Video di Piombino con drone







Guida di Piombino

Come arrivare a Piombino

Mappa di PiombinoPiombino, posta sul promontorio omonimo, è una antica città mineraria e commerciale di origine etrusca in provincia di Livorno.

In auto:
Da Milano Milano-Parma (A1), Parma-La Spezia (A15), La Spezia-Rosignano (A12), Rosignano-S.Vincenzo (S.S.1), S.Vincenzo-Piombino (SP 398)
da Torino: Torino-Piacenza (A21), Piacenza-Parma (A1),Parma-La Spezia (A15), La Spezia-Rosignano (A12), Rosignano-S.Vincenzo (SS1), S.Vincenzo-Piombino (SP 398).
da Bolzano: Bolzano-Modena (A22), Modena-Firenze (A1), Firenze-Pisa (A11), Pisa-Rosignano (A12), Rosignano-S.Vincenzo (S.S.1), S.Vincenzo-Piombino (SP 398).
da Napoli: Napoli-Roma (A2), Roma-Civitavecchia (A12), Civitavecchia-Venturina (SS1), Venturina-Piombino (SP398).
da Lecce: Lecce-Brindisi, Brindis-Bari (SP16), Bari-Pescara (A14), Pescara-Roma (A25), Roma-Civitavecchia (A12), Civitavecchia-Venturina (SS1), Venturina-Piombino (SP398).


Piombino cenni storici

Piombino - Panoramica Piombino venne abitata anticamente da popolazione etrusche, provenienti da Populonia, quando la zona era percorsa da numerosi corsi d'acqua che formavano due stagni, quello di Piombino o delle Monache e quello di Rimigliano.

Entrambi gli stagni, nel corso del tempo, divennero paludi e soltanto un'opera di bonifica successiva le risanò, permettendo la crescita della città.

Il nome deriva da "Populino" ovvero piccola Populonia che poi divenne "Palumbino" e poi Piombino.
Per la posizione strategica del territorio fu feudo di Pisa nel 1162, poi nel 1399, si inaugurò con Gherardo il dominio degli Appiani e la nascita dello Stato, che sopravvisse (caso unico nella storia italiana) per oltre quattro secoli: Signoria dal 1507, divenne successivamente Feudo Nobile (1509) e infine, nel 1594, Principato libero e franco del Sacro Romano Impero.

Piombino ancora storia

Piombino - Porto antico di MarinaAlla guida di Piombino, oltre alla famiglia Appiani, si avvicendarono i Ludovisi, i Boncompagni e i Baciocchi-Bonaparte, attraverso un lunghissimo periodo di grandi trasformazioni politiche e amministrative, guerre ed invasioni, fino al 1815 quando Piombino confluì nel Granducato di Toscana governato dai Lorena.

In questo periodo Piombino registra una progressiva crescita economica, demografica ed edilizia, agevolata dalla campagna di risanamento della Maremma, lanciata nel 1828 da Leopoldo II.

Verso la fine dell'Ottocento furono fondate le prime grandi industrie piombinesi, dando il via a quell'attività siderurgica che ha caratterizzato lo sviluppo locale del XX secolo, trasformando la piccola città di mare in un polo industriale.

Il porticciolo mediceo, l'antico porto di Falesia, di cui si ha notizia nel 417, è oggi un importante porto collegato alle principali isole del Parco dell’Arcipelago Toscano.  

Fioritura artistica di Piombino

Piombino - Torrione e RivellinoL'evoluzione cittadina di Piombino del Rinascimento raggiunge il massimo splendore nel corso del XV secolo.

Risale a questo periodo la costruzione dell'Ospedale della SS. Trinità, del complesso architettonico della Cittadella e del Chiostro presso la Concattedrale di Sant'Antimo, opere queste ultime due dell'architetto e scultore fiorentino Andrea Guardi.

Anche la Fortezza del Rivellino, edificata nel 1447 a difesa della Porta a Terra (Torrione), appartiene a questo periodo, e sembra che i progetti urbanistici che il grande Leonardo Da Vinci concepì nei primi anni del Cinquecento per Cesare Borgia e Jacopo IV Appiani, fossero per Piombino.

Piombino - Piazza Bovio

Piombino - Faro di Piazza BovioL'originale Piazza Bovio, situata proprio nella parte antica della città, di fronte all'Isola d'Elba e le altre isola minori dell'Arcipelago rappresenta uno dei balconi sul mare più spettacolari e meta ideale per romantiche passeggiate.

