Guida di Norcia

Come arrivare a Norcia

Mappa di Norcia come arrivare
In Auto

Chi proviene da Nord
Seguire l’A1 in direzione di Perugia, Assisi e Spoleto e da qui imboccare la strada Spoleto-Norcia (km 45).
Da Spoleto è consigliato imboccare la galleria “Forca di cerro”. Si esce a Sant’Anatolia di Narco e si prosegue in direzione di Norcia e Cascia, lungo la statale 209 della Valnerina.

Da Firenze a Norcia i tempi di percorrenza sono di circa 2,5 ore.

Dal versante adriatico, percorrendo la Bologna-Bari, uscire a Cesena Nord, proseguire in direzione di Perugia e seguire l’itinerario sopra descritto. (Norcia dista da Ancona circa un’ora e mezza).

Chi proviene da Sud
Dopo aver lasciato l’A1 al casello di Orte, proseguire in direzione di Spoleto. (Roma-Norcia distano circa due ore).
Dal versante adriatico percorrere la A 14 e uscire a San Benedetto del Tronto. Da qui prendere la superstrada verso Ascoli Piceno e proseguire per Norcia (da Ascoli a Norcia la distanza è di appena 40 minuti).

In Treno

Occorre raggiungere la stazione più vicina di Spoleto (che si trova lungo la linea Roma-Ancona). Da Spoleto vi sono diverse corse giornaliere di autopullman per Norcia (tragitto circa 50 minuti).

Anche da Terni (sempre sulla linea Roma-Ancona) è possibile raggiungere Norcia in pullman.

In Aereo

L’aeroporto più vicino è quello di Perugia (km. 120) per chi proviene da Milano.

Per ogni altra provenienza lo scalo consigliato è quello di Roma-Fiumicino (km. 180). Dall’aeroporto si può raggiungere in treno la Stazione Termini e da qui, in treno, arrivare a Spoleto.


Il territorio attorno a Norcia

Dal punto di vista geografico e naturalistico Norcia è collocata nel punto di raccordo di due realtà paesaggistiche assai diverse ma contigue: la Valnerina, ovvero il comprensorio della stretta valle fluviale scavata dal fiume Nera e dai suoi affluenti, con le sue pendici montane scoscese ricoperte di vegetazione a foglia caduca, e i Monti Sibillini, la zona montuosa di origine tettonica caratterizzata da vette in grado di raggiungere e superare i 2000 metri di altezza, con pendii erbosi o ricoperti da faggete, arrotondati dall'azione glaciale ed eolica, all'interno della quale si aprono vasti altopiani carsici sfruttati per il pascolo di bovini e di greggi e ricchi di specie floreali montane tra le quali l'artemisia, l'anemone, la genziana e il giglio martagone.

Breve storia di Norcia

Ci sono tracce di insediamenti umani risalenti al Neolitico.

La città è conquistata dai Romani nel terzo secolo a.C.

Nell'Alto Medioevo con la decandenza dell'Impero Romano d'Occidente e le invasioni successive ad opera dei barbari, Norcia è saccheggiata e devastata varie volte.

Nel Medioevo Norcia è una cittadina Guelfa sotto il dominio papale, ma riesce ad avere un libero Comune all'inizio del dodicesimo secolo e a vivere un periodo di prosperità economica.

Nel 1354, però, è definitivamente assoggettata alla Chiesa, ma già nel dicembre del 1328 a causa di un catastrofico terremoto che distrugge la maggior parte degli edifici pubblici e privati provocando circa 5000 vittime, Norcia subisce un colpo di grazia definitivo alle sue ambizioni territoriali.

Nel tardo Rinascimento, poi, i pontefici assegnano a Norcia la sede di una prefettura pontificia e consolidano a scopo protettivo la cinta muraria che è ancora presente oggi.

Nel diciassettesimo secolo è fortemente legata a Roma e vive un periodo di vivacità artistica e culturale, nello splendore del Barocco.

Da quel periodo vengono erette nuove chiese, conventi e monasteri, sorge una accademia letteraria, e sono costruite scuole e fondato un teatro.

Durante il diciottesimo secolo la città subisce ancora disastrosi terremoti che portano alla ricostruzione impostando una struttura tipicamente ottocentesca e non più medievale.

I terremoti a Norcia

Oltre a quelli catastrofici subiti nei secoli precedenti altri terremoti seguono purtroppo fino al giorno d'oggi.

Tra i più importanti quello del 1859, col quale sono distrutti 600 edifici sui 676 esistenti. Un altro terremoto avvenne nel 1979 che fece sprofondare molte case a causa della cavità sotto l'area cittadina.

Ed infine i terremoti del 2016 che hanno fatto crollare gran parte della chiesa di san Salvatore, nonché la Basilica di san Benedetto e il suo campanile, ed ancora la Concattedrale di santa Maria Argentea, le chiese di santa Rita e san Francesco, il santuario della Madonna Addolorata e campanile annesso, la chiesa di sant'Agostino e parte delle mura.

Cosa visitare oggi a Norcia

Per arrivare a Norcia da Amatrice bisogna passare per frazioni che non esistono più, tra macigni in mezzo alla strada, fontanelle che ancora funzionano a dissetare il nulla e vicoli ghiacciati dove la vita sembra non esserci mai stata. Il comune di San Benedetto ha l’ingresso delle mura sorretto a fatica da impalcature che non lo lasciano respirare dal sisma che ha minato in più punti la fortezza, ma è nel borgo che il cuore ha ripreso a battere. #RiparTiAmo è l’hashtag che Norcia ha coniato per scrollarsi di dosso la polvere e le macerie.







Foto di Norcia



Argomenti correlati




Libri e Guide sull'Umbria

  Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
  Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
  The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
  Umbria
Mondadori Electa
  Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
  Pintoricchio. Itinerari in Umbria
  Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
  L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
  L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
  Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
  Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
  Umbria
2008, Touring
  Toscana e Umbria
2008, EDT
  Umbria
2008, Mondadori Electa
  Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
  Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
  Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
  I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
  Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
  Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)