Angera museo delle bambole




Guida di Angera museo delle bambole

Come arrivare ad Angera - Museo della Bambola

Angera si trova sulla sponda lombarda della parte sud del Lago Maggiore, in provincia di Varese.

In Auto:
Autostrada dei Laghi A8 da Milano, uscita Vergiate, a circa 10 Km da Angera. Proseguire sulla SS Sempione, in direzione Sesto Calende e qui uscire per Angera sulla provinciale che costeggiando il Lago per 8 km.
All'autostrada A26 (Alessandria - Gravellona Toce), l'uscita più indicata è Castelletto Ticino, a circa 10 Km da Angera; da qui si prosegue sulla SS Sempione, in direzione Sesto Calende. Da qui si prosegue sulla provinciale come indicato prima.

In treno:
la stazione più vicina è a Sesto Calende, sulla linea Milano-Domodossola, sul piazzale della stazione si fermano i bus che portano ad Angera, in coincidenza con gli arrivi dei principali treni.

In aereo:
A mezz'ora di auto c'è l'aeroporto di Malpensa.


Rocca d'Angera - Museo della Bambola

Museo della Bambola - Bambole giapponesiIl Museo Della Bambola è aperta, come la Rocca di Angera, tutti i giorni dal sabato 20 marzo a domenica 17 ottobre 2010.

L'orario di apertura è dalle ore 9.00 alle ore 17.30 (ultimo ingresso).
La visita del castello e dei suoi musei richiede circa un'ora e trenta minuti.

Per informazioni telefonare all'Ufficio Turistico di Angera: (+39) 0331 960 207.

Angera - Museo della Bambola

La Rocca Borromeo custodisce dal 1988 il Museo della Bambola, allestito nelle dodici sale dell'ala Viscontea e Borromea.

Si tratta di una raccolta straordinaria di bambole, giocattoli, libri, mobili in miniatura, giochi da tavolo e di società che, con oltre i suoi 1000 pezzi esposti, costituisce il corpus di uno dei più importanti musei del settore in Europa.

Bambole del '700 realizzate in legno, bambole francesi a bocca chiusa, bambole tedesche "bébé-caractères", di cera, cartapesta, porcellana, tessuto, celluloide e materiali plastici, illustrano l'evoluzione storica e culturale di questo straordinario oggetto, da sempre protagonista dell'infanzia.





Angera - Museo della Bambola - Percorso visita

Museo della Bambola - Gioco dell'ocaIl percorso storico e l'impianto didattico ampiamente documentato, accompagnano i visitatori attraverso un fantastico viaggio nel tempo alla riscoperta di quella fondamentale attitudine che è il gioco, divisi in tre temi fondamentali: la Musica, il Circo, Vizi & Virtù.

Il supporto storico, didattico e informativo costituito da materiali d'epoca, come i cataloghi di vendita e le pubblicità delle ditte produttrici, completerà il fantastico viaggio attraverso un mondo precursore di più moderne tecnologie.

Angera - Museo della Bambola - Gli Automi

Nel giugno 2002 alla collezione di giocattoli si è aggiunta la nuova sezione dedicata agli automi francesi e tedeschi del XIX e XX secolo.

Museo della Bambola - Bambola di legnoI pezzi, meraviglie della meccanica, datati tra il 1870 e il 1920, provengono dal Petit Musée du Costume della città di Tours ed appartenevano alla celebre collezione di Rodert e Gisèle Pesché.

Gli Automi in esposizione, capolavori nati dall'ingegno di maestri orologiai, dalla creatività di scultori e artigiani che hanno modellato i volti e cucito i raffinati costumi, stupiscono con i loro i movimenti lenti, ritmati, accompagnati da arie celebri, tratte spesso da repertori operistici e popolari.

La mostra si sviluppa lungo un percorso segnato da magici effetti, suoni, luci ed installazioni video che permettono di vedere gli oggetti in movimento e ascoltarne la musica.

Angera - Museo della Bambola - Bambole VIP

Museo della Bambola - Bambola AmericanaFra le molte bambole, ci sono certo pezzi assolutamente unici e preziosi, ma quelle che colpiscono di più sono quelle in legno dipinto.

Quelle non aprono gli occhi, non dicono mamma e non camminano ma trasmettono il ricordo di baci, carezze e tenerezza di più generazioni.

Giocattolo, compagno di giochi ed oggetto d'amore passato da madre a figlia, da sorella a sorella, dalla nonna alla prima nipotina.

Bambola data in dono da una donna in crinolina ad una bimbetta che nel riceverla ha fatto una riverenza ed è corsa via, con il cuore pieno d'amore.

Bambola che ha visto belle camerette, la polvere delle soffitte, il buio dei bauli e poi ancora le braccia tenere e dolci di un'altra bambina.






Foto del Museo delle bambole e automi

slideshow
slideshow


Argomenti correlati




Libri e Guide su Lombardia

  Storia della valle Brembana
Riceputi Felice, 2004, Corponove
  Andar per rifugi. Vol. 2: Valle Brembana.
Benedetti Lucio, Carissoni Chiara, 1997, Junior
  Alto milanese. E i capolavori del '500 lombardo. Ediz. italiana e inglese
2008, Touring
  Feste sagre & mercatini in Lombardia
2007, Lozzi & Rossi
  Ciaspole. 52 escursioni in Lombardia
Benedetti Lucio; Carissoni Chiara, 2008, Junior
  Laghi lombardi e del Nord Italia
Teller Matthew; Ratcliffe Lucy, 2007, Vallardi Viaggi
  Come eravamo. Anno '70. Linguaggi e protagonisti dell'arte in Lombardia
2008, Silvia
  Lombardia. Itinerari golosi tra le Alpi e il Po
Bionda Debora; Vischi Carlo, 2007, Gribaudo
  Giovanni da Milano. Capolavori del gotico fra Lombardia e Toscana
2008, Giunti Editore
  Europeismo e federalismo in Lombardia dal Risorgimento all'Unione europea
2007, Il Mulino
  Il grande libro dei misteri della Lombardia risolti e irrisolti
Crimi Federico; Facchetti Giulio M., 2008, Newton Compton
  Lombardia. Tradizioni culturali e costumi nei luoghi della storia. Ediz. italiana e inglese
Ravanelli Renato, 2007, Grafica e Arte
  L'incanto dei laghi lombardi dalle isole Borromee al Vittoriale
Marvulli Margherita, 2008, Ist. Poligrafico dello Stato
  Lombardia rinascimentale
Balzarini M. Grazia; Monaco Tiziana, 2007, Jaca Book
  Lombardia 1:200.000
2008, Tourin
  Mountain bike in Lombardia e Canton Ticino. 62 itinerari fra Varese Mendrisio e Como
De Franco Luca; Gattoni Matteo, 2007, V-Sud
  Milano e la Lombardia
2008, Michelin Italiana
  Ottocento lombardo. Arti e decorazioni
2007, Skira
  Prealpi lombarde. Itinerari per cresta
Martina Ercole, 2008, Nordpress
  Antologia dei poeti italiani contemporanei. Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli
2006, Aletti