Guida di Termoli


Come arrivare a Termoli

Termoli si estende sulla costa molisana e verso l'interno, ma il suo centro storico è il Borgo Antico diviso dal resto della città dalle mura di contenimento e dal Castello.

In auto:
Nord e da Sud - A14 Adriatica fino all'Uscita di Termoli.

Da Napoli o da Ovest - Percorrere l'autostrada A16 fino a raggiungere la A14 e proseguire come sopra.

In treno:
Termoli ha una stazione ferroviaria servita dalle FFSS.

In aereo:
Lo scalo più vicino a Termoli è l'Aeroporto di Pescara.


In nave:
Il porto di Termoli, ben servito e ben attrezzato con collegamenti per le Isole Tremiti e per alcuni porti della Croazia.

Termoli cenni storici

Termoli - Mappa AnticaRicostruire la storia di Termoli è difficile come stabilire l'origine del nome Civitas Thermularum riportato sul gonfalone del Comune.

Sulle colline di fronte alla costa vi furono insediamenti preistorici, protostorici e di età romana, ma in seguito alla invasione dei Goti, gli abitanti si rifugiarono sul promontorio, dove oggi sorge la parte antica della città, perchè facilmente difendibile.

Nel 568 i Longobardi fondarono il Ducato di Benevento e fecero di Termoli il capoluogo di Contea, al confine tra i Ducati di Benevento e di Spoleto.

Termoli ancora storia

Termoli - Le muraEssendo un centro strategico per la difesa costiera, la città fu oggetto di continue e cruente contese tra i potenti dell'epoca e per questo munita di mura, di un torrione e di otto torrette merlate.

Dalla dominazione Longobarda, Termoli passò a quella Carolingia (801-1030 d.C.) e, successivamente divenne un possedimento del Regno delle due Sicilie, governato prima dai Normanni e poi dagli Svevi.

Fu proprio Federico II di Svevia a ricostruire e ampliare la cerchia muraria, il Castello ed a istituire un importante Mercato Settimanale.

Cosa vedere a Termoli - il Borgo Antico

Termoli - Entro le muraLe caratteristiche architettoniche della parte storica di Termoli ne riconducibile la costruzione al Basso Medio Evo.

Il Borgo, nell'attuale struttura, fu costruito sulle rovine di un antico villaggio di pescatori distrutto dal primo Sacco dei Turchi, avvenuto verso il 1567.

Nel Borgo si trova la Cattedrale, ma, prima dell'anno 1000, sembra che, al suo posto, esistesse una chiesa più piccola: la Ecclesia Sancte Marie.

Il Borgo si caratterizza per i suoi stretti vicoli (tra questi si evidenza Vico II Castello, uno dei più stretti d'Europa di 41 cm), le sue piazzette e le sue mura di contenimento che ne fanno una parte totalmente separata dalla Città Nuova.

Cosa visitare a Termoli - La Cattedrale

Termoli - La CattedraleCostruita nel periodo a cavallo tra il XII ed il XIII secolo su un edificio sacro preesistente, mostra nella facciata le influenze pugliesi.

Ripristinata nel 1456 dopo un terremoto, l'edificio conserva interessanti resti della decorazione scultorea originale, il portale in marmo corallino rosato del Gargano, l'archivolto realizzato a conci alternati in marmo e pietra scura.

La Cattedrale dedicata a S. Maria della Purificazione è stata più volte restaurata dopo distruzioni e danneggiamenti; durante i lavori tra il 1930 - 1969, sono state ritrovate tre absidi, dei pilastri rettangolari e un pavimento decorato con mosaici.


La Città Nuova e le spiagge

Termoli - Una spiaggiaFuori le mura dell'antica Termoli, sulle colline circostanti e sul litorale, si è sviluppata, verso la fine del Settecento, inizio dell'Ottocento, la Città Nuova, che ha dato vita ad un continuo incremento economico e demografico della città che ha trovato nel Porto un nuovo motore.

Le due spiagge termolesi sono bellissime e non troppo affollate, una la spiaggia di Sant'Antonio, a nord di Termoli è la spiaggia tradizionale dei termolesi, mentre la spiaggia di "Rio Vivo", a sud della città, è ideale per gli appassionati di sport acquatici e per gli amanti della vela.

A Rio Vivo ha sede il Circolo Nautico, cresciuto in importanza negli anni fino a diventare un punto di riferimento per le regate nazionali ed internazionali.

Feste e sagre a Termoli

Termoli - Processione di San BassoLa festa più importante a Termoli è legata a San Basso, suo patrono che si festeggia la prima settimana d'Agosto.

La festa dura due giorni, è piena di musica, buon cibo ed allegria, ma la parte più folkloristica è la processione.

La statua del Santo viene portata sul mare da un peschereccio riccamente addobbato e seguito da una folta flotta di natanti carichi di fedeli.

La processione tocca le due spiagge di Termoli ed il Santo passa una notte al Borgo Vecchio.

Anche la Sagra del Pesce, tenuta l'ultima domenica d'agosto per festeggiare i turisti che premiano questa terra con la loro presenza.

Due padelloni giganti friggono in piazza molti quintali di pesce che viene consumato con l'accompagnamento di musica, danze, fuochi d’artificio e tanta allegria.

Cosa mangiare a Termoli

Termoli - U' BredetteLa cucina tipica di Termoli è naturalmente legata al pesce e, uno dei piatti più famosi di antica tradizione, è il brodetto di pesce detto U' Bredette.

Il Brodetto prevede la cottura di molte varietà di pesce e mitili, cotti con tempi diversi;fra gli ingredienti i termolesi usano il peperone fresco, caratteristica unica fra i vari brodetti dell'Adriatico.

I principali pregi della gastronomia termolese sono la genuinità degli ingredienti prodotti localmente e la preparazione casalinga delle pietanze.

Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo
tel. +39 875 703913 fax +39 875 704956






Foto di Termoli


Spiaggia di Termoli
Spiaggia di Termoli



Argomenti correlati



Libri e Guide su Campobasso e sul Molise

Campobasso. Capoluogo del Molise. Vol. 1: Storia, evoluzione urbanistica,
economia e società.

2008, Palladino Editore
Campobasso.
Capoluogo del Molise. Vol. 2: Funzione urbana, cultura.

2008, Palladino Editore
Campobasso.
Capoluogo del Molise. Vol. 3: Rappresentazioni, nuovi percorsi. Per conoscere il Molise.

2008, Palladino Editore
Volatili misteri. Festa e città a Campobasso e altre divagazioni immateriali
Bindi Letizia, 2009, Armando Editore
Le théâtre involontaire. Les Mystères au jour de la Fête-Dieu à Campobasso, en Italie
Presutti Mauro, Charuty Giordana, 2003, Palladino Editore
Mysterium crucis. Il venerdì santo a Campobasso
Cardone Paolo, 2006, Palladino Editore
I valdesi a Campobasso
Cielo Davide, 2009, Il Bene Comune
Riti e feste del fuoco. Falò e torce cerimoniali in Molise
Meo Domenico, 2008, Volturnia
Molise. Castelli
Perrella Onorina, Cavaliere Guido, 2006, Palladino Editore
Storia del Molise in età contemporanea
2006, Donzelli