Video di Castelsardo con drone







Guida di Castelsardo

Come arrivare a Castelsardo

Mappa di CastelsardoCastelsardo è una meta turistica ambita e conosciuta per le spiagge bagnate da acquee cristalline che per via terra si raggiunge partendo da Sassari. La strada  costeggia il mare e, nonostante qualche curva, il viaggio sarà molto piacevole per i panorami.

In auto:
-
Da Sassari seguire le indicazioni per Sorso e poi le indicazioni per Castelsardo.
- Da Olbia e Santa Teresa di Gallura percorrere la SS133bis e la SP90 seguendo le indicazioni stradali.
In treno e autobus:
Da Sassari dove arriva la Ferrovia partono per Castelsardo gli autobus dell'Arst e delle Ferrovie della Sardegna che servono la linea Sassari-Perfugas.
In nave (traghetto):
Il porto passeggeri più vicino è quello di Porto Torres ed è collegato con Genova e Marsiglia tutto l'anno.
E' possibile utilizzare anche i porti di Olbia e Golfo Aranci.
In aereo:
Gli aeroporti più vicini a Castelsardo sono l'aeroporto di Alghero-Fertilia e l'aeroporto di Olbia.




Castelsardo cenni storici

Castelsardo - PanoramaDella preistoria, a Castelsardo restano molte testimonianze, come quelle del periodo di dominazione Romana che parlano di un luogo di raccolta e spedizione dei prodotti della terra, dal suo porto.

Sul promontorio detto Monte della Marina, sul quale ora sorge Castelsardo, nel 1108 i Doria costruirono una fortezza quasi inespugnabile, Castel Genovese che con la sua potenza, fu coinvolto nelle guerre fra Genova e Pisa.

Per secoli la vita di Castelgenovese fu dura per l'instabilità politica dei Doria che continuarono a tenere la fortezza anche dopo il 1353, quando, Matteo Doria l'aveva ceduta agli Aragonesi.

Castelsardo ancora storia

Castelsardo - Paese medievaleGli Spagnoli entrarono i possesso di Castelgenovese, dopo lungo assedio, nel 1448, ma solo nel 1520 venne ribattezzato Castel Aragonese che, aumentando d'importanza, diventa sede vescovile.

Attaccata spesso dal mare dai Doria e dai Saraceni, colpita dalla peste, il paese conosce due secoli di decadenza e di abbandono dal quale cominciò a risollevarsi intorno al 1700, prima sotto il governo Spagnolo, quando gli abitanti conobbero un periodo di pace, e poi sotto i Savoia, con i quali prese il nome di Castelsardo. 

Castello e Museo

Castelsardo - Panorama sul Golfo dell'AsinaraIl Castello, carico di più di mille anni di storia, domina  il panorama di Castelsardo ed è più o meno uguali a come appariva nel 1600 quando venne completato con l'uscita a mare denominata dagli spagnoli “Mandracho del Socorro”.

L'uscita risulta incassata nelle mura di “Manganello”, nome preso dalle grosse catapulte genovesi

Nei locali del Castello è sto allestito un Museo in cui sono esposti e conservati, oggetti intrecciati realizzati con i vari materiali della tradizione: palma, asfodelo e giunco.

Dalle terrazze il panorama è aperto sul golfo dell'Asinara da dove nelle giornate limpide si possono vedere i monti della Corsica.

Cosa vedere a Castelsardo - Il Centro Storico

Castelsardo - ArtigianatoCastelsardo conserva ancora oggi la fisionomia originale, caratterizzata dai bastioni che la circondano.

Dalla Pianedda (la parte più bassa del paese) parte la strada che porta al centro antico dove ripide e strette vie, lunghe scalinate, belle chiese e monumenti di notevole interesse storico, come il palazzo episcopale,  contengono arredi originali e opere d'arte.

Il palazzo ospita due mostre permanenti: Memorabilia Canonicorum et Episcoporum Ampurienses e Stregoneria, Eresia e Santa Inquisizione.


Cosa visitare a Castelsardo - La Cattedrale

Castelsardo - CattedraleLa Cattedrale di Sant'Antonio Abate, costruita nel Seicento sulla struttura di una precedente chiesa romanica, è sormontata da un campanile che termina in un tetto coperto da maioliche colorate: uno splendido colpo d'occhio con lo sfondo del mare.

