Guida di Sant'Apollinare


Come arrivare al Castello di Sant'Apollinare

Mappa Sant'ApollinareSant'Apollinare fa parte del Comune di Marsciano ed è un meraviglioso balcone sulla Valle del Fersenone.

In auto:
- Per chi proviene dal Nord,Autostrada del Sole A1, uscita Valdichiana e proseguire per Perugia ,Terni lungo la superstrada E45;uscire a Todi e seguire le indicazioni per Marsciano.

- Per chi proviene da Marsciano: Percorrere la strada che porta a Cerqueto, entrati in paese seguire l'indicazione per Spina e proseguire fino alla rotonda, il Castello rimane sulla sinistra.

- Dal Sud Autostrada del Sole A1, uscita di Orvieto; proseguire per Todi lungo la SS448 e seguire le indicazioni per Marsciano.

- Autostrada Adriatica A14, uscita di Cesena; proseguire per la superstrada Perugia -Todi E45, poi seguire le indicazioni per Marsciano.



Informazioni sul Castello di Sant'Apollinare

Castello di Sant'ApollinareQuesto edificio è un castello di poggio, costruito nell'alto medioevo nel classico impianto bizantino, dotato di un maschio merlato e di due cortili d'armi.
Progettato come Edificio militare, questo castello faceva parte, insieme a tanti altri in Umbria, di una cerchia di castelli posti a difesa della città di Perugia dalla parte meridionale, in corrispondenza del Vallo Bizantino.

Le origini del Castello di S. Apollinare risalgono molto probabilmente al secolo X, poiché la prima data citata a suo riguardo nei documenti storici è quella del 1010, anno in cui fu in parte bruciato dall'esercito imperiale.

Successivamente nel 1030 Ugone, figlio di Alberigo insieme alla moglie Deodata, lo donò all'Abbazia di Farfa.

Castello di Sant'Apollinare fra storia e leggenda

Castello di Sant'Apollinare  - PozzoIl castello è citato per la prima volta nelle le carte ufficiali nel 1010, anno in cui fu in parte bruciato dall'Esercito di Enrico II del Sacro Romano Impero in guerra contro il Papato.

Successivamente nel 1030 i proprietari lo donarono all'Abbazia Benedettina di Santa Maria di Farfa.
Il castello passò poi di mano in mano, ora in affitto, ora residenza di nobili e potenti feudatari.

In ogni caso il castello è sempre stato abitato e perciò conserva intatte le sue strutture originarie.



Nuova destinazione - Castello di Sant'Apollinare

Castello di Sant'Apollinare ( Marsciano PG)Il romantico chiostro, ornato da un elegante pozzo medievale, al centro della corte posta appena dopo l'ingresso, conserva intatta, con gli edifici che lo proteggono, l'antica struttura feudale.

Ultimamente il castello è stato oggetto di un sapiente restauro che ha riportato all'antico splendore il maestoso Salone dei Cavalieri e le belle sale che videro i fasti e le gesta dei Marchesi Graziani, nobili perugini che ne furono i signori per oltre quattrocento anni, è destinato a convegni, mostre, concerti e banchetti per cerimonie.

L'ospitalità del Castello di Sant'Apollinare

Castello di Sant'ApollinareIl Castello, che dista soli 18 km da Perugia, 20 da Todi e 35 da Assisi, si trova in una posizione ideale per occasioni particolari : dentro le mura è ancora percepibile una magica atmosfera ricca degli odori e immagini di un antico passato.

Suggestivo è il silenzioso orto medievale ricco di rose e di essenze antiche, che regala agli ospiti momenti indimenticabili, aggiungendo un tocco profumato alle serate d'estate.

Tel. 075 87 38 156
Fax 075 87 38 156
Cell. 349 32 03 284

www.castellodisantapollinare.it





Foto di Sant'Apollinare


slideshow
slideshow




Argomenti correlati





Libri e Guide sull'Umbria

Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
Umbria
Mondadori Electa
Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
Pintoricchio. Itinerari in Umbria
Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
Umbria
2008, Touring
Toscana e Umbria
2008, EDT
Umbria
2008, Mondadori Electa
Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)