Video di Mazara del Vallo con drone







Guida di Mazara del Vallo


Come arrivare a Mazara del Vallo

Mappa di Mazara del ValloIn auto:
- Autostrada A 29 Palermo – Mazara del Vallo o SS115

In treno:
Linea Palermo - Mazara del Vallo (Via Castelvetrano)

In autobus;
Gli Autoservizi Segesta hanno la linea Palermo - Mazara del Vallo .

In aereo:

Gli aeroporti più vicini sono l'Aeroporto "V. Florio" di Trapani Birgi a 50 km e l'Aeroporto "Falcone e Borsellino" di Palermo a 110 km entrambi raggiungibili con l'autostrada A29.
In nave:
i servizi di traghetto arrivano al porto di Palermo o di Trapani.

Mazara del Vallo

Porto CanaleMazara del Vallo, località in provincia di Trapani, sorge su un antico sito fenicio posto lungo la costa occidentale della Sicilia, tra Capo Boeo e Capo San Marco, sulla sponda sinistra della foce del fiume Màzaro e ad una distanza di circa 200 km dalle coste della Tunisia.

Si tratta di un grosso centro di circa 51.424 abitanti, il cui centro storico, un tempo era racchiuso dentro le mura normanne, con le numerose chiese monumentali e un suggestivo quartiere a impianto urbanistico islamico tipico delle medine, chiamato Casbah.

Cenni storici di Mazara del Vallo

Casbah sicilianaMazara, che significa "Castello", in Arabo "Porto", esiste dall' età preellenica.

Si affaccia sullo Stretto di Sicilia, nello stesso sito in cui i Cartaginesi nel 409 a.C. l'occuparono, essendo presidio marittimo di Selinunte.

Grazie alla sua posizione geografica acquistò importanza, sia come emporio commerciale che come fortezza. Durante l'epoca romana ebbe grande prestigio.

Mazara del Vallo arabaMa il massimo splendore viene raggiunto sotto la dominazione musulmana.

Gli Arabi sbarcarono per la prima volta in Sicilia, a Mazara del Vallo, il 16 giugno 827. Scrittori Arabi e medievali che la visitarono, la magnificarono e la decantarono come la città siciliana pari a Palermo, per la bellezza degli edifici, la prosperità economica e portuale e la floridezza dei giardini.

Tutto questo è rimasto indelebile nei costumi, nei nomi e soprattutto nell'assetto urbano, in quanto si e tramandato inalterato il tracciato urbano e viario (kasbah), con il suo dedalo di vicoli, archi e cortiletti di carattere ancora arabo.

Ancora storia su Mazara del Vallo

San Nicolo RegaleNel 1072, passata ai Normanni, Mazara del Vallo, divenne Città Regia arricchendosi di chiese, conventi e monasteri.
La Cattedrale sorse al posto della Moschea grande.

Fu dotata di un castello in riva al mare e di mura possenti. Con i Normanni, nel 1093, divenne sede di Vescovado.

Nel 1097 Mazara ospitò il primo Parlamento di Sicilia.

Nel tempo, grazie alla sua posizione geografica, si sono mescolati popoli diversi. Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Bizantini, i Vandali, Goti, Arabi, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, Borboni e infine una buona percentuale di Africani che ancora oggi vi abitano.

Cosa vedere a Mazara del Vallo

Da vedere la CattedraleMazara del Vallo ospita numerosi monumenti che rievocano le diverse culture che hanno caratterizzato il territorio. Da vedere il suo caratteristico centro storico, chiamato Casbah.

Di matrice araba è caratterizzato da un groviglio di stradine che ricordano le medine islamiche. Cuore pulsante della città è il suo porto, sempre gremito di gente impegnata nella compravendita del pesce e proprio qui vicino si trova la chiesa normanna di S. Nicolò Regale, edificata nel 1124.

Da vedere il collegio dei GesuitiAddentrandosi nel centro si giunge in piazza Plebiscito, delimitata dalla facciata della chiesa S. Ignazio e dall'attiguo ex-collegio dei Gesuiti (XVII sec.) con le sue 24 colonne doriche e la meraviglia degli archi imponenti.

Piazza della Repubblica è la principale piazza cittadina sulla quale si affacciano, oltre alla Basilica-Cattedrale (di epoca normanna ma ricostruita in stile barocco), il Palazzo Vescovile del XVI secolo e il Palazzo del Seminario vescovile del 1710.

Nella Cattedrale sono conservati molti sarcofaghi di epoca romana.

Chiesa di San Michele a Mazaro
Da visitare il Museo diocesano, inaugurato nel 1993 che raccoglie il ricco patrimonio di argenti della cattedrale.

Altre chiese che merita una visita sono quella di San Michele del XII secolo, quella di Santa Caterina del 1318, rimaneggiata in epoca barocca, quella di San Francesco esempio di barocco siciliano, ricco di policromia e decorazioni.

