Video del Gargano con drone







Guida di Gargano

Come arrivare al Parco del Gargano

Gargano -Parco Nazionale del Gargano - mappaIn auto:
Dal Nord percorrere l'Autostrada A14 Bologna - Bari - Taranto  ed uscire al casello di Foggia
Da qui si prende la strada statale 89, che in 228 chilometri conduce fino all'estremo settentrionale del promontorio.


In aereo:
Il Gargano è servito dall'Aeroporto Gino Lisa di Foggia.

In treno ed autobus:

Tutti i principali paesi del Gargano, sulla costa o nell'entroterra, sono serviti dalla società Ferrovie del Gargano, che gestisce ancora poche linee su rotaia e molte su ruota. http://www.ferroviedelgargano.com/index.php In entrambi i casi, i punti di partenza privilegiati sono Foggia e San Severo. Parco del Gargano - Cenni Storici e Geografici Il Parco non copre completamente il Promontorio del Gargano, ma è un poco a macchia di leopardo con più di 121 000 ettari e composto da fitte ed estesissime foreste, per le quali è famoso, dalla macchia mediterranea, dai grandi altipiani carsici, ricchi di doline ed inghiottitoi, dalle ripide falesie sul mare, punteggiate da fantastiche grotte, dalle erte e boscose valli che scendono verso il mare, dalle lagune costiere di Lesina e Varano, dalle colline e pianure steppose e dalle Paludi di Federico II.

Fanno parte di questo gioiello le quattro Isole Tremiti circondate da un mare cristallino e ricche di grotte (il paradiso dei sub.

Ognuno degli ambienti citati è caratterizzato da una flora molto varia e particolare, tanto che qui si contano più di 2.200 specie botaniche, che rappresentano circa il 35% dell'intera flora nazionale.

Più di 50 Guide sono pronte ad accompagnare in interessanti escursioni su percorsi didattici e diversificati, quanti sono interessati alla scoperta della natura e della storia.

Laghi di Lesina e Varano

Posti sulla costa Nord del Gargano, i laghi di Lesina e Varano costituiscono un ambiente naturalistico imperdibile, di vere lagune.
Lago di Varano - Panorama
Questi due laghi, molto grandi, si stendono di fronte al Mar Adriatico, divisi da esso da una barriera di dune coperte da un folto bosco di pini, eucalipti e lentischi, degradanti a mare con una lunghissima spiaggia sabbiosa.

Paradiso dei pescatori, nell'acqua salmastra rifornita di acqua dolce da sorgenti subacquee, si pescano anguille, capitoni e altre specie di pesci.

Il Lago di Varano comunica con il mare mediante due passaggi (foce di Varano a est e foce di Capoiale a ovest), è  lungo dieci chilometri e largo sette e mezzo e la sua profondità si aggira sui tre metri e mezzo con punte massime di cinque metri e mezzo.

Cosa vedere sul Gargano - Cagnano Varano

Gargano - Cagnano VaranoCagnano Varano è un bianco paese abbarbicato su uno sperone roccioso che gli permetteva una difesa più agevole.

Le case e le strade sono posizionate in maniera tale da agevolare il deflusso delle acque piovane e delle acque nere verso valle, evitando il formasi di sgradevoli pozzanghere nelle vie, fatte come oggi di ciottoli e sassi.

Messe così le abitazioni sono illuminate per tutto il giorno, dipinte di bianco assorbono meno il calore del sole e, per affrontare i venti gelidi invernali, le case sono addossate le une alle altre per coprirsi.

Sono ancor’oggi visibili i resti di antiche mura che proteggevano i nuclei abitativi raccolti intorno al Palazzo Baronale, chiamato anche “Casale”, che era la porta d’ingresso della città.

Cosa vedere sul Gargano - Lesina

Lesina - Foto della Antica Porta di notteIl paese è adagiato su una penisoletta della sponda meridionale della omonima laguna.

