homepage   Menu generale   cerca


Portale del Duomo





Guida di Teramo


Teramo come arrivare

Teramo è una cittadina millenaria, immersa nel verde delle colline che la circondano, sullo sfondo del Gran Sasso e dei monti della Laga, racchiude in sé tutto ciò che un visitatore ricerca in una città d’arte

In auto:
Da Roma: autostrada A24 Roma - Teramo con uscita al casello Teramo - Giulianova

In treno:
La stazione ad alta percorrenza più
vicina alla città e Giulianova. Da lì prendere il bus per Teramo.

In autobus:
Da tutte le città del centro Italia c'è un servizio di pullman per Teramo.


Teramo cenni storici

Il territorio di Teramo risulta popolato già in epoca protostorica, come viene documentato dalle tombe scoperte nei pressi della città. L'antico toponimo Interamnia Praetutiorum le deriva dall'essere posta alla confluenza (inter amnes) di due flumi, il Vezzola e il Tordino, nell'Ager Praetutianus abitato dalla tribù dei Pretuzi, dei quali era la capitale.
Elevata a municipio e colonia dei Romani, divenne uno dei più importanti centri della regione, come attestano la magnificenza del teatro e dell'anfiteatro.
Saccheggiata e distrutta durante le invasioni barbariche, ritorno al primitivo splendore dalla metà del XII secolo, sotto il regno degli Angioini.

Cosa vedere - Storia della Teramo antica

Teramo Corso CerulliNota nell’antichità come Interamnia Praetutiorum, capitale dei Praetutii, la città romana è in parte celata e in parte fruibile tra le vie della città moderna.

Sebbene siano gli edifici per lo spettacolo ad attrarre l’occhio del visitatore, tutta la città suscita emozioni grazie ai pregiati mosaici delle ville urbane, agli affreschi, alle piscine termali, alla basilica ed alla necropoli.

La necropoli di Interamnia costituisce un esempio unico, perché i monumenti sepolcrali sono ispirati all’architettura ellenistica e romana riproponendone la molteplicità tipologica.


Cosa vedere a Teramo - Domus del leone

Teramo Masaico della Domus del leone Portata alla luce dagli interventi di scavo del 1891, la villa rappresenta sicuramente una delle abitazioni private più lussuose di Interamnia. Dell’edificio si conserva l’atrio tetrastilo con pavimento a mosaici ed il tablinium con aperture che immettevano in altre stanze.

E’ proprio nel tablinium che si conserva un magnifico pavimento musivo che incornicia l’emblema con il leone realizzato con gusto delicato e colto, in un dinamismo che conferisce plasticità al corpo dell’animale.

Il lavoro, di gusto ellenistico, è stato probabilmente realizzato in bottega e poi incastonato nel pavimento della villa.

Cosa vedere a Teramo - La Cattedrale

Teramo - Duomo e CampanileEdificata nel 1158 e ampliata nel Trecento, dal Quattrocento è stata oggetto di diversi interventi e la facciata ha ancora  la parte più bassa in pietra della fase più antica.

Il bel portale del Trecento presenta, sulle colonnine esterne, le statue dell’Annunziata e dell’Angelo.

Sopra il grande Rosone, la copertura è coronata da merli ghibellini in mattoni.

Il campanile, iniziato nel XIII secolo, è staccato dal corpo della chiesa ed è opera del maestro lombardo Antonio di Lodi.

All’interno della basilica, dove le tre navate sono divise da colonne e pilastri a tutto sesto, sono conservati un bel paliotto d’argento di Nicola da Guardiagrele, il Polittico di S. Agostino (XV sec.) del veneziano Jacobello del Fiore, oltre a  testimonianze di alcuni affreschi del Quattrocento.

Nella chiesa sono conservate le Reliquie di S. Berardo, patrono della città.

Teramo - Teatro Romano e Anfiteatro

Teramo Teatro RomanoEdificato in età augustea (30-20 a.C), sebbene abbia subito delle manomissioni il Teatro Romano di Teramo resta sempre il più interessante dell’area picena.

