Video di Trapani con drone







Guida di Trapani

Come arrivare a Trapani

Mappa di TrapaniIn auto:
- Autostrada A 29 Palermo – Trapani, SS113

In treno:
Linea Palermo - Trapani (Via Milo)

In autobus;
GliAutoservizi Segesta hanno la linea Palermo - Trapani, mentre la linea Agrigento - Trapani è assicurata dagli Autoservizi Lumia.

In aereo:

Aeroporto "V. Florio" di Trapani Birgi a 8 km e Aeroporto Falcone e Borsellino (PA) a 70 km.

In nave (traghetto):
La compagnia Tirrenia copre la linea Cagliari - Trapani e la linea Tunisi - Trapani.
In aliscafo la Linea Ustica Lines, fa il servizio Napoli - Trapani - Isole Egadi.






Trapani

Il mare e la pesca nel trapaneseTrapani è una città dal disegno elegante, dalla caratteristica forma di falce e dalle architetture barocche in pietra chiara e dalla forte impronta araba.

Sorge in una zona pianeggiante che si allunga a ridosso del mare e termina con due punte occupate rispettivamente dalla Torre di Ligny e da un lazzaretto, oggi sede della sezione locale della Lega Navale Italiana.

Il cuore pulsante di Trapani è il porto, nel centro storico.

Trapani cenni storici

Torre di LignyIl nome antico di Trapani è Drepanon. La città fu abitata in origine dagli Elimi, che la utilizzarono come emporio di Erice. Lo stesso fecero i Fenici che, rendendosi conto della sua importante posizione geografica, la fecero diventare un efficiente scalo marittimo e commerciale.

Sotto ai Cartaginesi Trapani fu popolata dagli abitanti del Monte Erice.

Dopo la battaglia delle Egadi nel 241 a.C. entrò a far parte delle province romane e vi rimase fino al V sec. a.C.

Nell’827 in Sicilia arrivarono gli Arabi e i tre secoli del loro domino segnano profondamente la cultura, l’arte e l’economia trapanese.

Trapano ancora storia

Scorcio di TrapaniSotto il governo degli Angioini Trapani subì una grande crisi per rifiorire intorno al 1200 con gli Aragonesi, grazie alla commercializzazione di tonno, di sale e alle lavorazioni pregiate in corallo;  la dominazione spagnola durò fino al 1713.

Trapani condivise il destino della Sicilia e rimase sotto il Regno Borbonico fino all’arrivo di Garibaldi nel 1860.

I Trapanesi avevano partecipato ai moti insurrezionali del 1848 e questo gli valse la Medaglia d’Oro concessagli da Umberto I di Savoia.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la città fu bombardata più volte.

Cosa vedere a Trapani

Il rosone del Complesso dell'AnnunziataLa città si visita tranquillamente a piedi.

E' ampio il patrimonio artistico. Le chiese in città sono davvero molte.

All'estremità orientale del centro città sorge il grande Complesso dell'Annunziata, il principale monumento cittadino, dove, alle spalle dell'altare maggiore si trova la Cappella della Madonna.

Nei pressi si trova l’ex convento che oggi ospita il  museo della città, il " Museo Pepoli".

Da vedere in tutto il centro storico varie chiese, come: la chiesa di San Francesco d’Assisi, la chiesa dei Cappuccini, la chiesa di San Pietro e la chiesa del Purgatorio.

In Corso Vittorio Emanuele sorge la bellissima Cattedrale, dedicata a S. Lorenzo ed edificata nel seicento su un precedente edificio trecentesco.

Cosa vedere a Trapani - La Torre di Ligny

Torre di Ligny TrapaniLa costruzione é stata una torre di avvistamento spagnola, considerata oggi elemento caratterizzante e di richiamo della città di Trapani.

Realizzata dall’architetto Carlos de Grunenberg nel 1671 per ordine di Claudio La Moraldo, principe di Ligné e vicerè del Regno di Sicilia, contro le continue scorribande dei pirati barbareschi, si presenta come una robustissima ma elegante torre di forma tronco-piramidale.

La Torre si erge su uno scoglio, impostata su un basamento a gradoni costituito da grandi blocchi regolari di calcarenite, ricavati dagli stessi scogli su cui è costruita.

L'intera struttura è realizzata con il tufo proveniente dalle cave dell'Isola di Favignana.

Dal suo terrazzo, al quale si accede internamente con una scala, si può godere di un panorama spettacolare che incanta qualsiasi visitatore in qualunque stagione: la vista spazia da Capo San Vito ad Erice, a Marsala, un’ampia veduta della città di Trapani, una suggestiva scogliera che divide il mar Tirreno dal mar Mediterraneo, mentre verso ovest si scorgono le isole Egadi ed il piccolo isolotto di Formica.

Cosa visitare a Trapani - Museo Civico Torre Lignì

Trapani - Museo della Torre di LignìLa Torre di Ligny è un monumento storico-culturale trapanese che per meglio ricordare il fluire della storia del Mediterraneo, ospita una collezione di reperti archeologici legati al territorio circostante.

Il percorso espositivo accompagna il visitatore attraverso la storia della città, dai manufatti ed utensili in selce ed ossidiana della preistoria, agli elmi della prima guerra punica del 241 a.C., alle ancore ed anfore puniche e romane, agli oggetti testimoni del  tempo trascorso fra il periodo Elimo (del VII sec. a.c. )ed il tardo Medioevo.

Il museo civico di Torre di Ligny, che in precedenza ospitava un vecchio Museo del Mare e della Preistoria, organizza, periodicamente, delle mostre temporanee di carattere storico e culturale.

