homepage   Menu generale   cerca



Video di Pistoia con drone







Guida di Pistoia

Come arrivare a Pistoia

Pistoia, situata nell’ampia pianura del fiume Ombrone è una città ricca di monumenti e architetture medievali.

In auto:
Autostrada A 11 da Firenze e da Pisa - Lucca,A 1: da Roma-Bologna  e SS 12 dall’Abetone.
Parcheggiare in uno dei parcheggi più esterni, come “Cellini” e “Stadio” dove la sosta è gratuita ed un servizio navetta collega al centro storico.

In treno:
Le comunicazioni seguono il percorso delle strade principali: collegamenti con Firenze, Lucca, Prato, Bologna (Trenitalia informa: 892021).

In aereo:
L’aeroporto più vicino, ben collegato con la linea ferroviaria locale, è l’Aeroporto Vespucci di Firenze (tel. 055/30615)







Pistoia cenni storici

Pistoia Foto panoramicaNata come città fortificata cinta da mura nel II secolo a.C. (Oppidum) i romani la chiamarono Pistoria o Pistoriae.

Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, (476 d.C.) la zona fu invasa dai Goti, che lasciarono intatto oppidum romano con le sue mura.

Pistoia ebbe grande importanza strategica e politica sotto i Longobardi (secc. VI-IX).

Libero Comune dal 1117, godette di una notevole espansione urbanistica e fu cinta da una seconda cerchia di mura (sec. XII).

Il notevole sviluppo militare, politico ed economico e le lotte intestine tra le varie fazioni, portarono Pistoia alla guerre contro Firenze e Lucca.

La necessità di difesa obbligò i Pistoiesi a costruire, nel 1300 circa, una nuova cinta fortificata.

Pistoia ancora storia

Pistoia - Foto degli antichi portici di Piazza DuomoFirenze e Lucca strinsero Pistoia in un assedio durato undici mesi, dal 22-5-1305 al 10-4-1306, concluso con l'abbattimento delle mura della città e la spartirono del territorio.

Dopo anni di contese sanguinose, nel 1329 la città passò stabilmente sotto la Signoria di Firenze e la città, da allora, seguì la sorte della famiglia Medici.

Fra il 1400 ed il 1500 furono aggiunti alle mura quattro bastioni a difesa delle quattro porte di accesso.

Alla morte dell'ultimo discendente dei dè Medici, nel 1737 ed alla nascita del Granducato di Toscana, Pistoia godette una serie di riforme per lo sviluppo economico, legato anche all’attività florovivaistica, ai vicini stabilimenti termali e all’industria in genere.

Nel 1860, la città fu annessa al Regno d’Italia.

Cosa vedere a Pistoia - Palazzo Pretorio

Pistoia - Interno Palazzo PretorioCostruito nel 1367 per ampliare la vecchia residenza del podestà, Palazzo Pretorio fu sede del tribunale cittadino, come dimostrano gli scranni in pietra dove sedevano i magistrati.

La corte interna è decorata da un grande affresco con gli stemmi dei podestà e dei commissari del popolo che coprono gran parte delle pareti e del soffitto.

Nella facciata del Palazzo Pretorio sono incastonati numerosi stemmi in terracotta, marmo e pietra a testimonianza di quanto fosse stato energico e politicamente vitale il periodo del libero Comune.

In questa zona è consigliata la visita di una delle più antiche strade della città, “Via degli orafi” che accoglie molti negozi e mostra curiosi edifici in stile liberty per spingersi tra vicoli medievali e piazzette irregolari, prestigiosi palazzi e piccole case-torri.

Cosa visitare a Pistoia - Battistero

Pistoia - Battistero di San Giovanni in CorteIl Duomo di San Zeno che risale al XII secolo in splendido stile romanico fa parte di un grande complesso con il Campanile a sinistra, un tempo torre di guardia longobarda, il gotico Palazzo dei Vescovi del XI secolo con la sua bella loggia ed il Battistero di San Giovanni in Corte, progettato nella bottega di Andrea Pisano e situato proprio di fronte.

Il prezioso edificio gotico, la cui facciata è rivestita di marmo bianco e verde è detto "in corte" per il legame con la "curtis domini regis" perché sorgeva vicino al palazzo del Guastaldo, amministratore del regno Longobardo.

Terminato nel 1359 è documentato che il Battistero è stato costruito sopra un edificio preesistente, del XII secolo di uguale nome antistante la Cattedrale; al suo interno un fonte battesimale risalente al 1226.

Dietro il battistero e parallela a Via degli Orafi, da fotografare la pittoresca Piazzetta della Sala sede del mercatino orto-frutticolo, con il suo famoso Pozzo del Leoncino.



Ospedale del Ceppo

Pistoia - Particolare del fregio dell'Ospedale del CerroIl vecchio Ospedale del Ceppo è celebre per i fregi de Della Robbia in terracotta vetrificata posti sul loggiato.
Per raggiungerlo scendere dietro il Palazzo del Comune, passando vicino all’antica Torre di Catilina (alta 30 metri) una volta in fondo alla discesa si trova alla sinistra.

All’interno dell’ospedale è stato istituito il "Museo dei ferri chirurgici", al quale si può accedere gratuitamente ma solo previa prenotazione.

Li vicino ci sono due bellissime chiese da visitare la Pieve di Sant'Andrea, con opere d’arte d’altissimo pregio e la chiesa di San Bartolomeo entrambe risalenti al periodo longobardo.

Cosa fare a Pistoia - Feste e sagre

Pistoia - Piazza del palio dell'OrsoPiatto forte del luglio pistoiese, il Palio dell'Orso affonda le proprie origini nell’antico “palio” disputato già nel 1200 in onore di San Jacopo, patrono della città.