L'interno della chiesa è caratterizzato da un importante arredo ligneo risalente al XVI secolo.

Di particolare interesse l'opera “Madonna in trono con Bambino e angeli”, risalente al XV secolo e parte di una pala d'altare, realizzato dal pittore conosciuto come “Maestro di Castelsardo”.

Cosa fare a Castelsardo - Mare e shopping

Castelsardo - Spiaggia di Lu BagnuIntorno a Castelsardo la natura offre panorami di singolare bellezza caratterizzati da suggestive coste in cui spuntoni rocciosi dalla vegetazione selvaggia e si alternano a spiagge di sabbia bianchissima.

Famosa è la verdissima Baia Ostina, come Cala La Vignaccia,  Cantareddi,  Lu Bagnu, Marina di Castelsardo,  Pedraladda,  Punta La Capra e  Punta Li Paddimi tutte caratterizzate da uno splendido mare dove gli appassionati di sport possono praticare vela e windsurf.

La sera è da dedicare alla ricerca di souvenir nelle bottegucce del centro specializzate in oggetti d'artigianato sardo.

Cosa fotografare a Castelsardo

Castelsardo - Roccia dell'ElefanteFare le vacanze a Castelsardo vuol dire fermarsi a fotografare la grande roccia dell'Elefante che, gli antichi abitanti hanno scavato come domus de Jana (casa dei morti).

Per fare un salto nella preistoria bisogna spingersi nella vallata alla foce del Coghinas o sulla costa ad Est di Castelsardo, dove si trova il complesso di Monte Ossoni, comprendente un piccolo villaggio preistorico difeso da uno strapiombo e da una muraglia megalitica.
Nella campagna circostante e verso l'interno è facile trovare del nuraghe diroccati.

Sagre e fiere a Castelsardo

Castelsardo - LunisantiFra le manifestazioni che si tengono a Castelsardo la più grandiosa è quella del lunedì della Settimana Santa.

Castelsardo è teatro di una intensa processione del ''Lunissanti'' con il vicino paese di Tergu

Misteri e Cantori percorrono lentamente 8 Km che si concludono nelle vie del centro, illuminate solo dalle fiaccole, mentre risuonano le note dei tre cori de Lu Stabat, Lu Jesu e Lu Miserere.

I canti sono molto antichi, probabilmente anteriori alla dominazione catalana, e tramandati oralmente fino a oggi.

La processione termina davanti alla chiesetta di Santa Maria che conserva il Crocefisso trecentesco noto come il Cristo Nero.








Argomenti correlati




Libri e Guide su Sardegna

  L'arte de is mutetus. Il canto e l'improvvisazione nei poeti sardi del Campidano. Con DVD   2008, Gorée   Il piccolo grande libro della Sardegna
2008, De Agostini
  Archeologia del territorio in Sardegna. La Gallura fra tarda antichità e Medioevo
Pinna Fabio, 2008, Scuola Sarda
  Corsica e nord Sardegna. Coste, porti e approdi
Marchment John, 2008, Il Frangente
  La Sardegna
2008, CDP Service 
  Sardegna
2008, Il Maestrale
  In Sardegna tra mare e miniere. 22 giorni a piedi nel parco geominerario d'Italia
Castagna Mariacarla, 2008, Terre di Mezzo
  Le spiagge più belle di Olbia, S. Teodoro, Budoni, Posada, Costa Dorata, la Caletta, Siniscola 1:50.000
2008, Studio FMB Bologna
  Il segno e l'idea. Arte preistorica in Sardegna
Tanda Giuseppa; Lugliè Carlo, 2008, CUEC
  Vagamondo. Turismi e turisti in Sardegna
2008, CUEC
  Sardegna  
2008,  Touring
  Viaggio in Sardegna. Undici percorsi nell'isola che non si vede
Murgia Michela, 2008, Einaudi
  Castelsardo. Novecento anni di storia
2007, Carocci
  Dolcezze di Sardegna
Selloni Nicoletta, 2007, Delfino Carlo
  La Sardegna che non ti aspetti. Viaggio ironico sentimentale nell'isola che c'è
Goldoni Luca, 2008, Zonza Editori
  L'architettura dei fari italiani-Architecture of italian lightohouses. Vol. 3: Sardegna-Sardinia.
Bartolomei Cristiana; Amoruso Giuseppe, 2007, Alinea