONTENUTI SIMILI

linea

6 offerta ibsLibri che trattano l'argomento "Globalizzazione"

Gli spazi della globalizzazione. Migrazioni, flussi finanziari e trasferimento di tecnologie
Melotti Umberto, Panizza Roberto, Parenti Fabio M., 2004, Diabasis
Bioetica, globalizzazione ed ermeneutica. L'impegno critico della filosofia nel mondo contemporaneo
cur. Minazzi F., Nolasco L., 2003, Franco Angeli
Pace e globalizzazione. Percorsi di riflessione con 42 schede di approfondimento
Acquaviva Giorgio, Antidormi Antonio, Ballabio Fabio, cur. Bianchi G., 2003, EMI
Tra globalizzazione e localismo. Quale futuro per i sistemi produttivi territoriali?
De Rosa Marcello, De Vincenzo Domenico, 2002, Liguori


(pubblicita' VI CP)