homepage   Menu generale   cerca




Video di Nuoro con drone







Guida di Nuoro città


Come arrivare a Nuoro

Nuoro mappaNuoro è una meta turistica privilegiata, in quanto è unanimemente riconosciuta come il cuore della tradizione folcloristica sarda.

In auto:
- Da Sassari - Oristano e Cagliari : SS129 fino a Macomér, poi SS131 seguendo le indicazioni stradali.

In treno:
Per informazioni: tel. 147888088; 0784/230515

In aereo:
L’ aeroporto più vicino è l’ Aeroporto di Oristano.
Per informazioni: tel. 0783/70301.
In alternativa c’ è anche l’ Aeroporto di Olbia.
Per informazioni: tel. 0789/52634.

In nave:
Il porto più vicino è quello di Olbia, situato a poco più di 100 km da Nuoro.   tel. 0789/21243.

Nuoro cenni storici

Nuoro - Centro StoricoNuoro fu certamente un centro molto antico, che poi entrò fare parte del dominio romano.

Il nome della città fa la sua comparsa nei secoli XII-XIII nella forma “Nùgoro”.

Grazie alla sua posizione piuttosto elevata (m. 549) e favorita da un clima assai salubre, Nuoro crebbe piuttosto rapidamente sviluppandosi lungo la importante arteria di comunicazione che oggi ha il nome di Corso Garibaldi.

Tra il Settecento e l’Ottocento divenne il cuore amministrativo dell'Isola, ruolo ceduto a Cagliari nel 1860, ma parzialmente riottenuto con la costituzione della provincia di Nuoro.

Cosa vedere a Nuoro: il centro storico

Nuoro - Museo Tradizioni PopolariNuoro - Corso GaribaldiNuoro è composta di una parte antica e di una parte nuova, costruita intorno al suo cuore antico.

Il centro storico con le sue viuzze strette e tortuose, che si diramano da poche arterie principali, presenta i caratteri più tipici dei tradizionali centri agricoli sardi.

La parte più recente che si è sviluppata fra il 1800 ed il 2000 presenta strade più ampie, ma non troppo regolari ed è stata destinata soprattutto a contenere gli edifici pubblici.

Vedere a Nuoro il Parco e Museo su Colle Sant'Onofrio

A nord-est della città, sul Colle di Sant’ Onofrio, si trova un ampio Parco Pubblico con il Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde.

Da qui la vista spazia dalla città di Nuoro e alla vallata sottostante, dominata dalla caratteristica mole dirupata dei Monti Oliena e famosa per gli splendidi tramonti.

Il Museo riproduce la struttura di un villaggio tipico della Sardegna: in esso sono ricostruite tutte le caratteristiche architettoniche proprie dei diversi centri abitati dell'Isola e conservati mobili, suppellettili, costumi, maschere, amuleti ed utensili della tradizione sarda.

Vedere a Nuoro la casa natale di Grazia Deledda

Nuoro - Casa natale di Grazia DeleddaNuoro ha avuto l'onore di dare i natale al Premio Nobel per la Letteratura del 1926: la grande scrittrice  Grazia Deledda.

L'abitazione, perfettamente conservata al suo interno anche negli arredi originari, è stata adibita a museo dedicato alla Deledda.
La casa, che presenta una struttura tipicamente locale, si trova al numero civico 42 di una via intitolata alla scrittrice conserva l'aspetto originale degli ambienti in cui la scrittrice visse in gioventù, compreso il giardinetto.
Nel complesso, non si può fare a meno di osservare come l’ intero luogo abbia un potere di grande suggestione sul visitatore.



Cosa vedere a Nuoro: il Duomo

Nuoro - DuomoIl Duomo che sorge nell'omonima piazza al limite della città vecchia, è un edificio ottocentesco  di forme neoclassiche, intitolato a Santa Maria della Neve.

Oltre alla grande tela raffigurante il Cristo Morto del pittore seicentesco Alessandro Tiarini, formatosi presso la grande scuola bolognese dei Carracci, ci sono tante tele opera di pittori locali che sono una testimonianza storica, unica per la sua completezza, della scuola pittorica sarda degli ultimi due secoli.

