Video delle grotte di Frasassi







Guida di Grotte Frasassi

Come arrivare alle Grotte di Frasassi

In auto:
Autostrada A 14 Bologna - Canosa con uscita al casello di Ancona Nord, poi imboccare  la superstrada Ancona – Roma SS76 ed uscire a Genga – Sassoferrato seguendo poi le indicazioni per San Vittore e Cascate

In treno:
Genga è servita dalla Linea ferroviaria Ancona – Roma
Stazione di Genga

In aereo:
L'aeroporto più vicino è il Raffaello Sanzio di Falconara che effettua collegamenti giornalieri con le principali località e Aeroporti italiani ed esteri.






Grotte di Frasassi

La scoperta delle magiche Grotte di Frasassi, attrezzate ed illuminate come tutti possiamo visitarle, è come una fiaba e, come una fiaba, comincia con....

C'era una volta un gruppo di amici che, dopo la guerra dedicavano al loro tempo libero alla speleologia.
Questi amici, nel 1948, creano il Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona che esplora le montagne carsiche delle Marche.

Passa il tempo e questi amici speleologi, che nel frattempo hanno fatto gruppo con il Club Alpino Italiano di Ancona, lungo le pendici nord del monte Vallemontagnana, scoprirono un piccolo imbocco che conduceva in una minuscola sala.

Nulla di particolare, ma, da alcune fessure delle pareti, una specie di vento sotterraneo che accese la loro curiosità.

Grotte di Frasassi

Dopo alcuni giorni di scavi, i nostri eroi,  riuscirono a fare breccia in una strettoia e di qui a scivolare in direzione del ciglio di un vuoto buio dal quale lasciarono cadere un sasso.

Quando, nel buio più assoluto, il sasso iniziò a cadere, gli speleologi trattennero il respiro.

L'eco arrivò dopo un tempo che parve lunghissimo: era il 25 settembre 1971 ed erano state scoperte la Grotta Grande del Vento, quella che ora si chiama Sala Ancona delle Grotte di Frasassi, uno dei più spettacolari complessi carsici del mondo.

Per calarsi dalla sommità dell'Abisso Ancona furono necessarie speciali attrezzature, ma i nostri eroi superarono ogni avversità e, quando toccarono finalmente il fondo della grotta, e con le luci videro lo splendore e la singolare bellezza di questo fantastico universo sotterraneo, decisero che anche gli altri potessero vedere quella meraviglia

Quattro anni dopo, il 1 settembre del 1974 si inaugurò ufficialmente il tunnel di oltre duecento metri, scavato nella viva roccia, che rendeva possibile l'accesso all'Abisso Ancona e ai quasi mille metri di percorso della Gola di Frasassi.

Visitare le Grotte di Frasassi

Stalattiti e stalagmiti delle Grotte di FrasassiGrotte di Frasassi - Grotta grande del ventoOggi le grotte sono aperte al pubblico che può visitarle, accompagnato da guide professionali, su di un agevole percorso turistico della durata di circa 75 minuti.

I visitatori provano l'emozione di un mondo rovesciato, nascosto e bellissimo, fatto di ambienti suggestivi e ricchi di straordinarie sculture naturali, dove il silenzio è rotto solo dallo stillicidio delle gocce d'acqua che rende il complesso vivo ed in continua evoluzione.

I sensi vengono ingannati e non si riesce più a valutare grandezza e distanze e la guida che ci accompagna, con le sue informazioni, ci sorprende e meraviglia. Le stalattiti, le stalagmiti, le colate calciche ed i laghetti cristallizzati, rappresentano la componente più bella delle grotte e sono l'espressione finale del lungo lavoro svolto dall'acqua piovana sulla roccia.

Infatti, se i calcari sono fessurati, l'acqua della pioggia, penetra attraverso la superficie del terreno, circola all'interno delle rocce seguendone le fessure e,  poiché nell'acqua è sempre presente una certa quantità di CO2, il calcare viene parzialmente sciolto e le fessure vengono allargate là dove la circolazione dell'acqua è maggiore.

Il continuo stillicidio causa la cessione dell'anidride carbonica dall'acqua all'aria, il bicarbonato, ceduta la CO2, diviene insolubile e si deposita producendo splendide concrezioni.

Cosa visitare nei dintorni delle Grotte di Frasassi

Gola della Rossa, vicino alle Grotte di FrasassiGrotte di Frasassi - Lago delle candelineLa bellezza di questo territorio non si ferma alle Grotte di Frasassi, ma continua attraverso il bellissimo Parco Naturale della Gola della Rossa con i suoi stupendi scorci naturalistici e gli antichi borghi, che immergono il visitatore in un mondo senza tempo e lo invitano a fermarsi più giorni.

Da non perdere l'Abbazia di San Vittore delle Chiuse, considerata il più bel esempio di romanico nella nella regione, all'antico Ponte Romano e al Museo Speleo paleontologico situati a San Vittore, a 500 m dall'ingresso delle grotte, il Tempio del Valadier, il Santuario di S. Maria Infrasaxa, sorti l'uno accanto all'alto all'interno di una grotta naturale lungo la strada che conduce nel cuore del centro storico di Genga e al suo splendido borgo.
 
Approfondimenti:
Nel sito www.frasassigsm.com la vera storia della scoperta delle Grotte di Frasassi raccontata dagli scopritori, gli speleologi del Gruppo Speleologico Marchigiano C.A.I di Ancona.


Foto di Grotte Frasassi

slideshow
slideshow


Argomenti correlati




Libri e Guide su Marche e Ancona

  La bandiera d'oro. Una storia segreta dei vessilli di Ancona
Giancarli Tommaso, 2012, Affinità Elettive Edizioni
  Carta geologica dei mari italiani alla scala 1:250.000 NK 33-1-2. Ancona
2011, Ist. Poligrafico dello Stato
  Storia di una trasformazione. Ancona e il suo territorio tra Risorgimento e unità
cur. Tosti Croce M., 2011, Il Lavoro Editoriale
  Il palazzo della prefettura di Ancona. Luoghi e protagonisti di un'istituzione
cur. Mangone F., Manzo E., 2010, Massa
  Ancona, in sul calar del sole. Provincia di Ancona. Ediz. italiana, inglese, tedesca e francese
Mangani Giorgio, Biondi Edoardo, 2006, Italia Turistica
  Marche
2009, Editoriale Domus
  Marche. Gente e terra
2008, Mondadori Electa
  Le Marche e l'unità d'Italia
cur. Severini M., 2010, Codex
  Marche
2012, Mondadori Electa
  Marche. Con mappa
Krus-Bonazza Annette, 2011, Dumont