Guida di Venezia pag. 3

I Ponti di Venezia

Nel 1291, quando i ponti non avevano ancora i gradini e perciò si poteva entrare in città a cavallo, venne imposto di “parcheggiare” la cavalcatura in un’area predisposta per proseguire il percorso a piedi verso S. Marco.

Era considerato pericoloso e pertanto vietato l’utilizzo di cavalli privi di finiture o sonagli.

Nel XV secolo per la navigazione nei canali, fu necessario alzare l’arco dei ponti che furono quindi dotati di gradini e questo fece sparire i cavalli dalle strette vie di Venezia.

Tra il 1687 ed il 1735 un fabbricato detto “La cavallerizza” (dietro la basilica di SS. Giovanni e Paolo) fungeva da maneggio e vi si disputavano giostre e tornei a cavallo.

Nonostante questo sport, quando si voleva ironizzare sulle cattive qualità di un cavaliere si diceva che "cavalcava alla veneziana".

I Ponti di Venezia - Ponte della paglia

Venezia - Ponte della Paglia Il Ponte della Paglia venne costruito inizialmente nel 1360, mentre la struttura odierna risale al 1847.

Il Ponte della Paglia è fra i più frequentati ponti di Venezia perché attraversa il Rio di Palazzo, vicino il Palazzo Ducale. Probabilmente questo ponte viene definito così perché anticamente nei pressi venivano ormeggiate le barche che caricavano e scaricavano carichi di paglia.

I Ponti di Venezia - Ponte dei pugni

Venezia - Ponte dei Pugni in un quadro di Antonio StomVenezia ha diversi Ponti dei Pugni, dove tradizionalmente si svolgevano scontri tra fazioni rivali.
In genere i contendenti finivano solo in acqua, ma gli scontri vennero proibite nel 1705 perché i contendenti erano arrivati ad usare armi e non solo i pugni.

La contesa prevedeva che i campioni ponessero il piede in un'impronta di piede intarsiata in marmo del pavimento ai quattro angoli del ponte; fra la folla dei contendenti alcuni armati di lunghe pertiche con cui sostenere i propri lottatori e spingere in acqua gli antagonisti spesso scoppiavano enormi risse.

In palio c'era il possesso del ponte su cui impiantare le proprie insegne.

Dal 1574, furono permesse solo le battaglie a pugni, senza armi, ma erano così frequenti da diventare un'abitudine.
Sembra che i nobili facessero costruire dei ponti provvisori apposta, in luoghi particolarmente adatti, per offrire agli amici importanti questo spettacolo.

I Ponti di Venezia - Ponte del Paradiso

Venezia - Ponte del Paradiso Dal ponte della Paglia si vede il Ponte del Paradiso che sorge di fronte allo splendido portale dell’ingresso dell’Arsenale ed è uno splendido esempio di architettura bizantina e gotica.

I Ponti di Venezia - Ponte delle tette

Venezia Ponte delle tetteNel Sestriere di San Polo c’è una zona chiamata Carampane che deriva dal nome della Cà Rampani della famiglia veneziana Trapani dove vi era una comunità di cortigiane che qui potevano esercitare liberamente il loro mestiere.

Da Cà Rampani deriva il termine "vecchia carampana" per dire vecchia prostituta.

Il Rio Terà delle Carampane giunge fino al Ponte delle Tette e da sopra questo ponte le cortigiane si affacciavano con il seno scoperto per allietare i passanti o addirittura completamente nude per mostrare le loro grazie.

Il mestiere delle prostitute era sostenuto dal Governo perché l’indice di omosessualità stava aumentando e il loro compito era proprio quello di “distogliere gli uomini dal peccare contro natura”.
 








Argomenti correlati




Libri e Guide su Veneto e Venezia

  Andrea Zanzotto tra Soligo e laguna di Venezia
2008, Olschki
  Arrivare a Venezia. Concorso internazionale di progettazione
2008, Mondadori Electa
  L'anima di Venezia. Riflessi sull'acqua catturati da un artista cinese-The Soul of Venice. Reflections in the Water Captured by a Chinese Artist
Zhu Di, 2008, Marsilio
  La carrozza di Venezia. Storia della gondola
Marzo Magno Alessandro, 2008, Mare di Carta
  Canal Grande. Una storia di Venezia. Dogi, briganti, naviganti, raccontati dalle antiche stanze
Cavarzere Giovanni, 2008, Arsenale
  City pack. Venice
Jepson Tim, 2008, Boroli Editore
  Gallerie dell'Accademia di Venezia. Guida
2008, Mondadori Electa
  Terre della Venezia orientale. Guida turistica e culturale
Pavan Laura, 2007, Ediciclo
  Atti dell'Accademia San Marco
2008, Ass. Propordenone
  La grande guida dei monumenti di Venezia. Storia, arte, segreti, leggende, curiosità
Brusegan Marcello, 2005, Newton Compton
  Il collezionismo d'arte a Venezia. Il Seicento
2008, Marsilio
  Le chiese di Venezia
Brusegan Marcello, 2008, Newton Compton
  Guida per l'arsenale di Venezia
Zanelli Guglielmo, 2006, Mare di Carta
  Architettura e ornamento. La decorazione nel Rinascimento veneziano
Wolters Wolfgang, 2007, Cierre Edizioni
  Guida per l'arsenale di Venezia
Zanelli Guglielmo, 2006, Mare di Carta
  Guida ai fondi fotografici storici del Veneto
2006, Canova