Venere e Adone




Biografia e vita di Amigoni Jacopo (Italia 1682-1752)

Biografia di Amigoni Jacopo autoritratto con Farinelli e gli amici

Amigoni Jacopo o Amiconi Giacomo, pittore del Tardo Barocco - Inizio Rococò italiano, decoratore e ritrattista, nasce a Napoli o a Venezia nel 1685.

Formatosi come pittore in Italia ha vissuto i primi anni della giovinezza a Venezia, dipingendo inizialmente scene mitologiche e religiose.


Trasferitosi all'estero intorno al 1715 Jacopo Amigoni ha cominciato una carriera internazionale, lavorando in Baviera, in Inghilterra, in Francia e in Spagna, dipingendo sontuosi ritratti, scene storiche e scene mitologiche raffiguranti divinità in in pose languidamente sensuale o intenti in giocosi incontri.

Molti suoi soggiorni sono documentati ed ancora visibili come le opere in Baviera nel Castello di Nymphenburg (1719 ), nel castello di Schleissheim (1725-1729) e nella abbazia benedettina di Ottobeuren.

Amigoni Jacopo dipintoTornato a Venezia nel 1726 si ferma per dipingere nella Villa Pisani a Stra, prima di tornare in Baviera.

Arrivato in Inghilterra come altri pittori italiani che erano molto ben accolti in quel paese, Jacopo Amigoni soggiornò qui per dieci anni, dal 1729 al 1739 Il cane (con una pausa per una visita a Parigi nel 1736); testimonianze del pittore sono rimasti quattro dipinti sulla Storia di Giove e Io in Hertfordshire ed i dipinti nel Teatro di Covent Garden.

Il Canaletto deve il suo viaggio in Inghilterra alle sollecitazioni di Amigoni che gli aveva decantato la grande possibilità di lavoro.

Durante i suoi viaggi per i vari paesi il pittore ha avuto l'occasione di conoscere personaggi importanti, interessanti o solo curiosi, che hanno arricchito il suo bagaglio di sapere, anche dal punto di vista pittorico dato che da alcuni suoi lavori si rileva l'influenza di Lemoine e François Boucher.

Nel 1739 Jacopo Amigoni torna in Italia, dove si ferma fino al 1747 a Venezia dove dipinge per Sigismund Streit, per la Casa Savoia e in vari edifici nobili della città.

La luminosa eleganza di colori pastosi e freddi disposti a larghe pennellate e la chiarezza compositiva lo pone tra i più importanti rappresentanti della cultura pittorica arcadica e rococò, tanto che in Amigoni Jacopo particolareGeramia il suo stile era chiamato "alla Amigoni".

Il pittore diventa molto famoso per la leggerezza e grazia che esprimono le sue tele; molti dei suoi lavori sono stati riprodotti in stampe per servire da modelli per arazzi e per la decorazione di orologi, armadi e porcellane.

Nel 1747 Amigoni lasciò l'Italia su invito e di Ferdinando VI di Spagna e si stabilì a Madrid con la prestigiosa carica di pittore di corte e direttore della Reale Accademia di San Fernando.


L'anziano pittore morì a Madrid il 22 agosto 1752.






Galleria opere d'arte di Amigoni Jacopo

slideshow
slideshow

amigoni_jacopo Jael e Sisera
Jael e Sisera

Giuseppe nel palazzo del faraone
Giuseppe nel palazzo del faraone

Venere e Adone
Venere e Adone



Annunci

Venere e Adone
Venere e Adone

amigoni_jacopo Giunone con la testa di Argo
Giunone con la testa di Argo

Ritratto di una signora
Ritratto di una signora

Ritratto di un nobiluomo in giacca blu
Ritratto di un nobiluomo in giacca blu



Annunci e Argomenti correlati




Libri sulla Pittura Barocca e Rococò

  Il mobile rococò in Italia. Arredi e decorazioni d'interni dal 1738 al 1775
Colle Enrico, 2003, Mondadori Electa
  Vivere l'arte. Vol. 2. Dal Rinascimento al Rococò
2008, Mondadori Bruno
  La storia dell'arte. Vol. 2. Dal Rinascimento al Rococò
Dantini Michele, Cottino Alberto, Guastalla Silvia, 2004, Archimede
  La geografia dell'arte. Vol. 2. Da Giotto al Rococò
Frapiccini Nicoletta, Giustozzi Nunzio, 2005, Hoepli
  Barocco e rococò
2003, Gribaudo
  L'arte tra noi. Vol. 4. Dal Barocco all'art nouveau
Beltrame Laura, Demartini Elena, Tonetti Lavinia, 2009, Mondadori Bruno
  Architettura barocca e rococò a Napoli 
Blunt Anthony, 2006, Mondadori Electa
  La pittura veneta negli Stati estensi
Bentini Jadranka, Marinelli Sergio, Mazza Angelo, 1997, Artioli