homepage   Menu generale   cerca





Guida del Parco delle Groane


Come arrivare al Parco delle Groane

foto  Mappa delle Groane In auto:
Dalla SS 233 Varesina;
Dalla Autostrada A9 - direzione Monza - uscita a Saronno, 10 km circa;
Dalla SS 35 dei Giovi (Milano Meda), Direzione Saronno uscita a Varedo, 7 km circa.

In treno:
•FNM linea Milano-Saronno, fermate Serenella, Garbagnate Centro, Cesate
•FNM linea Milano-Seveso, fermata Cesano Maderno o Seveso.

In tram e bicicletta:
Milano Affori - Mombello, penultima fermata (lungo la S.S. "Bustese"), da lì nuova pista ciclabile




Parco delle Groane cenni storici

la 16^ strada di Cesate Il Parco Regionale è stato istituito nel 1976, per volontà dei Comuni e della Regione Lombardia, e dal 1984 dispone di un piano territoriale che disciplina l'uso delle aree, in armonia fra conservazione della natura, agricoltura e turismo.

Il Parco, frutto di un primo paziente lavoro di acquisizione dei terreni da parte del Consorzio costituito allo scopo tra il Comune di Milano, la Provincia di Milano, la Provincia di Monza e Brianza dai Comuni di Arese, Barlassina, Bollate, Bovisio Masciago, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Cesate, Cogliate, Garbagnate Milanese, Lazzate, Lentate sul Seveso, Limbiate, Misinto, Senago, Seveso e Solaro nei quali in Parco si è creato.

Il secondo passo è stato il rimboschimento delle aree nude, la pulizia dei boschi esistenti, il rafforzare l'aspetto naturale di 3.200 ha di terreno  scampato alla urbanizzazione.

Cosa fare al Parco delle Groane - Passeggiate

Parco delle Groane - laghetto di Ceriano Il Parco si estende praticamente dentro paesi e città altamente industrializzati e rappresenta un polmone verde fra il brulicare del traffico e delle attività in continuo fermento.

Fra le opere per rendere fruibile il Parco ai cittadini il Consorzio ha realizzato una rete di piste ciclabili, che consentono di immergersi nel verde, senza allontanarsi dalla città.

Protetti dallo sfruttamento, si sono così salvati gli ultimi boschi di querce e le vaste lande di brughiera habitat ideale per la calluna, l'erica che colora di rosa la brughiera a fine estate.

Cosa fare al Parco delle Groane - Didattica

Parco delle Groane - 40km di piste ciclabili Il Parco delle Groane è costituito da un territorio di brughiera di grande interesse geologico, costituito da ripiani argillosi "ferrettizzati" cioè (cioè il ferro presente negli strati sabbiosi venne ossidato a causa delle tipiche condizioni climatiche che seguirono le glaciazioni) caratteristica che favorisce un determinato tipo di Flora.

La vegetazione di questi luoghi è caratterizzata da estese brughiere (fra le più meridionali d'Europa), che si trasvormano gradatamente in bosco di pini silvestri e betulle, fino ad arrivare ai boschi alti di querce e carpini.

Notevoli gli elementi di interesse storico-artistico, quali il Castellazzo di Bollate, la Valera di Arese, Villa Borromeo a Senago, Cascina Mirabella a Lentate sul Seveso e le testimonianze di archeologia industriale.
vecchie rovine di fornaci segnano il paesaggio con il loro muri i mattoni; antiche ville patrizie segnano con i loro giardini il paesaggio di un tempo che fu.

Sport al Parco delle Groane

Parco delle Groane - Una Roggia Nel salvare la natura del Parco, il Consorzio delle Groane si è trovato a gestire notevoli elementi di interesse storico-artistico, come il Castellazzo di Bollate, la Valera di Arese, Villa Borromeo a Senago, Cascina Mirabella a Lentate sul Seveso e le testimonianze di archeologia industriale.
Il Parco ogni anno si arricchisce di un altro tratto di pista ciclabile e già ora è possibile passare una giornata interamente in bicicletta, su percorsi protetti fra boschi, brughiere e campi coltivati.

La pista ciclabile inizia nella Pineta di Cesate, corre lungo corso Europa, tocca la Riserva naturale della Cà del Re, sottopassa la Statale Bustese (Saronno-Monza), per raggiungere il Centro Parco Polveriera di Solaro.

Parco delle Groane - piante acquatiche Da qui il percorso prosegue verso nord, a fianco di una vecchia attrezzatura militare, passa la ferrovia e attraversa i boschi di Ceriano Laghetto con il grazioso stagno "Foppa di S. Dalmazio".

I percorsi nel Bosco di Ceriano portano verso l'Altopiano di Seveso, estesa brughiera dove sopravvive il raro Salice a foglia di rosmarino, arbusto ben visibile lungo la pista.

