Guida di Monteleone pag. 1


Come arrivare a Monteleone di Orvieto

Mappa Monteleone d'OrvietoMonteleone di Orvieto è un antico borgo medioevale a nord della provincia di Terni, arroccato su uno dei colli che separano l'Orvietano da Città della Pieve, a 500 m di altezza alla sinistra del torrente Chiani.

In auto:
- Da Roma: A1 Autostrada del Sole uscita Orte,  proseguire per Terni con la SS209 Valnerina (cascata delle Marmore) e poi la  SS320 per Monteleone seguendo le indicazioni stradali.
- Da Firenze: A1 Autostrada del Sole; uscita Val di Chiana, imboccare il Raccordo per Perugia-Assisi-Spoleto-Valnerina.
- Da Bologna: A14 Autostrada Adriatica fino a Civitanova Marche, poi superstrada per Macerata e Tolentino; a Muccia deviazione Visso-Valnerina e Monteleone, seguendo le indicazioni stradali.
- Da Bari: A14 Autostrada Adriatica fino a San Benedetto del Tronto, poi superstrada per Ascoli Piceno; Salaria con deviazione per Norcia (tunnel Forca Canapine) seguendo le indicazioni stradali per Monteleone di Orvieto.

In treno e autobus:
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Orvieto (Km 36) e poi servizio di Autobus


Monteleone cenni storici

Monteleone - Antico Pozzo in Piazza CavourLa prima testimonianza di un insediamento umano nel territorio di Monteleone risale al periodo etrusco.

Da vari elementi gli storici ritengono che, come nelle altre parti della Toscana e dell'Umbria, agli Etruschi siano succeduti i Romani, e al disfacimento dell'Impero romano, Monteleone abbia conosciuto i barbari, le loro dominazioni ed il governi di nobili famiglie feudali fino in torno all'anno 1000 per la sua strategica posizione, fu scelto da Orvieto per la costruzione di un castello che difendesse i suoi confini settentrionali.

Arroccato su uno dei colli che separano l'Orvietano da Città della Pieve, da cui si possono controllare le colline e i monti toscani e laziali e la Valle del Chiani, fu lungamente conteso fra lo stato della Chiesa e le Signorie vicine.

Le vetrerie di Monteleone

Monteleone - Tessere per  la facciata del duomo di OrvietoNel 1310, in vista dell'imminente costruzione del Duomo di Orvieto, uno dei capolavori dell'arte gotica in Italia, a Monteleone fu costruita una fabbrica vetraia per la produzione delle tessere decorative della facciata.

Al monteleonese Consiglio Dardalini fu affidata la direzione dei lavori e l'opera di doratura delle tessere dei mosaici.
La qualità dei materiali e l'esperienza delle maestranze produssero un lavoro eccelso, ma, forse per la morte di Consiglio Dardalini o, più semplicemente, per la conclusione dei lavori del Duomo, le fornaci di Monteleone ebbero vita breve e nel giro di un ventennio vennero riconvertite per la produzione dei laterizi rossi che sono ancora la caratteristica dei palazzi di Monteleone.






Cosa vedere a Monteleone - Centro Storico

Monteleone- Pozzo medievaleIl borgo si presenta intatto e ben conservato nella sua struttura medievale, ornato da caratteristiche costruzioni in laterizio.

Dell'originario Castello, saccheggiato e distrutto dai fiorentini nel 1643, oggi rimangono da ammirare la Porta di Accesso, alla base della Torre mozza, il Torrione con le sue mura di difesa, i vicoli caratteristici, il Pozzo medievale, ed altre nobili costruzioni poste nella piazza principale del paese, all'interno del vecchio borgo.

Monteleone - Mura, Baluardi e Porte

Monteleone -Porta Nord e Torre mozzaL'aspetto medievale ed il particolare colore dei mattoni con cui è costruita la città, fanno di Monteleone un Borgo inconfondibile.

La Torre Mozza, ricostruita nel 1848 su ciò che rimaneva dell'antica porta d'ingresso, la Porta Nord, da il benvenuto ai visitatori che accedono al centro storico.
Questa Porta a doppio fornice, è sormontata da una torre che, mancando della parte alta, è stata chiamata "Mozza" e si i trova in posizione opposta all'altro ingresso del paese, denominato per questo "Uscidietro".










Foto di Monteleone pag. 1


slideshow
slideshow




Argomenti correlati





Libri e Guide sull'Umbria

Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
Umbria
Mondadori Electa
Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
Pintoricchio. Itinerari in Umbria
Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
Umbria
2008, Touring
Toscana e Umbria
2008, EDT
Umbria
2008, Mondadori Electa
Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)