storia dell arte

Traiano

Nerva (AD96-98), anziano senatore, primo dell'impero di Antonino, introdusse il sistema di adozione nella successione imperiale.

Il suo successore, per l'appunto adottato, fu Traiano, nato in Spagna (dC 98-117).

Traiano fu il primo imperatore nato fuori dall'Italia e and� all'estremo opposto dell'ambigua iconografia di Domiziano.

La sua predilezione per un solido, monumentale realismo condiziona questo capo militare nel suo rigoroso equilibrio formale.

Lo storico romano Tacito osserv� che innumerevoli discendenti di schiavi liberati si mischiarono ai nobili e senatori che vissero sotto il regno di Traiano.

Dopo un secolo di vittorie e di crisi, il governo si impegn� con rinnovato vigore in una variet� di imprese nelle quali Roma si reincarnava, pubblicamente e privatamente, sotto forma di guerriero.

Come conseguenza veniva incoraggiato il taglio a frangia dei capelli dei militari ed ogni rappresentazione artistica atta a promuovere il senso di potere.

Il Foro di Traiano (dC 107-113) rappresent� il cuore in marmo della citt� eterna, un immenso accampamento fortificato, avamposto di una aggressiva macchina militare.

La basilica fu posizionata come sede centrale del castrum (fortezza), le librerie come archivi delle legioni, con la Colonna che segnava il punto nella piazza d'armi dove le norme erano venerate.

Lo schema decorativo della colonna fu caricato di metafore, con i comandanti in alternanza con scudi sul lato esterno, un carro trionfale sopra l'ingresso, una colossale statua equestre di Traiano, nel centro della piazza, e intorno a lui una folla di barbari incatenati, sbalorditi testimoni e vittime di questa grande gloria.

La colonna, con un tocco di umanit�, porta nel suo racconto delle due guerre daciche, un certo senso di compassione per le vittime.


(pubblicita' VI AF)


Colonna Traiana

La colonna fu eretta come elemento centrale del Foro di Traiano, tra la Basilica Ulpia e le biblioteche greca e latina (dC 110-113).

La rientranza alla base ospitava un'urna d'oro contenente le ceneri dell'imperatore.

Il fregio in marmo pario della colonna supera i 200 metri di lunghezza e segue un andamento a spirale attorno alla colonna, che � di circa 30 metri di altezza.

Sono rappresentate le due guerre contro i Daci (dC 101-106) che sulla colonna sono separate dall'immagine della Vittoria che scrive su uno scudo. La narrazione si basa su schizzi contemporanei fatti per ricostruire la campagna con una rappresentazione trionfale.

Proprio come Alessandro che aveva la sua corte di artisti, Traiano aveva un ingegnere militare, Apollodoro di Damasco, che us� il suo amore per i dettagli del paesaggio, animali, indumenti e armi per documentare con precisione tecnica barche e macchine da guerra, torri di guardia, fortificazioni, edifici della citt� e accampamenti.

Gli eventi iniziano in fondo alla colonna con i segnali di sentinelle sul Danubio.

La pace viene improvvisamente infranta da un contadino che cade dal mulo di fronte all'imperatore. E' forse un presagio, il cui significato � sconosciuto perch� i Commentari della guerra dacica, compilati da Traiano stesso, non si sono conservati, ma questo non ne sminuisce l'effetto.

Secondo lo stile dell'antica Grecia di illustrare la storia, le diverse razze, sia tra gli ausiliari romani che gli alleati dei Daci, sono scrupolosamente caratterizzate.

Giove, armato di un fulmine, interviene a sostegno dei sua favoriti nella prima battaglia di Tapae, proprio come fa Zeus rappresentato in un gruppo statuario di Alessandro a Sagalassus (Turchia).

La gloria dei vincitori � smorzata in questo racconto dalla crudelt� della strage. Per esempio: un ausiliario che prende tra i denti i capelli di un nemico decapitato.

Numerose scene illustrano le truppe in movimento, battaglie campali di fanteria e cavalleria, azioni in vari tipi di terreno e assedi.

Ciascuna di esse si conclude con la fuga del nemico e la cattura o la resa dei suoi leader.

Sono anche raffigurate varie azioni esemplari dell'imperatore, scandite da atti rituali che invitano l'osservatore a guardare oltre il particolare e riconoscere i valori rassicuranti della manifestazione e la forza della struttura politica che le guida.

La narrazione si conclude in cima alla colonna con un gregge di pecore passivamente spinte in disparte dalla popolazione deportata.

Questi animali scompaiono nell'ultima spirale del fregio, dove le scanalature della colonna riappaiono enormi.

Il naturalismo idilliaco dello stile di Alessandria è realisticamente interpretato per fornire un ambiente per la storia contemporanea in uno spettacolo di forza inesorabile.

Il ritratto obiettivo e la visione epica si fondono per produrre un'atmosfera emotiva che viene condivisa dall'artista, dalle figure e, infine, dagli stessi osservatori nella sua implicazione che la legge di Roma è radicata nella realt� permanente della natura.

