Chiesa santa Maria della Vittoria

Chiesa Santa Maria della Vittoria

Chiesa di Santa Maria della VittoriaSanta Maria della Vittoria è una piccola basilica barocca a Roma, in Via XX Settembre.

Costruita nel 1605 come cappella dedicata a San Paolo dai Carmelitani Scalzi, venne ingrandita e riconsacrata  alla Vergine Maria per celebrare la vittoria dei cattolici, nel novembre 1620, contro gli eretici Boemi.

L'immagine della Madonna fu ritrovata al Castello di Pilsen, uno dei luoghi del conflitto, da Padre Domenico di Gesù e Maria, cappellano maggiore dell'esercito.

La facciata, elaborata da Giovanni Battista Soria nel 1626 è a due ordini, di cui quello superiore con timpano arcuato coronato da un frontone triangolare.

La pianta interna a unica navata, con volta a botte e tre cappelle per lato, venne progettata e completata dall'architetto Carlo Maderno (1556-1629).

Le Cappelle, coronate da archi decorati con marmi, angeli e putti in stucco bianco e dorato, sono separate da colossali pilastri con dorati capitelli corinzi. 

La volta è stata affrescata nel 1675 con temi trionfanti incorniciati da finte cornici finte.

La Vergine Maria, che trionfa sulla Eresia e la Caduta degli Angeli Ribelli sono di Giovanni Domenico Cerrini (1675), autore anche dell 'Assunta in Gloria della cupola.
Santa maria della Vittoria - Estasi di Santa Teresa (Bernini) Cappella Cornaro
La Chiesa della Madonna della Vittoria, come tante chiese di Roma, conserva molte opere d'arte, ma qui è conservata una delle sculture più famose del Barocco: L'estasi di Santa Teresa, di Gian Lorenzo Bernini.

La scultura, in marmo ed in bronzo dorato, eseguita tra il 1647 ed il 1652, si trova nella Cappella Cornaro, a sinistra dell'altare e rappresenta un momento della vita, descritta da Santa Teresa d'Avila nella sua autobiografia, quando ebbe la visione vivida di un Angelo, che trafigge il suo cuore con un albero d'oro, provocando la sua immensa gioia, ma anche il suo dolore.

Il Bernini, in questo gruppo mistico - erotico, ha raggiunto il vertice della teatralità ed il limite estremo della dissolvenza della scultura in pittura.
arte_roma_012_s_maria_della_vittoria
Sulla volta della Cappella Cornaro vi è affrescata la Gloria dello Spirito Santo di Guidobaldo Abbatini e le altre cappelle e transetti sono trasformate in una galleria di splendide opere barocche a più mani.

Domenico Guidi
con il suo Sogno di Giuseppe è affiancato da rilievi di Pierre Etienne Monnot.

Ci sono dipinti di Guercino (Ss.Trinità), l'Apparizione di Cristo a S.Giovanni della Croce (1667) di Nicolas Lorrain, (autore anche della Morte di San Giovanni), il Martirio di San Sebastiano (1627) di Domenichino.

Nel coro dietro l'altare da non perdere il Rapimento di San Paolo al terzo cielo (1620) di Gherardo Delle Notti.




Come arrivare alla Chiesa di Santa Maria della Vittoria



Argomenti correlati




Libri e Guide su Lazio e Roma

  Museo dei Fori Imperiali. Mercati di Traiano. Guida. Ediz. italiana e inglese 
2008, Mondadori Electa
  Guida alle grandi famiglie che fecero Roma 
Majanlahti Anthony, 2007, Vallardi A.
  Isole. Guida vagabonda di Roma Lodoli Marco, 2008, Einaudi   Guida alle catacombe di Roma 
Mancinelli Fabrizio, 2007, Scala Group
  Colosseo. Guida breve. Ediz. italiana
2008, Mondadori Electa
  Guida archeologica di Roma 
2007, Mondadori Electa
  Roma e i suoi luoghi d'acqua.   Guida per giovani viaggiatori
Achinto Cristina; Valentinelli Alessandra, 2008
  Roma. Guida non conformista alla città
Abbate Fulvio, 2007, Cooper