La sua origine è incerta, ma i ritrovamenti di resti di capanne e di attrezzi, che potrebbero risalire all'età del bronzo, fanno supporre che il luogo fosse abitato fin dalla preistoria.

Il lago dove si affaccia Lesina è lungo circa 22 km e largo mediamente 2,4 km, ma la sua profondità non arriva al metro ed è diviso dal Lago di Varano dalla collina di Devio, di soli 252 metri, sulla quale sorge la bianca Torre di Mileto, nei pressi della quale si è sviluppato un moderno villaggio turistico.

Lesina va visitata perché conserva il suo antico fascino con il borgo vecchio, la sua Cattedrale, il palazzo Vescovile risalente al 1200 e la tranquilla passeggiata sul lungolago.

Molti alberghi e campeggi, soprattutto nella frazione a mare di Marina di Lesina, offrono la possibilità di soggiornare; in questo caso vale la pena di recarsi a vedere il sito di rocce vulcaniche risalenti al Triassico, conosciuto come “Petre Nere” ed il Santuario di San Nazario.

Cosa vedere sul Gargano - Rodi Garganico

Rodi Garganico - Una grotta naturaleRodi Garganico sorge su un promontorio a picco sul mare, chiamato Portus Garnae in età romana era già stato colonia cretese e greca.

Della tradizione marinara Rodi Garganico conserva ancora alcune torri che raccontano degli assedi e dei saccheggi da parte di popoli conquistatori o da pirati.

Rodi Garganico è oggi una meta turistica con accoglienti strutture ricettive e di un moderno complesso residenziale in località Lido del Sole.

Rodi Garganico ha fondali che sono la gioia dei sub e dispone di un bel porto per i collegamenti con le Isole Tremiti e con le coste dalmate di fronte.

L’economia, che si basava sulla pesca e sulla coltura di agrumi, si è parzialmente convertita al turismo, disponendo di un mare limpido e di lunghe spiagge sabbiose.

Al turista si consiglia di visitare il Santuario della Madonna della Libera, il Convento dei Cappuccini, i ruderi del suo antico porto e del castello e di fotografare gli originali campanili delle chiese di San Pietro, San Nicola e del Crocifisso, senza dimenticare il caratteristico quartiere del “Vuccolo”.

Cosa visitare sul Gargano - Manfredonia

Gargano - Foto panoramica di ManfredoniaParlando di Manfredonia, non si parla più di paese, ma certamente di Città e come tale presenta vari aspetti che trascendono l'aspetto prettamente turistico.

Tuttavia in questi ultimi anni gli interventi per rendere le spiagge più accoglienti hanno lasciato il segno: infrastrutture moderne ed efficienti, una accoglienza capillare, imperniata sulla tradizionale ospitalità locale, ne hanno fatto un centro turistico molto frequentato.

Manfredonia propone monumenti ed opere d'arte notevoli come il, Castello Svevo Angioino, la Cattedrale, Piazza Giovanni XXIII e il Campanile, Fontana Piscitelli, la Chiesa San Domenico e Palazzo san Domenico, la Piazzetta Mercato, i resti dell'antica Sipontum, la Grotta Scaloria e l'Oasi Lago Salso.

cosa vedere sul Gargano - Peschici

Gargano - Castello di PeschiciPeschici che vuol dire proprio "a picco sul mare", sorge in splendida posizione su una rupe.

La posizione strategica, la fortificazione normanna eretta intorno al castello e le torri di avvistamento lungo la costiera, resero inespugnabile la città, chiamata per la sua bellezza “Perla del Gargano”.

Della storia antica a Peschici resta il dedalo di viuzze del borgo, di cui ogni scaletta di accesso alle abitazioni con l'immancabile vaso di fiori vale una foto.

Meta di turismo internazionale, Peschici offre ottimi alberghi, campeggi, residence e villaggi.

Da visitare il Castello Normanno, la Torre del Ponte e la Chiesa di S. Maria delle Grazie, ma bisogna forzarsi a lasciare l’intenso profumo dell’entroterra per la suggestiva atmosfera dell’incantevole litorale.