Anonimo: Ritratto di un uomo e una donna

Questo frammento di una composizione del "quarto stile" mostra i ritratti di un uomo e una donna che posano come nello stile etrusco.

L'uomo, con le sue caratteristiche marcatamente mediterranee, è considerato da alcuni come l'avvocato Xeus Terenzio.

Altri ritengono che fosse un magistrato sconosciuto vestito di toga bianca e stringendo un rotolo, ma � opinione diffusa che egli sia Paquio Proculo, un fornaio, il cui negozio � adiacente alla casa contenente il dipinto.

L'elevata qualità dello stato sociale della coppia, che potremmo chiamare di classe medio-alta, è indicata dalla pettinatura raffinata e dall'elegante abito della donna, che ha uno stilo nella mano destra e una tavoletta di cera su cui scrivere. Secondo la convenzione di lunga data, la pelle del maschio è abbronzata, mentre quella della donna � pi� chiara.


Adriano

Il presunto architetto del Foro di Traiano, Apollodoro di Damasco, cadde in disgrazia sotto Adriano (ad117-138) per le sue critiche severe del piano dell'imperatore per il Tempio di Venere a Roma.

Il doppio edificio, dalle dimensioni colossali, esplicitamente collega la santit� di Roma alla dea che Cesare e Augusto sostenevano che presiedesse alle fortune della citt�.

L'altro ultimo tributo di Adriano all'immortalit� di Roma fu la ricostruzione del Pantheon con la sua cupola meravigliosa.

L'interno massiccio circolare (attraversato da una cupola con un'apertura al centro) fu scandito dalle "case" delle divinit� planetarie e il frontone fu decorato con un'aquila in bronzo all'interno di una corona, insieme ai simboli di Aion (eternit�).

Naturalmente, monumenti grandiosi come questi enfatizzavano il prestigio di Roma, ma l'imperatore (come Traiano, di origine iberica) accrebbe la sua fama con i suoi frequenti viaggi e il desiderio di portare l'unità nel suo regno.

L'immagine dell'imperatore che diventava sempre pi� familiare, si sviluppava su molte monete con diverse rappresentazioni in base ad ogni provincia.

Le più alte espressioni di queste personificazioni sono nei rilievi che circondano il tempio romano a Roma dedicato ad Adriano dopo la sua morte dal suo successore Antonino Pio (AD138-161).


Lettera all'imperatore

La personalit� di Adriano è stata magistralmente descritta in "Memorie di Adriano" di Marguerite Yourcenar (1951), una moderna "autobiografia", apparentemente scritta dall'imperatore per suo nipote Marco Aurelio.

La sensibilità culturale di Adriano mostrata in particolare nel restauro, si riflette in una lettera a lui diretta e scritta dallo storico Arriano, allora governatore della Cappadocia, al termine di un viaggio di ispezione lungo la costa del Mar Nero (c.ad130):

"Siamo arrivati al Trapezus (Trebisonda), la città greca di cui Senofonte una volta ha parlato, e mi sono commosso a vedere il Ponte Eusino dal punto in cui Senofonte, e tu stesso, guardò in basso.

Gli altari sono ancora l�, ma la pietra è talmente ruvida che le lettere non sono più distinguibili, e l'iscrizione greca è stata incisa con diversi errori da parte dei barbari, così ho deciso di ricostruirla in marmo bianco e di fornire loro una nuova epigrafe a caratteri chiari.

La situazione della vostra statua, di fronte al mare, va bene, ma non sembra sia stata eseguita bene. Disporrà d'inviare una statua degna del tuo nome, nella stessa posa.

La posizione è assolutamente giusta per un ricordo duraturo. "

La colonna Antonina

Durante il regno degli Antonini la societ� era pi� prospera e contenta rispetto al passato.

In particolare, il regno di Marco Aurelio ha segnato il culmine della civilt�, cos� come l'inizio del suo declino.

L'oratore Elio Aristide ha commentato i benefici universali determinati dal dominio romano ancora cercando invano una traccia di felicit� personale attraverso rimedi mistici.

Azioni autoritarie del governo, anche se lungimiranti ed efficienti, hanno lasciato un vuoto spirituale.

Nei rilievi della Colonna Antonina, iniziata da Commodo, dopo la morte del padre nel 180d.C., i romani hanno continuato la loro offensiva disciplinata contro il mondo, ma erano turbati dalla irrazionalit�.

La fede nella divinit� dell'Olimpo era messa in discussione.

Rispetto alla Colonna Traiana, erano mostrate meno e pi� brevi scene sacrificali.

Nel primo caso, l'aspetto di Giove era sufficiente ad incoraggiare l'esercito. Ora i risultati terreni di un intervento divino dovevano essere mostrati - come il fulmine che mette a fuoco un primo motore di guerra per proteggere l'imperatore.

Quando i Romani assetati furono salvati da una tempesta di pioggia, la nube assunse le sembianze di un uomo terribilmente vecchio, che stendeva le sue ali enormi sulle schiere nemiche per spazzarli via.

