homepage   Menu generale   cerca






Guida di Castiglion Fosco


Come arrivare a Castiglion Fosco

Mappa Castiglion FoscoCastiglion Fosco, come Castello di Gaiche fa parte del Comune di Piegaro dal quale dista circa 12 km.
In auto:
- Da Nord: Autostrada del Sole A1, uscita  Chiusi, Chianciano, direzione Perugia.
A Moiano andare in direzione di Piegaro e Tavernelle e seguire le indicazioni stradali fino Castiglion Fosco.
- Da Sud: Autostrada del Sole A1, uscita a Fabro, direzione Montegabbione e seguire le indicazioni stradali fino a Castiglion Fosco.
- Da Perugia, imboccare la SR220 direzione Città della Pieve, Tavernelle e seguire le indicazioni stradali fino a Castiglion Fosco.
In treno e autobus:
Castiglion Fosco si appoggia alla stazione ferroviaria di Castiglione del Lago per la linea Firenze-Roma ed alla stazione di Magione, Passignano e Tuoro per la linea Ancona – Foligno - Terontola.

In aereo:
Gli aeroporti più vicini a Castiglion Fosco sono l'aeroporto S. Egidio di Perugia e l'aeroporto di Firenze Peretola.




Castiglion Fosco - Comune di Piegaro

Le campane della Torre tonda di Castiglion FoscoA pochi chilometri a sud-ovest di Perugia, aggrappato al verde declivio di un colle, visibile da molto lontano, soprattutto per l'inconfondibile sagoma della possente torre, grandioso avanzo di un castello della prima metà del secolo XII, sorge un piccolo paese, sconosciuto ai più, ma una lunga e gloriosa storia alle spalle.

La campagna intorno è ammantata di viti e ulivi e, boschi ben tenuti, coprono le parti più alte della collina.







Castiglion Fosco, cenni storici

Castiglion Fosco - PiegaroL'origine di Castiglion Fosco sono legate proprio al suo nome. Nel X Secolo questo territorio fu assegnato dall'Imperatore Ottone II ad un suo soldato che si chiamava proprio Fuscus e che qui era nato.

Alla morte di Fuscus, il piccolo feudo passò ai figli che, di riffe o di raffe, lo allargarono ed a difesa del conquistato diritto ed a tutela dei contadini, costruirono un castello, circondato da robuste mura, interrotte da torri, il cui sviluppo era di circa 320 metri, che fu chiamato Castrum filiorum Fusci, cioè il castello dei figli di Fuscus.

Castiglion Fosco, ancora storia

Castel Foscp - Piegaso Nel 1282 risulta che a Castiglion Fosco vivevano 107 famiglie.

In quel tempo la consistenza della popolazione era valutata dal numero delle famiglie, indicate negli antichi manoscritti con le denominazioni: fuochi o focolari. Poiché, secondo la stima di allora ogni "fuoco" raggruppava 5 "anime" risulta che già allora Castiglion Fosco aveva 535 cittadini.



Durante il 1300 ed il 1400, nonostante le guerre che coinvolsero Perugia e le città vicine, Castiglion Fosco resistette agli attacchi ed agli assedi e la sua popolazione aumentò (710 nel censimento del 1410).

Intanto le campagne erano sempre meglio coltivate, castagne, olive, grano ed uva e l'allevamento di animali da cortile e da stalla, permettevano agli abitanti di Castiglion Fosco una vita serena.

Cosa vedere nei dintorni di Castiglion Fosco

Antica costruzione a Castel Fosco - Piegaro I tetti di Castiglion Fosco - PiegasoOggi Castiglion Fosco è ridotto ad un borgo piccolissimo con pochi abitanti, ma è da visitare e fotografare in ogni suo angolo.

Nei dintorni, sempre nel comune di Piegaro valgono una visita anche Cibottola distante circa 850 metri da Castiglion Fosco, Collebaldocon il suo Castello recentemente ristrutturato ed adibito a struttura turistica, come Castello di Gaiche.

Su un poggio a 301 metri s.l.m. c'è Ierna un piccolo castello a breve distanza dall'importante via Pievaiola, che collega Perugia con Città della Pieve e, più o meno alla stessa altezza, è Macereto altro piccolo borgo fortificato a breve distanza da Castiglion Fosco.

Presso un antico monastero benedettino si possono fare quattro passi nel verde a Parco Montarale Castello sulle pendici di un dolce colle od a Oro Monte Arale uno splendido parco attrezzato, da cui si gode di una bella vista panoramica.




Foto di Castiglion Fosco


slideshow
slideshow



Link sponsorizzati





Libri e Guide sull'Umbria

Umbria. Guida completa ai monumenti, all'arte e alle tradizioni
Valdés Giuliano, Bonechi
Guida ai parchi dell'Umbria
Santini Loretta, Quattroemme
The Galleria Nazionale dell'Umbria. Guida storico-artistica
Garibaldi Vittoria; Mercurelli Salari Paola, Silvana
Umbria
Mondadori Electa
Lorenzo e Jacopo Salimbeni. Vicende e protagonisti della pittura tardogotica nelle Marche e in Umbria
Minardi Mauro, 2008, Olschki
Pintoricchio. Itinerari in Umbria
Di buon passo. Tra Toscana e Umbria un viaggio a piedi lungo i sentieri del Medioevo
Bocconi Andrea, 2007, Guanda
L'Umbria nel piatto 2007-2008
Cargiani Simone; D'Arienzo Fernanda, 2007, La Pecora Nera
L'arte rupestre in Italia centrale. Umbria, Lazio, Abruzzo
Mattioli Tommaso, 2007, Ali&No
Camminare in alta valle del Tevere. 22 itinerari tra paesaggi e memorie
Vinti Graziano, 2007, Ali&No
Sapori dell'Umbria
2008, Keybook
Umbria
2008, Touring
Toscana e Umbria
2008, EDT
Umbria
2008, Mondadori Electa
Umbria
Zanolla Virgilio, 2008, De Agostini
Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria. Vol. 4: L'antica diocesi di Orvieto.
2006, Canova
Umbria. L'incanto delle meraviglie
Cascioli Lino, 2007, Edimond
I tesori dell'Umbria
Della Croce M. Laura; Veggi Giulio, 2006, White Star
Terra di maestri. Artisti umbri del novecento 1969-1980
2006, Effe
Arte nell'Umbria dei parchi. Ediz. italiana e inglese
Nucciarelli Franco I., 2005, Italgraf (Perugia)