Gavardo guida e foto




Guida di Gavardo

Come arrivare a Gavardo

In auto:
Gavardo è raggiungibile con l'autostrada A4 Torino - Venezia con uscita a Brescia Est per poi proseguire sulla tangenziale direzione lago di Garda, con uscita a Gavardo.

In treno:
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Desenzano o Brescia. Proseguendo poi in autobus per la destinazione.

Gavardo non è una località "turistica", però, come si vede dalle foto, presenta degli scorci interessanti ed è situata a mezz'ora dal lago di Garda.








Gavardo cenni storici

Gavardo - ex MolinoReperti archeologici conservati nel Museo del paese attestano l'esistenza di insediamenti già in epoca preistorica.

Come tutta la zona è stata parte dell'Impero Romano ed ha subito le invasioni barbariche, a causa delle quali Gavardo è circondata dai resti di Castello-Ricetto.

Durante il medioevo il paese fu di proprietà ecclesiastica amministrato da un vescovo e per due secoli fu oggetto di scambio fra gli Sforza ed i Visconti e coinvolto nelle lotte intestine fra Guelfi e ghibellini.f

Nel 1440 Gavardo, come il basso Garda divenne territorio della Serenissima, con una grande autonomia  godendo da allora una certa prosperità e tranquillità dal punto di vista politico.

Dopo il periodo Napoleonico Gavardo, come il resto della Lombardia fece parte della Repubblica Cisalpina che nel 1797 unificava le province lombarde e cispadane adottando la bandiera tricolore prima anticipazione dell'Unità d'Italia che si realizzerà nel 1860.

Cosa vedere a Gavardo - Il Ponte e l'Isolo

Gavardo -  Il ponte visto dall'Isolo Gavardo da sempre una località importante per la sua posizione a metà strada fra il capoluogo, Brescia ed il Lago di Garda.

Di questo passato ruolo resta il Ponte che divide il paese in due, ponte romano purtroppo modificato per affrontare il traffico moderno che comprende pesantissimi TIR.

Dal ponte si scende nell'"Isolo" un piccolo parco alberato fra il corso del Chiese ed il canale "Naviglio", punto di incontro estivo per godere il fresco e per osservare la vita della colonia di germani ed altri uccelli acquatici che qui nidificano.



Cosa vedere a Gavardo - La parte antica

Gavardo -  Il Naviglio (Naèle) dal ponteGavardo che si è costruito una periferia di case e villette moderne, conserva un cuore antico, meta di turisti che dal lago di Garda (7 km) arrivano fino a qui per il mercato settimanale e per fotografare le case del 1200 in via Capoborgo, la passeggiata dell'ex molino ed i vicoletti che da Via Quarena si affacciano sul "Naele" alle postazioni delle Lavandaie di un secolo fa.

I più romantici trovano una certa somiglianza con Venezia, gli abitanti non si spingono a tanto, per modestia, ma certi scorci sono davvero caratteristici.

Cosa visitare a Gavardo - Le Chiese

La chiesa Parrocchiale di Gavardo dedicata ai Santi Filippo e Giacomo, patroni del paese, è affiancata da una torre campanaria.

Altre piccole ed antiche chiese, come San Rocco all'inizio del paese, la chiesa di Santa Maria  che contiene un prezioso organo, vari dipinti e statue in legno, tra cui un crocifisso cinquecentesco affiancano la chiesa parrocchiale nelle varie funzioni religiose, come le chiese delle varie frazioni di Soprazzocco, Sopraponte e delle varie località come Marzatica, Limone, Quarena, San Biagio e San Giacomo.




Cosa visitare a Gavardo - Il Centro storico

Il centro storico è costituito da due Piazze divise dalla strada principale che (venendo da Brescia) attraversa la caratteristica Via G. Quarena.

Su Piazza Zanardelli, seminascosto da un vecchio albero di tiglio, si trova l'edificio comunale che si fregia dello stemma con un Gattopardo rampante su fondo giallo e nero.

L'altra piazza, Piazza Marconi è ornata da portici medievali da entrambe i lati, portici bassi, accoglienti che sono la firma autografa dei paesi lombardi.

Queste piazze, fino a trent'anni fa, ospitavano il mercato del mercoledì ed erano il luogo dì incontro dei contadini ed agricoltori della zona per l'acquisto e la vendita di animali, contratti in cui la stretta di mano ed un bicchiere di vino rosso sostituivano il notaio.







Argomenti correlati




Libri e Guide su Lombardia

  Storia della valle Brembana
Riceputi Felice, 2004, Corponove
  Andar per rifugi. Vol. 2: Valle Brembana.
Benedetti Lucio, Carissoni Chiara, 1997, Junior
  Alto milanese. E i capolavori del '500 lombardo. Ediz. italiana e inglese
2008, Touring
  Feste sagre & mercatini in Lombardia
2007, Lozzi & Rossi
  Ciaspole. 52 escursioni in Lombardia
Benedetti Lucio; Carissoni Chiara, 2008, Junior
  Laghi lombardi e del Nord Italia
Teller Matthew; Ratcliffe Lucy, 2007, Vallardi Viaggi
  Come eravamo. Anno '70. Linguaggi e protagonisti dell'arte in Lombardia
2008, Silvia
  Lombardia. Itinerari golosi tra le Alpi e il Po
Bionda Debora; Vischi Carlo, 2007, Gribaudo
  Giovanni da Milano. Capolavori del gotico fra Lombardia e Toscana
2008, Giunti Editore
  Europeismo e federalismo in Lombardia dal Risorgimento all'Unione europea
2007, Il Mulino
  Il grande libro dei misteri della Lombardia risolti e irrisolti
Crimi Federico; Facchetti Giulio M., 2008, Newton Compton
  Lombardia. Tradizioni culturali e costumi nei luoghi della storia. Ediz. italiana e inglese
Ravanelli Renato, 2007, Grafica e Arte
  L'incanto dei laghi lombardi dalle isole Borromee al Vittoriale
Marvulli Margherita, 2008, Ist. Poligrafico dello Stato
  Lombardia rinascimentale
Balzarini M. Grazia; Monaco Tiziana, 2007, Jaca Book
  Lombardia 1:200.000
2008, Tourin
  Mountain bike in Lombardia e Canton Ticino. 62 itinerari fra Varese Mendrisio e Como
De Franco Luca; Gattoni Matteo, 2007, V-Sud
  Milano e la Lombardia
2008, Michelin Italiana
  Ottocento lombardo. Arti e decorazioni
2007, Skira
  Prealpi lombarde. Itinerari per cresta
Martina Ercole, 2008, Nordpress
  Antologia dei poeti italiani contemporanei. Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli
2006, Aletti