Tale miracolo potrebbe essere attribuito alle preghiere dei cristiani, molti dei quali ora hanno marciato con le legioni.

Per parlare alle truppe l'Imperatore si mostra su un alto podio tra due generali.

Schiacciate dal peso continuato del servizio militare, le figure dei soldati mancano di variet� e di gesti spontanei nelle caratteristiche individuali.

Le stesse facce, affaticate dal costante impegno nelle battaglie, si vedono nelle marce dei soldati.


Marco Aurelio

Il sistema di adozioni di Roma, che produsse i governanti pi� illuminati che il mondo occidentale avesse mai visto, � stato celebrato da Marco Aurelio (AD161-180) nel fregio del monumento dei Parti, costruito ad Efeso in memoria di Lucio Vero, morto prematuramente nel AD169.

Un pannello ritrae tre generazioni della famiglia, con Adriano sulla destra.

Antonino Pio nel centro, la mano sulla spalla del giovane e Lucio Vero, e ,sulla sinistra, Marco Aurelio.

Adriano neo-ellenica caratteristiche ricordano i gruppi funerari triste attica stele , che sono stati utilizzati per portare l'umanit� al messaggio imperiale. In una mostra di speculazione teorica alleate al pragmatismo romano, l'imperatore filosofo Marco Aurelio combinato meditazione con azioni militari, difendendo le frontiere danubiana di persona. Allo stesso modo, l'arte figurativa bastonate che illustrano la sua attivit� rituali (come quelli conservati nel Palazzo dei Conservatori e altri riutilizzati in l'Arco di Costantino) rivelano una variet� di argomenti che illustrano costume romano: trattamento misericordioso del nemico sconfitto; trionfo e il sacrificio agli dei, di ritorno dalla guerra; purificazione dell'esercito; investitura di un principe straniero, indirizzo alle truppe; presentazione dei prigionieri; resa di capi barbari; donazione di doni al popolo, e la partenza di una nuova spedizione. Queste sono le immagini pacifica del crepuscolo della dinastia.

In questa statua in bronzo di Marco Aurelio. caratteristiche dell'imperatore potente trasmettere la sua forte personalità e la sua disposizione per il pensiero astratto. Il viso è allungato, facendolo assomigliare a suo figlio Commodo. che è stato rappresentato insieme con il padre nel gruppo equestre sulla morte di quest'ultimo nel ad180. Il creatore della statua usato il grassetto, semplificando tecnica che si trova comunemente sulle tombe: arrotondati, giustapposti forme geometriche e aerei regolari, prendendo ispirazione da modelli greci. Influenza ellenica � evidente anche nella barba, che si irradia in modo uniforme dalla forma pulita del viso. Una struttura solida e arcaica sottolineato la sacralit� del soggetto. Il tono appassionato delle immagini degli Antonini si fa sentire anche nella tensione dinamica. I tratti del viso sono definiti dalla luce. Conservato per l'eternità nella sua posa filosofica ( ethos ), ritorna al mondo vivente di estendere la sua mano a suo figlio che ha corso a fianco. Marco Aurelio � oggi ricordato soprattutto per i suoi dodici libri di meditazioni , in cui incide il suo stoico-vista sulla vita.


-----
Hadrian's Neo-Hellenic features are reminiscent of the sad funerary groups of Attic stelae, which were used to bring humanity to the imperial message. In a display of theoretical speculation allied to Roman pragmatism, the philosopher-emperor Marcus Aurelius combined meditation with military action, defending the Danubian frontiers in person. Equally, the figurative art in canings that illustrate his ritual activities (such as those kept in the Palazzo dei Conseivatori and others re-used in the Arch of Constantine) reveal a variety of subjects illustrating Roman custom: merciful treatment of the defeated enemy; triumph and sacrifice to the gods; return from war; purification of the army; investiture of a foreign prince; address to the troops; presentation of prisoners; surrender of barbarian chiefs; donation of gifts to the people; and departure of a new-expedition. These are the peaceable images of the twilight of the dynasty.

In this bronze statue of Marcus Aurelius. the emperor's features powerfully convey his strong personality and his disposition for abstract thought. The face is elongated, making him resemble his son Commodus. who was represented together with his father in the equestrian group on the latter's death in ad180. The maker of the statue used the bold, simplifying technique that is commonly found on tombs: rounded, juxtaposed geometric forms and regular planes, taking inspiration from Greek models. Hellenic influence is also evident in the beard, which radiates evenly from the clean shape of the face. A solid, archaic structure emphasized the sanctity of the subject. The impassioned tone of the images of the Antonines is also felt in the dynamic tension. The facial features are defined by light. Preserved for eternity in his philosophical pose (ethos), he returns to the living world to extend his hand to his son who rode alongside. Marcus Aurelius is now remembered particularly for his twelve books of Meditations, in which he records his Stoic-views on life.





CONTENUTI SIMILI

(pubblicita' VI CP)