Vi partecipavano cavalieri famosi e nobili provenienti da tutta Italia, oggi viene disputato fra i quattro rioni della città: Drago, Cervo Bianco, Grifone e Leon d'oro.

La corsa viene preceduta da preceduta dalla sfilata del corteo storico lungo la prima cerchia di mura con costumi d’epoca ed alle loro bandiere.

Percorso della corsa è stato spesso, modificato per adeguarla ad una maggior sicurezza dei fantini e dei cavalli, è stata rettilinea, ad otto, ma ora è un ovale posto nella Piazza davanti al Palazzo del Comune.

Cosa mangiare a Pistoia - Cucina tipica

Pistoia - Trippa allo ZiminoLa gastronomia pistoiese presenta caratteristiche che l’avvicinano alla rinomata cucina fiorentina basata sull’uso di ingredienti semplici e genuini.

I piatti tipici provengono per lo più dalla tradizione montanara, legata ai prodotti del bosco con nomi tipici: il "carcerato pistoiese", una zuppa fatta con brodo di carne, pane raffermo e pecorino, le pappardelle ai funghi, la polenta coi funghi porcini, la "trippa in zimino" in umido con la bietola.

Fra i secondi primeggiano i piatti di carne di cinghiale ed agnello.

Pistoia mantiene viva la tradizione del Confetto di Pistoia, preparato a mano, dei famosi Brigidini di Lamporecchio (cialde dolci aromatizzate con anice), della Torta di castagnaccio (farina di castagne, pinoli e rosmarino) ed i Necci con la ricotta, una sorta di crèpes a base di farina di castagne cotte su tradizionali piastre.

Cosa vedere nei dintorni di Pistoia

FaggetaIl territorio di Pistoia è ricco di Riserve Naturali come l'Abetone con il suo paesaggio montano appenninico, Acquerino con le sue meravigliose faggete, Campolino, dove si possono ammirare l'abete rosso ed i laghetti di particolare bellezza e interesse scientifico.

Vagabondando nella campagna si incontreranno borghi medievali che meritano una visita, come Quarrata, le Terme di Monsummano, Pescia, Lamporecchio.












Foto di Pistoia







Pistoia





pistoia_002.battistero_ottagnale
Battistero Ottagonale





pistoia_003_san_zeno
San Zeno





pistoia_004_fortezza_s_barbara
Fortezza S. Barbara





pistoia_005_panorama
Panorama





pistoia_006_corso_silvano_fedi
Corso Silvano Fedi





pistoia_007_torre_campanaria
Torre Campanaria





pistoia_008_piazza_della_sala
Piazza della Sala





pistoia_009_san_giovanni_fuorcivitas
San Giovanni Fuorcivitas





pistoia_010_san_francesco
San Francesco





pistoia_011_ospedale_del_ceppo
Ospedale del Ceppo





pistoia_012_piazza_duomo
Piazza Duomo





pistoia_013_crocefissione_san_zeno
Crocifissione San Zeno





pistoia_014_palazzo_pretorio
Palazzo Pretorio





pistoia_015_pulpito_giovanni_pisano_sant_andrea
Pulpito Giovanni Pisano Sant'Andrea





pistoia_016_chiesa_del_carmine
Chiesa del Carmine





pistoia_017_madonna_dell_umilta
Madonna dell'Umiltà





pistoia_018_san_bartolomeo
San Bartolomeo





pistoia_019_san_bartolomeo
San Bartolomeo





pistoia_020_giostra_dell_orso
Giostra dell'Orso



Link sponsorizzati





Libri e Guide su Pistoia

Verso la modernità. Pistoia prima, durante e dopo gli anni del Risorgimento nazionale
Cipriani Alberto, 2011, Settegiorni Editore
Storia di Pistoia
Manetti Giannozzo, cur. Baldassarri S. U., 2010, Edizioni dell'Orso
Per mano. Pistoia: itinerari dei bambini nella natura
2010, Gli Ori
Pistoia
2009, Touring
Pistoia sul mare. I cavalieri di Santo Stefano e Pistoia
Agostini Anna, 2008, Settegiorni Editore
Pistoia e i pistoiesi
Berenice, 2009, Settegiorni Editore
1910-2010. Un secolo d'arte a Pistoia. Opere dalla collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Catalogo della mostra. Con DVD
Masini Lara V., 2010, Gli Ori
Iconografia di Pistoia. Nelle stampe dal XV al XIX secolo
Lucarelli Mario, 2008, Polistamp
Arte e storia nel convento San Domenico di Pistoia
Cortesi Alessandro, Giaconi Elettra
Sorprese d'arte a Pistoia
Valbonesi Maria, 2010, Polistampa
Tra vita, regime e cucina. A Pistoia come in Italia
Nesti Paolo, 2010, Settegiorni Editore
Settecento illustre. Architettura e cultura artistica a Pistoia nel secolo XVIII
2010, Gli Ori
Palazzo Puccini a Pistoia. Profilo storico
Gai Lucia, 2008, Gli Ori
L'aristocrazia della morte nella chiesa di San Domenico a Pistoia
Giaconi Elettra, 2010, Nerbini
Toscana. Vol. 1: Firenze e il Granducato. Province di Grosseto, Livorno, Pisa, Pistoia, Prato, Siena.  cur. Bevilacqua M., Romby G. C., 2007, De Luca Editori d'Arte Il Pistoia. Spirito bizzarro del Quattrocento
Rossi Carla, 2008, Edizioni dell'Orso