Cosa fare a Nuoro

Nuoro - ArtigianatoIl turismo che in questi ultimi anni ha favorito la Sardegna ha fatto delle botteghe artigiane sparse nel centro storico di Nuoro, concentrate soprattutto lungo il Corso Garibaldi, il punto di arrivo di turisti desiderosi di riportare a casa souvenir di rara bellezza.
La produzione artigianale locale è ormai conosciuta a livello internazionale ed è specializzata in lavori di intaglio del legno, di tessitura e di oreficeria.

Pezzi forti sono le cassepanche e le enigmatiche maschere intagliate in legno, i tappeti a disegni geometrici di soggetto naturalistico a colori vivacissimi, realizzati a mano al telaio dalle donne di Nuoro.

I lavori in lamina d’oro traforata e adornata da decorazioni a imperlato, hanno come oggetto simbolo dell'antica arte orafa sarda la fede matrimoniale sarda.

Cucina tradizionale di Nuoro

La cucina classica del nuorese è fortemente influenzata dalla tradizione pastorale locale a cui ancora si riferisce.

I piatti tipici sono molto sostanziosi, destinati com'erano a persone abituate a lavorare duro e comprendono sempre l’uso di carni insieme alle verdure, come la “curritholata”: una minestra di fagioli resa particolarmente saporita da finocchio, lardo e salsiccia.

Molto usata è la carne di agnello, cucinata a spezzatino con salsa di pomodoro e l’immancabile finocchio selvatico.

Tra i dolci il più tipico è l’ “aranzada”: un torrone fatto di mandorle tostate, mescolate al miele ed arricchite di bucce d’ arancia, che gli conferiscono un sapore estremamente raffinato.


Feste e sagre a Nuoro e dintorni

Nuoro - FolcloreNell'era del turismo alle antiche feste religiose si aggiungono varie Sagre e Fiere legati ai prodotti locali e occasione per festeggiare gli ospiti.

A Budoni, in provincia di Nuoro, ad una settantina di kilometri, La Sagra del Mirto,si tiene in Agosto ed è una grande manifestazione fieristica che comprende spettacoli folkloristici, mostre di artigianato e mercati dei prodotti agro-alimentari tipici del luogo.

A Nuoro il 29 agosto, per la tradizionale Sagra del Redentore, una processione religiosa in costume sfila dalla città al Monte Ortobene.

Il 21 novembre cade la Festa di Nostra Signora delle Grazie, antica festività religiosa in cui le giovani nuoresi indossano gli sgargianti costumi del folclore sardo.




Foto di Nuoro città


slideshow
slideshow



Link sponsorizzati





Libri e Guide su Sardegna e Nuoro

Nuoro. Descrizione geografico-storica (rist. anast. Torino)
Angius Vittorio, Forni
Canti popolari amorosi raccolti a Nuoro (rist. anast. Nuoro, 1893)
Bellorini E
Nuoro nella Belle époque
Pititu Gianni
Nuoro e le sue architetture
Corda Mario
Nùoro forever
Bachisio Floris, 2009, CUEC
Il piccolo grande libro della Sardegna
In Sardegna tra mare e miniere. 22 giorni a piedi nel  parco geominerario d'Italia  Le spiagge più belle di Olbia, S. Teodoro, Budoni, Posada, Costa Dorata, la Caletta, Siniscola 1:50.000
Il segno e l'idea. Arte preistorica in Sardegna  Vagamondo. Turismi e turisti in Sardegna 
Sardegna
Viaggio in Sardegna. Undici percorsi nell'isola che non si vede 
Archeologia del territorio in Sardegna. La Gallura fra tarda antichità e Medioevo  Dolcezze di Sardegna 
La Sardegna che non ti aspetti. Viaggio ironico sentimentale nell'isola che c'è  L'architettura dei fari italiani-Architecture of italian lightohouses. Vol. 3: Sardegna-Sardinia.