Somma Lombardo guida e foto




Guida di Somma Lombardo


Come arrivare a Somma Lombardo

In auto:
Dalla Milano Laghi Autostrada A8 direzione Varese prendere l'uscita di Busto Arsizio-Malpensa in direzione Malpensa poi pendere l'uscita Sesto Calende-Vergiate in direzione Somma Lombardo.

In treno:
Somma Lombardo è servito da numerosi treni; per informazioni andate al sito di Trenitalia.

In aereo:
Somma Lombardo si trova a 10 minuti dall'Aeroporto della Malpensa.

Il Castello Visconti di San Vito è visitabile da Aprile a Ottobre nei giorni di sabato, domenica e festivi.


Per informazioni e prenotazioni andare sul sito del Castello Visconti di San Vito



Il castello dei Visconti di San Vito - cenni storici

Somma Lombardo Castello Dei ViscontiIl Castello Visconti di San Vito risale all'XI secolo ed oggi è tra i castelli meglio conservati di tutta l'Italia del nord.

Ai primi elementi fortificati di quel tempo medievale, ne subentrarono, nei secoli a venire molti altri, tramite rimaneggiamenti che interessarono il maniero fino alla fine del Seicento.

In tal modo il castello cambiò destinazione d'uso, passando da medievale baluardo difensivo a residenza castellana a tutti gli effetti, quando,nel 1473, i fratelli Guido e Francesco Visconti decisero l'ampliamento della struttura e la spartizione della proprietà e del borgo.

Il castello dei Visconti di San Vito

Somma Lombardo Castello Dei ViscontiIl complesso si presenta come un grande quadrilatero che racchiude tre castelli con tre ampi cortili, ciascuno con un suo porticato ed ingresso indipendente.

La parte più antica del castello quella assegnata al tempo della divisione, a Guido, comprende un elegante porticato ad archi, sostenuto da pilastri ottogonali in granito i cui capitelli portano scolpito gli stemmi gentilizi.

Sotto il portico si possono ammirare carrozze d'epoca.
Le torri permettono di godere di magnifico panorama che va dalla parte bassa della città ai boschi nella valle del Ticino, dalla pianura Novarese alle maestose Alpi dominate dal massiccio del monte Rosa.   La parte del castello che toccò al fratello Francesco è preceduta da un vasto giardino.

Somma Lombardo Castello Dei ViscontiSotto l'ampio porticato, troneggia il colossale ceppo capovolto di quello che fu il "Cipresso millenario".

Uno scalone porta al piano di sopra con le pareti   ricche di affreschi del XVII secolo.

Anche il salone delle feste è tappezzato di affreschi che rappresentano scene mitologiche e religiose.
L'elegante salone è ancora arredato con mobili del XVII secolo, quadri ad olio, bronzi e sculture di marmo. Al centro si accede ad una cappella consacrata sul cui altare di marmo si trova un meraviglioso quadro attribuito al Cerano e che rappresenta l'Apparizione dell'Angelo alla Vergine Maria.

Somma Lombardo Castello Dei ViscontiDal porticato si accede al cucinone caratterizzato da un enorme camino con forno e da alcuni antichi utensili.

Dal portico si sale poi tramite lo scalone d'onore al piano nobile completamente affrescato.

Particolarmente interessanti sono le seicentesche panche in legno intagliato raffiguranti vizi e virtù contrapposte e che provengono da quello che un tempo era il refettorio del convento dei Padri Minimi di S. Francesco.

Nella "Sala dei piatti da barba" sono collezionati pezzi rari provenienti da tutte le parti del mondo.  Nella sala del "Mastio" si trova la camera da letto e proseguendo si attraversano le sale per il soggiorno di ospiti, arredate con mobili d'epoca, ricche di affreschi e quadri ad olio che rappresentano motivi religiosi o celebrativi del prestigio del casato.

Interessante la raccolta di urne cinerarie della civiltà di Golasecca e la bellezza dello stemma araldico, presente in tutte le Case viscontee, che rappresenta un "biscione" che addenta un guerriero ottomano.

Comprende anche due scudi con rami di quercia e verricelli con secchi d'acqua e fiamme, a significare il Patronato della nobile Casata viscontea di Somma sul Santuario della Madonna della Ghianda con l'acqua simbolo di pace e temperanza.






Foto di Somma Lombardo


slideshow
slideshow



Argomenti correlati



Libri e Guide su Lombardia

Storia della valle Brembana
Riceputi Felice, 2004, Corponove
Andar per rifugi. Vol. 2: Valle Brembana.
Benedetti Lucio, Carissoni Chiara, 1997, Junior
Alto milanese. E i capolavori del '500 lombardo. Ediz. italiana e inglese
2008, Touring
Feste sagre & mercatini in Lombardia
2007, Lozzi & Rossi
Ciaspole. 52 escursioni in Lombardia
Benedetti Lucio; Carissoni Chiara, 2008, Junior
Laghi lombardi e del Nord Italia
Teller Matthew; Ratcliffe Lucy, 2007, Vallardi Viaggi
Come eravamo. Anno '70. Linguaggi e protagonisti dell'arte in Lombardia
2008, Silvia
Lombardia. Itinerari golosi tra le Alpi e il Po
Bionda Debora; Vischi Carlo, 2007, Gribaudo
Giovanni da Milano. Capolavori del gotico fra Lombardia e Toscana
2008, Giunti Editore
Europeismo e federalismo in Lombardia dal Risorgimento all'Unione europea
2007, Il Mulino
Il grande libro dei misteri della Lombardia risolti e irrisolti
Crimi Federico; Facchetti Giulio M., 2008, Newton Compton
Lombardia. Tradizioni culturali e costumi nei luoghi della storia. Ediz. italiana e inglese
Ravanelli Renato, 2007, Grafica e Arte
L'incanto dei laghi lombardi dalle isole Borromee al Vittoriale
Marvulli Margherita, 2008, Ist. Poligrafico dello Stato
Lombardia rinascimentale
Balzarini M. Grazia; Monaco Tiziana, 2007, Jaca Book
Lombardia 1:200.000
2008, Tourin
Mountain bike in Lombardia e Canton Ticino. 62 itinerari fra Varese Mendrisio e Como
De Franco Luca; Gattoni Matteo, 2007, V-Sud
Milano e la Lombardia
2008, Michelin Italiana
Ottocento lombardo. Arti e decorazioni
2007, Skira
Prealpi lombarde. Itinerari per cresta
Martina Ercole, 2008, Nordpress
Antologia dei poeti italiani contemporanei. Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli
2006, Aletti