Meravigliose grotte, le baie e le spiagge dorate invitano i bagnarsi in acque cristalline, da non perdere una gita in barca per vedere le belle grotte e le spiagge non raggiungibili da terra.

Cosa visitare sul Gargano - Vieste

Gargano - Foto panoramica di ViesteVieste è la città più ad Est del Gargano, delimitata da due lunghe spiagge sabbiose, meta ambita dei turisti provenienti da tutte le parti d'Europa.

Vieste moderna, si estende nella parte piana della penisoletta, vicino al quartiere ottocentesco.

Ma Vieste antica, quella medievale e pittoresca, è arroccata sul dosso roccioso.

Qui, strade strette, case bianchissime con le tipiche scalinate esterne (mignali) e non allineate, sono unite di tanto in tanto da esili archi di contrafforte.

Nelle vicinanze sono mete di interessanti gite le suggestive grotte marine, la baia dei Faraglioni, le Isole Tremiti, la grotta di S. Michele a Monte S. Angelo, la tomba di Padre Pio a S. Giovanni Rotondo, le grandi grotte di Castellana, lo zoosafari di Fasano e la Foresta Umbra nel Parco del Gargano.

Cosa vedere nel Gargano - Mattinata

Gargano -Foto panoramica sul golfo di MattinataMattinata, che nei secoli passati è stata Matio per i Dauni e poi Matinum per i Romani, è nel del Parco Nazionale del Gargano, circondata dal mare e da colline boscose.

Mattinata, che ha alle spalle una storia di pesca e di agricoltura, oggi è un centro turistico molto originale.

Le sue case bianche si affacciano su una costa ed un mare incantevoli, il litorale è una grande e lunga spiaggia di ciottoli chiari, alle cui spalle sono fioriti vari complessi turistici, dai campeggi, ai grandi Hotel.

Gargano - Foto sui faraglioni di Mattinata L'intenso profumo di erbe e di fiori accompagnano gli ospiti sia al mare che nelle gite all'interno

Una gita da fare, partendo da Mattinata, è il Monte Sacro (872 metri) per vedere i resti dell'Abbazia della SS. Trinità con un bel portale e colonne con capitelli di pietra protetto da una lussureggiante foresta.

Più vicino, c'è il Monte Saraceno (244 m) dove vi sono tracce di una necropoli di circa 500 tombe dell'antica civiltà dei Dauni.

Risalendo la costa verso Vieste ci si ferma spesso per foto panoramiche su luminose baie e scogliere.

Una gita in barca è quasi obbligatoria per vedere le bellissime grotte marine naturali, come la Grotta Campana (con la caratteristica di aver le proprie pareti ricoperte da piccolissime particelle di silice rosso mattone), la Grotta dei Pipistrelli, la Grotta dei Faraglioni e per vedere dal mare le pareti a picco sulla spiaggia di Vignanotica.

Cosa mangiare sul Gargano - Cucina tipica

La cucina dei paesi del Gargano è legatissima alle tradizioni.

Naturalmente legata al pesce ed ai molluschi di cui i pescatori locali sono tradizionali fornitori, la cucina locale propone sempre scampi, spigole, orate, polipi, cozze e vongole cucinate in vari modi, ma spesso elaborati in magnifici sughi per condire spaghetti, fusilli, orecchiette, troccoli e varie paste fresche fatte in casa.






Foto di Gargano

slideshow
slideshow


Argomenti correlati




Libri e Guide su Puglia e Gargano

  Girapuglia. Alla guida del gusto   Guida di Carpignano e Serrano. Testimonianze del passato nella Grecia salentina
  Guida ai vini di Puglia e Basilicata 2008   Guida di Tricase, Caprarica, Depressa, Lucugnano, Sant'Eufemia, Tutino e Le Marine
  Folclore garganico   Flora e fauna delle acque interne del parco nazionale del Gargano
  Il libro dei pesci del parco nazionale del Gargano   Polignano a Mare e la sua storia 
  Puglia