Video di Stresa con drone







Guida di Stresa

Come arrivare a Stresa

Stresa un antico borgo di pescatori promosso, nel secolo scorso a località turistica internazionale.
In auto:
l'Autostrada Milano-Laghi (A8) o la Genova-Voltri-Sempione (A26); l'uscita è Carpugnino-Stresa.
In treno:
Stresa si trova lungo la linea ferroviaria Milano - Svizzera ed in ogni paese della costa, fino alla stazione di Verbania, è presente una fermata.
In aereo:
Stresa dista 45 Km dall'aeroporto di Milano Malpensa (Somma Lombardo) e 95 Km dall'aeroporto Milano Linate; gli aeroporti sono collegati alla Stazione Centrale di Milano con un servizio di bus gestito da ATM.

Dal lago:
La navigazione interna del Lago Maggiore è servita molto bene da imbarcazioni private adibite al trasporto pubblico e servizi di battelli di linea e traghetti.

Stresa notizie e cenni storici

Gli anni prima del Mille Stresa rimase un piccolo borgo di pescatori, difficile da raggiungere via terra.
L'antico nome “Strexia”, probabilmente derivato dal longobardo “strich”, striscia di terra, più tardi si trasformò in “Strexa”, poi in “Stresia” ed infine nel moderno “Stresa”.

Durante il Medioevo metà di Stresa fu governata dalla nobile famiglia novarese dei Barbavara, conti di Castello, mentre l'altra metà, sulla destra del torrente Crée appartenne alla Signoria dei Visconti.

Stresa/Massino Visconti, in un periodo di prosperità, ottenne il titolo di Borgo ed il permesso di tenere il mercato settimanale, privilegi che perse nel XV secolo per una pestilenza che decimò la popolazione.



Stresa ancora storia

Stresa - Città TuristicaNel febbraio del 1441, il territorio di Stresa situato alla sinistra del torrente Crée divenne “Stresa Borromeo”, mentre l’altra metà (comprendente la regione “Castello”) continuò ad appartenere ai Visconti.

Nel 1497 Ludovico Sforza, detto il Moro, usurpò il potere dei Visconti proclamandosi Duca e ricostituì, per qualche anno, il Contado di Angera, comprensivo della «terra de Strexa».

Dal 1535, alla morte di Francesco Sforza, Carlo V s’impadronì di Milano e Stresa subì centosettant’anni di dominazione spagnola entrando nella contesa, durata secoli, fra Spagna e Francia.

Nel 1801, per volere di Napoleone, iniziarono i lavori per la strada del Sempione che, conclusa l'anno dopo portò Stresa alla ribalta come luogo turistico per eccellenza.

Cosa vedere a Stresa - Il Lungolago

Stresa - Lungolago A differenza delle altre città dove il cuore della città è una piazza, qui a Stresa è il magnifico Lungolago che, ornato da grandi alberi e giardini fioriti, offre una magnifica vista sulle Isole Borromeo, sul Lago orlato dalle cime dei monti.

Sul Lungolago si affacciano Ristoranti famosi, Gelaterie, Locali Pubblici ed Hotel maestosi che si susseguono senza interruzione partendo dal Porto dove partono i battelli per le Isole, fino almagnifico Lido.




Cosa fare a Stresa - Il Centro Storico

Stresa - Organo della Chiesa ParrocchialeDal Lungolago è possibile inoltrarsi nel cuore di Stresa fino alla Piazza Marconi su cui affaccia la Parrocchiale di S. Ambrogio.

La Chiesa, con pianta a croce greca e facciata neoclassica ornata da due sculture di angeli musicanti, venne eretto nel 1790.

All'interno si trovano tre altari, di cui quello di sinistra è ornato da un prezioso dipinto del Morazzone raffigurante il Crocifisso e i Santi Carlo, Francesco e Antonio, mentre quello principale nel centro è contornato da belle tele del Seicento lombardo dedicate a Sant'Ambrogio.
L'altare di destra, custodisce le spoglie del piccolo martire San Vitaliano, morto nel 260, all'età di dieci mesi e ventotto giorni, venerato come protettore dei bambini.