Oggi sono visibili ben 24 pilastri della praecinctio a due ordini di arcate, 20 dei 22 muri radiali di sostegno e un vomitorio con resti di scale collegate al secondo ordine di gradinate che davano l’accesso al teatro.
L'Anfiteatro è posto stranamente addossato al Teatro e ne rimangono ampi tratti dei muri radiali e gli ingressi alla summa cavea.

La Valle delle Abbazie: natura, fede, emozioni. Un angolo dell’Abruzzo che fa bella mostra di sé con le sue Abbazie a testimonianza di una fede che viene da lontano, e dove pellegrini e visitatori trovano un’accoglienza genuina e familiare. Momenti per riconciliarsi con il proprio spirito, ma anche occasione per ammirare le molte attrazioni naturali, paesaggistiche, culturali e artistiche. Una pausa dalla frenesia quotidiana per gustare prelibatezze enogastronomiche e i buoni prodotti della generosa terra.

Tutto questo è la “ Valle delle Abbazie”, un territorio che si snoda lungo il fiume Vomano e l’affluente Mavone, e che comprende nove comuni della provincia di Teramo: Castel Castagna, Basciano, Penna Sant’Andrea, Cermignano, Cellino Attanasio, Canzano, Castellalto, Notaresco, Morro d’Oro.

Valle delle AbbazieDal mare Adriatico alla maestosità del Gran Sasso d’Italia, la Valle delle Abbazie propone un itinerario, percorribile anche in bici, a piedi e a cavallo, segnato dalle abbazie di Santa Maria di Propezzano, San Clemente al Vomano, San Salvatore e Santa Maria di Ronzano.

Giganti di pietra che accompagnano il turista e il visitatore fino al Santuario di San Gabriele dell’Addolorata, patrono d’Abruzzo.

Attraverso il portale www.valledelleabbazie.it  è possibile effettuare un tour virtuale delle abbazie e degli altri edifici religiosi della valle e visionare il videodocumentario realizzato dal regista Stefano Saverioni.
Il progetto "Valle delle Abbazie" è realizzato con il cofinanziamento della Regione Abruzzo a valere sulle risorse delle azioni autonome del progetto interregionale "Itinerari di Fede" ai sensi del c.5, art.55 L.135/2001 annualità 2005, 2007, 2008 e 2009.




Foto di Teramo






slideshow
slideshow





Panorama di Teramo
Panorama di Teramo





Torre della Cattedrale
Torre della Cattedrale





Portale del Duomo
Portale del Duomo





Foto Interno del Duomo
Interno del Duomo





Immagini Teramo, chiesa
 





Foto del Duomo di Teramo
Duomo





Foto Stazione
Stazione





Torri a Teramo
Torri





Teramo Piazza della Libertà
Piazza della Libertà





Foto Anfiteatro romano
Anfiteatro romano





Osservatorio astronomico di Teramo
Osservatorio astronomico





Porta Melatina
Porta Melatina





Porta Melatina
Porta Melatina





Città vecchia di Teramo
Città vecchia





Liberty a Teramo
Liberty a Teramo





Foto Porta Melatina Teramo
Porta Melatina





Chiesa di Sant'Anna
Sant'Anna





Teramo Dintorni anfiteatro
Dintorni anfiteatro





Foto del Castello della Monica di Teramo
Castello della Monica





Castello della Monica
Castello della Monica





Teramo Portici
Portici





Portici a Teramo
Portici


Link sponsorizzati





Libri e Guide su Abruzzo - Teramo

Atlante storico della città di Teramo Teramo d'altri tempi. Gli angoli più caratteristici della Teramo d'altri tempi nelle suggestive immagini delle cartoline illustrate d'epoca. Catalogo della mostra
Lungo la strada ferrata da Giulianova a Teramo. Note storiche ed anedottiche (rist. anast. 1927) Antonio Zacara da Teramo e il suo tempo
Abruzzo  Testimonia. Antologia rosa Teramo
Abruzzo in otto itinerari  Una fortezza scomparsa, la piazzaforte di Pescara tra memoria e oblio
A piedi in Abruzzo. Vol. 1  Atlante dei rettili d'Abruzzo 
Antica viabilità in Abruzzo  Gli eremi di Celestino V. 29 giorni a piedi e in treno attraverso Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Lazio
Leopold Gmelin. Studi sull'architettura dell'Abruzzo alla fine dell' 800 Sapore d'Abruzzo