La piazza ebbe origine nel secolo XI, favorita dalla presenza del monastero di S.Giustiniano a Falesia che supportò in quel periodo lo sviluppo delle attività di lavoro e quindi le conseguenti evoluzioni edili.

Fu eseguita rispettando l'originale conformazione dello sperone di roccia che emerge dall'acqua, innalzandovi sopra, le torri e la rocca.


Piombino - Il Rivellino

Piombino - Rivellino Porta di TerraIl Rivellino è un'imponente costruzione militare ed antica porta principale della città, chiamata Porta di Terra, fu costruita nel 1447 da Rinaldo Appiano quale cardine del sistema difensivo di Piombino.

Piombino - La Cittadella

Edificata tra il 1465 e il 1470 da Andrea Di Francesco Guardi su commissione di Jacopo III Appiani, era costituita dal Palazzo del Signore, oggi completamente distrutto, la Cappella di Famiglia, la Cisterna e il Palazzo per la servitù e i servizi.

Piombino - La Cisterna

La bella cisterna in marmo, ancora visibile sul posto, riporta su scolpiti su tre lati i volti di Jacopo II, del figlio e della moglie Battistina di Campo Fragoso.

Sul quarto lato fa bella mostra di se lo Stemma Gentilizio della Famiglia.

Piombino - Il Torrione e Palazzo Comunale

Piombino - Palazo ComunaleIl Palazzo Comunale, prima noto come Palazzo degli Anziani, fu costruito tra il 1435 e il 1440, in stile gotico, da Mastro Nanni di Mogio di Terranova in Valdarno.

In seguito ad alcuni danneggiamenti subiti, l'architetto Bellini la riportò in buono stato nel 1933-35.
All'interno della sala del consiglio è conservata l'effige della Madonna col Bambino.

La Torre civica fu costruita alla fine del secolo XVI, quando gli Anziani affidarono i lavori al maestro Francesco di Leone.

Demolita nel 1938 fu ricostruita ed in tale occasione vi fu trasferita la campana del Torrione, fusa nel 1778, sulla quale si trovano le immagini con epigrafe della Madonna di Cittadella e di S. Anastasia.



Piombino - Il Castello

Piombino - Facciata di Sant'Antimo Nel 1235 fu edificato il Castello e la cinta muraria che entravano in un importante progetto edilizio voluto dal comune di Piombino, che prevedeva dall'inizio del Duecento la costruzione di un impianto difensivo più ampio di quello a difesa del borgo del secolo precedente.

A quel tempo Piombino era uno dei più importanti porti del litorale toscano, grazie ai suoi traffici soprattutto con l'Isola d'Elba e le sue miniere di ferro.

Il Castello di Piombino è comprensivo del Cassero centrale, costruito a più riprese nei secoli XIII - XIV e della Fortezza che lo circonda, voluta da Cosimo De' Medici nel 1552 ad opera del suo architetto militare Giovanni Cameri.







Foto di Piombino


slideshow
slideshow




Argomenti correlati





Libri e Guide sulla Toscana

Piombino a tavola
Lupi Gordiano, 2011, Ass. Culturale Il Foglio
Piombino leggendaria 
Lupi Gordiano, 2010, Ass. Culturale Il Foglio
Cronistoria di Piombino e del suo principato
Petroni Vittorio, 2006, Cantagalli
L'assedio di Piombino del 1448
cur. Giannoni L., 2011, Archivinform
Piombino tra storia e leggenda
Lupi Gordiano, Micheletti Franco, Migliorini Elena, 2004, Ass. Culturale Il Foglio
Piombino in bianco e nero
Micheletti Franco, 2004, Ass. Culturale Il Foglio
Parrocchia di S. Antimo Martire a Piombino. Sepolture dal 1781 al 1900
Camerini Gianluca, 2008, Archivinform
Il principe e il mercante nella Toscana del Quattrocento. Il magnifico signore di Piombino Jacopo III Appiani e le aziende Maschiani di Pisa
Meli Patrizia, Tognetti Sergio, 2006, Olschkiz/td>
Parrocchia di S. Antimo Martire a Piombino. Battesimi dal 1595 al 1781
Camerini Gianluca, 2009, Archivinform
Cronistoria di Piombino e del suo principato
Petroni Vittorio, 2006, Cantagalli
Guida alla val di Cornia. Comuni di Campiglia Marittima, Piombino, San Vincenzo, Sassetta, Suvereto
Valdés Giuliano, Bernini Simonetta, 2003, Felici
Mamma butta la pasta. Gli anni d'oro del basket a Piombino
Panciatici P. Luigi, Panciatici Francesca, 2006, La Bancarella (Piombino)