Cosa fotografare a Stresa - Villa Ducale

Stresa - Villa Ducale Affaccia elegantemente sul lungolago Casa Bolongaro, meglio conosciuta come Villa Ducale. è circondata da un giardino di circa 13.000 mq., originariamente impostato all'italiana, ma oggi ricco di piante esotiche, tra cui spiccano una splendida Magnolia Grandiflora ed un'imponente cedro del Libano.

La Villa Ducale, costruita nel 1770, è famosa, oltre per la sua bellezza, per il fatto che qui morì, assistito da Alessandro Manzoni, il filosofo Antonio Rosmini nel 1855.
Dal 1966 questa villa è sede del Centro Internazionale Studi Rosminiani, contiene una grande biblioteca con rare edizioni e reliquie della vita e delle opere del filosofo.

Cosa vedere a Stresa - Villa Pallavicini

Stresa - Parco Villa PallaviciniIl Parco di Villa Pallavicino, (160.000 mq. di prati e boschi) un giardino all’inglese con la stupefacente vista sul lago, molto famoso per la straordinaria varietà di piante, è stato trasformato in un originale parco-zoo.

Con più di quaranta specie di animali, tra mammiferi e uccelli esotici, il parco ospita lama, canguri, zebre, fenicotteri, daini, lama e nandù che vivono in ampi spazi naturali.

il Parco prevede altri indimenticabili incontri con canguri, zebre e scimmie e con animali curiosi come moffette e furetti.

All'interno di bellissimi ambienti naturali ricostruiti, si possono osservare vari uccelli esotici tra cui splendidi esemplari di pappagalli e buceri.

Tariffe ed Orari per il Parco

Cosa mangiare a Stresa

Stresa - Pesce fritto di lagoStresa ormai da anni è un centro turistico internazionale ed internazionalizzato dai suo importanti ospiti, ma i suoi cuochi continuano ad offrire, accanto a menù tipo "Gran Gourmet", piatti più che tradizionali.

Le specialità del lago e delle vicine montagne, abbinate agli ottimi vini locali, comprendono salumi nostrani, formaggi d'Alpe, paste della tradizione ossolana, carni selezionate e selvaggina.

Freschissime trote, lavarelli, lucci e pesci persico, vengono cotti al vapore, impanati, fritti, annegati in guazzetto per la gioia di golosi esperti.

Chiudere il pasto con una fetta di Torta Vigezzina (dolce tipico fatto con ingredienti "poveri"), è quello che il turista vuole.





Argomenti correlati




Libri e Guide su Piemonte e Verbania

  Verbania nelle cartoline d'epoca (1895-1950)
Muzzarini Sergio, Alberti
  Verbania. Lago Maggiore
Fogli Claudio, Alberti
  Monumenti e ambienti del territorio storico di Verbania
Spinelli Pino, Vincenti Antonello
  Verbania. Le mappe della memoria
Biganzoli Antonio,  Tararà
  Luci e colori di Verbania
Rossi Agostino,  Alberti
  Pallanza (rist. anast.)
Casalis Goffredo, Forni
  Alberi monumentali del Piemonte   Mountain bike. 47 itinerari nella valli olimpiche
  Il riuso dell'antico nel Piemonte medievale    Piazze del Piemonte. Architettura, urbanistica, eventi, quotidianità  
  Paesaggio di pietra, alberi e colore. L'architettura tradizionale nel Verbano-Cusio-Ossola    Parco Nazionale Val Grande, Val Vigezzo, Verbano, valle Ossola, Locarnese, Centovalli 
  Piazze del Piemonte. Architettura, urbanistica, eventi, quotidianità   Piemonte e Valle d'Aosta  
  Il quaderno delle ricette del Piemonte   Arte e natura. Centoventi giardini privati del Piemonte