Per chi vuole vedere negozi e ristoranti Piazza Mokarta è la meta ideale con la sua splendida vista sul lungomare Mazzini.

Domina la Piazza l'Arco Normanno, ciò che rimane del castello fatto erigere dal conte Ruggero nel 1072 per difendere la città dai saraceni.

Cosa fare a Mazara del Vallo

Piazza della RepubblicaSicuramente merita una visita a tutto il centro storico di Mazara con i suoi monumenti e chiese.

Passeggiando tra le vie dal sapore arabo si possono trovare negozi di artigianato locale.

Al mattino presto si può fare una passeggiata lungo il Porto Canale, quando le imbarcazioni rientrano dalla pesca d'altura e si respira un'atmosfera del tutto particolare.

Attraccate al molo, le imbarcazioni si preparano poi per la pesca successiva, le nasse piegate e le cassette ordinatamente ammonticchiate sono particolari d'altri tempi.

Spiagga La TonnarellaA sud di piazza Repubblica si trova il lungomare Mazzini, fiancheggiato da giardini ombreggiati da magnolie e palme, è un luogo molto piacevole per passeggiare.

La spiagga della Tonnarella è il luogo più frequentato da chi ama la vita da mare.

Offre ogni genere di impianti balneari e si trova a pochi chilometri dal centro della città.


Feste, sagre e folklore

Festa di San vitoL'ultima settimana di Agosto si svolge la Festa di San Vito, santo patrono, nativo di Mazara, con la processione a quadri viventi e l'imbarco in mare.

A Ferragosto, la "Notte dei mille falò" sulla spiaggia di Tonnarella, mentre la stagione estiva mazarese offre svariati spettacoli musicali, teatrali e culturali.

A Luglio da non perdere la processione della Madonna del Paradiso.

La pesca e il porto a Mazara

La pescaIl porto, primo in Italia per la produzione ittica di altura con 400.000 tonnellate di pesce annuo con 5.000 addetti, ha valenza anche commerciale e passeggeri.

Mazara del Vallo è sede della più grossa flotta peschereccia del Mediterraneo che, con i suoi 350 pescherecci (che danno lavoro a circa 4.000 persone) pratica pesca d'altura e contribuisce al 20% del prodotto nazionale. Si pescano soprattutto i rinomati gamberetti, il nasello, le sogliole, i calamari e i caponi.



Il satiro danzante

Satiro danzanteNel marzo del 1998 un peschereccio mazarese, recupera nelle acque del canale di Sicilia, a circa 480 metri di profondità, una scultura bronzea alta circa due metri dal peso di oltre 96 kg, meglio conosciuta come "Satiro danzante".

Il Satiro oggi è ospitato nell'omonimo museo, all'interno della Chiesa sconsacrata di Sant'Egidio (1424).

Esempio raro di statuaria bronzea greca, molto probabilmente questa scultura è stata realizzata da Prassitele, scultore greco vissuto in età ellenistica ed attivo tra il 375 ed il 326 a.C.).

Flesso sul fianco destro, con le braccia distese in avanti e le ciocche di capelli al vento, è colto nell'attimo in cui sta compiendo un salto sulla punta del piede destro sollevando contemporaneamente la gamba sinistra.

Cucina tradizionale e prodotti gastronomici locali

La cucina di Mazara del ValloLa cucina mazarese, fra quelle siciliane, è certamente una delle più varie, con i suoi sapori e aromi, retaggio delle molte dominazioni che si sono successe nella città.

Il pesce ha da sempre costituito l’elemento base della gastronomia locale, ingrediente primario di ricette come la pasta con le sarde o il cuscus, piatto arabo a base di carne, adottato dai mazaresi e reso a base di pesce.







Foto di Mazara del Vallo


slideshow
slideshow



Argomenti correlati





Libri e Guide su Sicilia

Agrigento dal tardo-antico al Medioevo I vini dell'agrigentino. Vigneti e luoghi incantati della Valle dei Templi
Il mare della valle dei templi. Agrigento città costiera Agrigento, la valle dei Templi e il museo archeologico regionale
Antiche credenze popolari siciliane. Taormina e la sua terra raccontano Archivi dell'architettura del XX secolo in Sicilia
Arabi e Normanni in Sicilia e nel Sud dell'Italia Arte del rinascimento in Sicilia
Bizantini. L'eredità culturale in Sicilia La pesca del tonno in Sicilia
Sicilia Sicilia. Arte e archeologia dalla preistoria all'Unità d'Italia. Catalogo della mostra (Bonn, 25 gennaio-8 maggio 2008)
Sicilia Le torri nei paesaggi costieri (secoli XIII-XIX)
Sicilia sconosciuta. Itinerari insoliti e curiosi Sicilia 
Agriturismo di Sicilia 2008 Album Sicilia. Viaggio ottocentesco di Eugène Sevaistre