Cosa fare al Parco delle Groane

Itinerari a piedi

Cosa visitare al Parco delle Groane

Parco delle Groane - laghetto di Ceriano Per godere di tutti i servizi e conoscere le date degli eventi organizzati per la buona stagione, sarà bene visitare la Sede del Consorzio Parco delle Groane,
Via della Polveriera 2 Solaro, dove è attivo anche un servizio di noleggio biciclette.

Si possono trovare biciclette per adulti, per bambini a partire dai 6 anni e un tandem per persone disabili, oltre a cestini portaoggetti e seggiolini per i più piccoli.

Il noleggio è disponibile in tutti i fine settimana e i gironi festivi.
- Marzo/Aprile h. 10.00/13.00 - 14.00/18.00
- Maggio h. 10.00/13.00 - 14.00/19.00
- Giugno/Luglio h. 10.00/13.00 - 14.00/20.00
- Agosto/Settembre h. 10.00/13.00 - 14.00/19.00
- Ottobre/Febbraio h. 10.00/13.00 - 14.00/16.00

Parco delle Groane - Itinerari a Piedi Credo sia il parco più brutto e squallido d'Italia, ma potrei forse dire d'Europa! ...e che nessuno conosce.

Non offre assolutamente nulla di bello da vedere, è piatto, spoglio, trascurato, squallido e disertato pure dagli animali e dagli uccelli. Non lasciatevi ingannare dalle foto. La roggia, per esempio, è un fosso mefitico che costringe a trattenere il fiato quando ci passi ed è zona protetta per topi grossi come lepri.

Un parco per così dire quasi morto. Il terreno è argilloso e dunque basta una breve pioggia perché s'infanghi tutto e diventi semi-paludoso.

Ma un pregio almeno ce l'ha: per quanto sia, le piante emettono ossigeno e lo spazio che occupa serve a calmierare lo sviluppo urbanistico selvaggio della zona a nord di Milano. Zona che, come nel paese in cui ho abitato (Cesate) è destinata a paesi-dormitorio per pendolari che lavorano in città.

Comunque d'estate è accettabile. C'è ombra e fresco, a parte le insistenti zanzare e ci sono molte piste ciclabili, poco frequentate a dire il vero, ma che consentono piacevoli passeggiate nel verde.

Inoltre per l'Expo del 2015 un po' di lavori migliorativi sono stati fatti.




Link sponsorizzati





Libri e Guide su Lombardia

Storia della valle Brembana
Riceputi Felice, 2004, Corponove
Andar per rifugi. Vol. 2: Valle Brembana.
Benedetti Lucio, Carissoni Chiara, 1997, Junior
Alto milanese. E i capolavori del '500 lombardo. Ediz. italiana e inglese
2008, Touring
Feste sagre & mercatini in Lombardia
2007, Lozzi & Rossi
Ciaspole. 52 escursioni in Lombardia
Benedetti Lucio; Carissoni Chiara, 2008, Junior
Laghi lombardi e del Nord Italia
Teller Matthew; Ratcliffe Lucy, 2007, Vallardi Viaggi
Come eravamo. Anno '70. Linguaggi e protagonisti dell'arte in Lombardia
2008, Silvia
Lombardia. Itinerari golosi tra le Alpi e il Po
Bionda Debora; Vischi Carlo, 2007, Gribaudo
Giovanni da Milano. Capolavori del gotico fra Lombardia e Toscana
2008, Giunti Editore
Europeismo e federalismo in Lombardia dal Risorgimento all'Unione europea
2007, Il Mulino
Il grande libro dei misteri della Lombardia risolti e irrisolti
Crimi Federico; Facchetti Giulio M., 2008, Newton Compton
Lombardia. Tradizioni culturali e costumi nei luoghi della storia. Ediz. italiana e inglese
Ravanelli Renato, 2007, Grafica e Arte
L'incanto dei laghi lombardi dalle isole Borromee al Vittoriale
Marvulli Margherita, 2008, Ist. Poligrafico dello Stato
Lombardia rinascimentale
Balzarini M. Grazia; Monaco Tiziana, 2007, Jaca Book
Lombardia 1:200.000
2008, Tourin
Mountain bike in Lombardia e Canton Ticino. 62 itinerari fra Varese Mendrisio e Como
De Franco Luca; Gattoni Matteo, 2007, V-Sud
Milano e la Lombardia
2008, Michelin Italiana
Ottocento lombardo. Arti e decorazioni
2007, Skira
Prealpi lombarde. Itinerari per cresta
Martina Ercole, 2008, Nordpress
Antologia dei poeti italiani contemporanei. Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli
2006, Aletti