Altre cose da vedere a Trapani

Trapani Palazzo SenatorioUna passeggiata in Via Garibaldi è consigliata. Fiancheggiata da palazzi e chiese settecentesche, si possono ammirare Palazzo Riccio di Morana, Palazzo Milo e la Badia Nuova (S. Maria del Soccorso) una delle chiese più antiche della città.

Alla fine della via si trova Palazzo Senatorio (o Cavarretta), la cui facciata è su due ordini scanditi da colonne e statue ed è coronata da due grandi orologi, con la Torre dell'orologio di origini duecentesche.

Da visitare è anche la via Libertà con la rinascimentale chiesa del Carmine, Palazzo Fardella e Palazzo Sanseverino.

Museo Pepoli

La sede del Museo è il trecentesco ex convento dei Padri carmelitani, ampiamente rimaneggiato tra il Cinquecento ed il Settecento.

Il museo illustra, insieme alle collezioni di pittura e di scultura, lo svolgimento delle arti figurative nel territorio trapanese con particolare riferimento alle arti decorative ed applicate, nelle quali la Città di Trapani primeggiò soprattutto nel settore delle opere in corallo, della maiolica, degli ori, degli argenti e della scultura presepiale.

Il nucleo essenziale delle raccolte invece è costituito dalle collezioni private del Conte Agostino Pepoli che ai primi del Novecento fu il promotore dell'istituzione.

Ad esse si aggiunsero altre opere provenienti dalle soppresse corporazioni religiose della città, nonché dalla pinacoteca Fardelliana, costituita in prevalenza da dipinti della scuola napoletana.

Trapani Museo PepoliMuseo Regionale "Conte Agostino Pepoli"
Trapani - Via Conte Agostino Pepoli 180
Tel 0923.553269
Orari apertura al pubblico:
Da Lunedì a Sabato 9.00 - 13.30
Domenica e festivi 9.00 - 12.30
Mercoledì, Venerdì e Sabato: 15.00 - 19.30











Cosa fare a Trapani

Spiaggia di TrapaniUna vacanza a Trapani è spesso dedicata alla vita da spiaggia, nella zona del Porto e sulle spiagge ai lati della stretta via che porta alla Torre di Ligny, ma la città offre significative parentesi culturali come una visita al Museo Pepoli, al Museo Civico della Torre di Ligny e alla Riserva Naturale delle Saline lungo il tratto costiero fra Trapani e Marsala.

Le strade principali, mete di lunghe passeggiate, sono Via G.B. Fardella, che attraversa quasi tutta la città, e Corso Vittorio Emanuele dove soprattutto la sera, si affollano di gente che frequentano i vivaci locali.

Le saline di Trapani e Paceco

Le Saline di TrapaniSeguendo la SP 21 in direzione Marsala fino al mulino Maria Stella si raggiungono la Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco che copre l’area che va dalla zona sud del capoluogo fino alla frazione di Salina Grande.

Qui le strutture create secoli fa per la lavorazione del sale, si sono fuse armoniosamente con il paesaggio naturale per dare vita ad un ambiente profondamente suggestivo.

La Riserva è stata istituita nel 1995 per proteggere una delle ultime zone umide ancora presenti nella Sicilia occidentale e da allora i suoi 986 ettari sono affidati alla cura del WWF Italia.

Visitare le saline al tramonto è un'esperienza davvero indimenticabile.

Feste e sagre

Trapani Processione MisteriOgni Venerdì Santo, da oltre quattrocento anni, a Trapani si rinnova la tradizione della Processione dei Gruppi Sacri della Via Crucis, i “Misteri”.
La Processione, che si snoda su due chilometri di percorso, coinvolge migliaia di cittadini e turisti, che provengono da ogni parte del mondo.

Da oltre cinquant’anni l’Ente Luglio Musicale Trapanese organizza presso la Villa Margherita la stagione lirica estiva.

Il 7 Agosto si celebra la Festa di Sant’Alberto, patrono della città.

Cucina, gastronomia e prodotti tipici di Trapani

Trapani - Busiate piatto tipicoTra i piatti più rinomati della tradizione culinaria di Trapani si devo ricordare la pasta con il pesto alla trapanese, universalmente nota come “pasta cu l'agghia”.

Altro piatto tipico della città è il cous cous, ricetta d’origine nordafricana, che nel trapanese in particolare, è quasi diventato un piatto d’uso quotidiano.









Argomenti correlati




Libri e Guide su Sicilia

  Agrigento dal tardo-antico al Medioevo   I vini dell'agrigentino. Vigneti e luoghi incantati della Valle dei Templi
  Il mare della valle dei templi. Agrigento città costiera   Agrigento, la valle dei Templi e il museo archeologico regionale
  Antiche credenze popolari siciliane. Taormina e la sua terra raccontano   Archivi dell'architettura del XX secolo in Sicilia
  Arabi e Normanni in Sicilia e nel Sud dell'Italia   Arte del rinascimento in Sicilia
  Bizantini. L'eredità culturale in Sicilia   La pesca del tonno in Sicilia
  Sicilia   Sicilia. Arte e archeologia dalla preistoria all'Unità d'Italia. Catalogo della mostra (Bonn, 25 gennaio-8 maggio 2008)
  Sicilia   Le torri nei paesaggi costieri (secoli XIII-XIX)
  Sicilia sconosciuta. Itinerari insoliti e curiosi   Sicilia 
  Agriturismo di Sicilia 2008   Album Sicilia. Viaggio ottocentesco di Eugène Sevaistre