Guida di Buonconvento

Come arrivare a Buonconvento

Buonconvento - le MuraUno dei borghi più belli d'Itali fa parte del Circondario delle Crete senesi con Asciano, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme e San Giovanni d'Asso.

In auto:
Da Nord
- Dall'Autostrada A1 uscire a Firenze Certosa e prendere la superstrada Firenze-Siena ed uscire a Siena Sud
- Proseguire lungo la vecchia Cassia SS2 seguendo le indicazioni per Buonconvento.
Da Sud - Roma
- Dall'Autostrada A1, uscire a Sinalunga o Chianciano e seguire le indicazioni per Pienza.
- Arrivati a Pienza, proseguire seguendo le indicazioni per S.Quirico d'Orcia e poi seguire le indicazioni stradali per Buonconvento.
In treno e autobus:
Buonconvento e servito dalle linee ferroviarie Orbetello - Grosseto - Buonconvento - Siena e da servizi autostradali da Firenze, Siena e Pisa.
In aereo:
Buonconvento si appoggia al piccolo aeroporto di Siena Apugnano e anche i vicini aeroporti Internazionali di Pisa e di Firenze.

Distanze km da Buonconvento:
Milano...............393 Km
Siena...............31 Km
Torino...............512 Km
Firenze.............103 Km
Verona..............325 Km
Grosseto...........69 Km
Brescia..............375 Km
Arezzo..............75 Km
Genova..............329 Km
Pisa.................190 Km
Padova..............314 Km
Roma...............218 Km

Buonconvento cenni storici

Buonconvento - le MuraIl nome di questo borgo deriva dal latino "bonus conventus" e ha il significato di "comunità felice, fortunata, comunità che gode della fertilità della terra".

Da sempre Buonconvento, anche se per secoli è stata coinvolta nelle guerre fra Siena e Firenze, ha goduto dei vantaggi derivanti dalla abbondanza di acqua, proveniente dalle molte sorgenti e dai fiumi Arbia e Ombrone.

Per la sua posizione, vicino ad un buon guado, Buonconvento è da sempre un importante punto di riferimento per i viandanti che percorrevano la via Francigena.

Questo fa dell'ospitalità di Buonconvento una tradizione, i palazzi e le mura che offrivano accoglienza ai viandanti medievali, continuano a fornire ottimo cibo e alloggio ai turisti moderni.

Cosa vedere a Buonconvento

Facciata del Palazzo del Podestà di BuonconventoOltre alle caratteristiche strade del Borgo di Buonconvento e le belle mura costruite dai Senesi, è da visitare il Museo d'Arte Sacra della Val d'Arbia che conserva, dipinti senesi risalenti al XV-XVI e XVII, arredi sacri, sculture lignee e numerosi oggetti preziosi di oreficeria.

Il Museo è ospitato nelle sale del Palazzo Ricci, che si presentano finemente decorate con motivi floreali caratteristici dello stile liberty.

Un visita è meritata anche dal Museo Etnografico della Mezzadria senese del 900, nei locali tardo seicenteschi di un vecchio granaio conosciuto come la Tinaia del Taja nel centro storico.

Il granaio fu costruito a ridosso delle vecchie mura di cinta ed il tracciato murario trecentesco è ancora perfettamente riconoscibile sia sulle pareti esterne che, all'interno.

Buonconvento Palazzo del Podestà

Buonconvento - Uno scorcio suggestivoBuonconvento - Una via internaSulla facciata del Palazzo del Podestà con la torre civica a pianta rettangolare del secolo XIV e i due archi gotici si contano 25 stemmi in pietra degli antichi podestà.

Gli stemmi portano da data della carica per ciascun podestà (un anno)



Soggiornare a Buonconvento

Molte case di Buonconvento mettono a disposizione dei turisti camere arredate con gusto antico, nella tranquilla cornice dei rossi mattoni delle mura del 1300, delle facciate, sempre in mattoni di chiese e palazzi il cui unico "lusso" sono il marmo degli stemmi gentilizi.

Non mancano B&B, Alberghi, Residence, Agriturismi e Campeggi in zona.

Cosa vedere nei dintorni di Buonconvento

Buonconvento - La buona tavolaA Buonconvento le crete si aprono su ampi spazi ed è bello raggiungere le masserie, gli eremi ed i borghi circostanti passando in mezzo ad una natura che, secondo la stagione, cambia di colore in modo così accentuato.

Ogni paese vicino ha qualcosa da offrire: Asciano Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme, San Giovanni d'Asso sono borghi con tanta storia ed arte oltre a cibi, vini ed olio d'oliva insuperabili.

Durante le gite è facile incontrare pecore che pascolano libere nelle Crete, brucando cespugli aromatici che riempiono di sapide sfumature un pecorino eccellente da gustare sia fresco che stagionato.






Foto di Buonconvento

slideshow
slideshow



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri e Guide sulle crete senesi e Asciano

  Asciano. Museo Cassioli. Pittura senese dell'Ottocento
Petrucci Francesco, 2007, Silvana
  La ferrovia per la Maremma (1859-1994)-Viaggio in strada ferrata da Asciano a Grosseto
Maggi Stefano; Losi Giovacchino, 1996, NIE
  Nel cuore delle crete senesi. Spaccato di vita del XX secolo in Asciano
Papini Norma; Papini Adriana, 2001, Il Leccio
  Il contado senese all'epoca dei nove. Asciano e il suo territorio tra Due e Trecento
Barlucchi Andrea, 1997, Olschki
  Chianti e Crete senesi in bicicletta
Masotti Fabio, 2007, Ediciclo
  Toscana in mountain bike. Vol. 2/1: Preappennino. 31 itinerari tra Chianti, Montagnola e crete senesi, colline metallifere, val d'orcia e monte Amiata.
Grillo Sergio; Pezzani Cinzia, 1992, Ediciclo
  Asciano elementare. An elementary tour guide to Asciano
2001, Il Leccio
  Asciano
1998, Octavo
  Le crete senesi nell'età moderna. Studi e ricerche di storia rurale
Giorgetti Giorgio, 1983, Olschki
  Le crete senesi nell'età moderna. Studi e ricerche di storia rurale
Giorgetti Giorgio, 1983, Olschki