foto Croazia Vodnjan




Guida di Vodnjan

Come arrivare a Vodnjan (Dignano)

Dignano d'Istria Dignano d'Istria si erge su di un altipiano che domina l'Istria meridionale ed è posta tra Pola e Rovigno.
In auto:
Da Trieste uscire dall'Autostrada A4 a Fernetti in Slovenia e da qui bisogna seguire le indicazioni per Kope, proseguendo sulla A9 (o B9) fino all'uscita per Vodnjan.

In nave:
Il modo piu comodo e veloce per raggiungere Vodnjan è il mare. Da Trieste, Venezia, Ancona, Cesenatico, partono traghetti ed aliscafi che in poche ore portano a Pola da dove proseguire per Vodnjan pochi km a nord.

In treno e autobus:
Il treno come mezzo di trasporto per andare dall'Italia in Croazia è valido solo per arrivare fino a Trieste e proseguire poi in autobus.
Non esiste una linea ferroviaria lungo la costa, ma tutti i porti hanno collegamenti ferroviari con l'entroterra il che rende possibile l'arrivo in treno in altre località, ma lo spostamento da una località all'altra è troppo lungo e complicato.

Vodnjan (Dignano d'Istria), cenni storici

Dignano d'Istria - Piazza del PopoloDignano ha avuto origini lontane, la tradizione vuole che l'attuale Dignano sia il risultato dell'unione di sette ville, facenti parte dell'agro di Pola.

Il nome di Dignano proviene dal latino "Attinianum", in seguito trasformatosi in "Adignano".

Fu agro romano ed era congiunto alla via Flavia, la strada imperiale fatta costruire da Vespasiano, che da Pola andava a Valle (Balle) passando per Gallesano e Dignano.

La strada consolare che arriva a Dignano ancora oggi è chiamata "strada romana".

Dopo lo sfascio dell'Impero Romano d'Occidente, sia sotto gli Ostrogoti che sotto i Bizantini, Dignano visse la sua epoca d'oro, come testimonino le opere d'arte lasciate nei castelli e nelle chiese.

Vodnjan (Dignano d'Istria) ancora storia

Solo nel 751 Dignano subì la prima devastazione e fu distrutta, con le altre località vicine, dai Longobardi guidati da re Astolfo.

Nel 788 arrivarono i Franchi di Carlo Magno ed in seguito Dignano venne sottomessa ai vescovi di Parenzo, ma nel XIII secolo si offrì a Venezia che, nel 1382, le concesse l'autonomia comunale.

Nel 1413 Dignano d'Istria fu distrutta dagli ungheresi, ma fino al 1797, data del Trattato di Campoformio, seguì le sorti della Serenissima, occupata dai Francesi prima e annessa stabilmente all'Impero Austro Ungarico poi fino al 1918.

Nel 1915 i Dignanesi furono internati in un campo di concentramento in Stiria, da dove ritornarono nel 1918 rimanendo la città parte del Regno d'Italia.

Dopo la seconda Guerra Mondiale, nel 1945, la città fu occupata dagli slavi, dei 7 mila di Dignano, 6 mila scelsero la strada dell'esilio.

Cosa vedere a Vodnjan - Le bumbarelle

Dignano d'IstriaDignano d'Istria è il centro piu vivo e tradizionale di un folklore che si ricollega a quello abruzzese e calabrese.

Forte è la presenza di popolazione autoctona dalle radici millenarie, i Bumbari, popolazione che tramanda il suo antico idioma istroromanzo e istroveneto nonché, attraverso un ricco folclore locale, i preziosi policromi costumi, le acconciature ornate, le secolari tradizioni di canto e di danza.

I costumi delle "bumbarelle" vengono passati da madre in figlia, arricchiti da splendidi gioielli tra cui spilloni e pettini per acconciature elaborate, collane, anelli ed i tipici "piroli", ovvero degli orecchini pendenti.






Cosa vedere a Vodnjan - Il Castello

Nel XIII e XIV secolo Dignano viveva dei redditi del proprio territorio e cioè producendo legna da ardere, bestiame, granaglie, un ottimo olio e vino.

Nel borgo veniva esercitata l'arte della lana e si producevano panni grezzi, detti "rasse" che venivano venduti anche fuori del territorio.

Questa ricchezza veniva protetta da un importante corpo di cavalleria e dalla valente truppa locale detta "cernida" che nel periodo veneto aveva sede nel Castello di Dignano ora abbattuto.

La città ha conservato il suo particolare aspetto medioevale con campielli e strette calli incuneate nelle case.

Cosa vedere a Vodnjan Piazza del Popolo

Dignano d'Istria - Piazza del PopoloDignano d'Istria - Centro storicoL'architettura di Dignano d'Istria è fortemente veneziana nel suo centro storico che si snoda sulla via Calnova, Percorsa la via delle Mercerie, la piu lunga dell'Istria, che presenta case antiche e tre interessanti chiesette, si sfocia nella piazza centrale dove si ergeva il castello (demolito nel 1808 )che converge verso la bella Piazza Castello, ora P.za del Popolo.

La piazza è delimitata dal neogotico Palazzo Comunale (1911) e dal Palazzo Bradamante, sede dell'attiva Comunità degli Italiani.

attraversando la città si incontrano antichi palazzi presentano le bifore, gli eleganti balconi, gli stemmi tipici del gotico veneziano, tutti un po' in disarmo, anche se in questi ultimi anni, la città sta riprendendo la sua impronta nobile, restaurando e riselciando le "cali" storiche e cercando di combattere il degrado che aveva colpito molti dei suoi storici ed eleganti palazzi.

Cosa vedere a Vodnjan - Il Duomo

Dignano d'Istria - DuomoIl Duomo, dedicato a S. Biagio, consacrato nel 1800, conserva numerose opere di valore artistico e culturale, domina, con la sua importante mole l'omonima piazza.

Il bel campanile del Duomo è alto ben 63 metri.

All'interno del Duomo si trovano importanti opere d'arte come la custodia in bassorilievo del 1451, sculture lignee e dipinti, che vanno dal XIV al XVIII secolo tra cui "quattro scene della vita del beato Leone Bembo", tavola di scuola veneta del 1321 e, a destra, un polittico con scene analoghe di L. Bastiani.

La chiesa, oltre a numerosi altari barocchi, possiede un ricco museo che ospita una  collezione di arti sacre, numerose reliquie, i reliquiari di Murano, gli arredi sacri e i preziosi libri antichj.

Nella cripta sono custodite le mummie di tre santi, i "Corpi Santi incorrotti".

Cosa vedere a Vodnjan

Palazzo BetticaL’antica Attinianum era ristretta entro i limiti dell’odierna Piazza del popolo.

Al centro della piazza si ergeva il castello.

Il luogo era irregolare nella forma ed aveva tre porte che permettevano l’accesso al castello ed alla piazza: una si apriva verso le Mercerie, un’altra portava alla Contrada del Forno Grande e la terza era posta sul punto di unione delle contrade Portarol e Duomo.

Nel 1808 per ingrandire la piazza l’antico castello venne demolito e con le sue pietre selciate le vie circostanti.

Nelle vicinanze si può fotografare iil gotico palazzo veneto della nobile famiglia Bettica del XV secolo, recentemente restaurato che in futuro sarà adibito a museo etnografico.








Argomenti correlati




Foto Vodnjan - Croazia

slideshow
slideshow croazia vodnjan foto 86

croazia vodnjan foto 87

croazia vodnjan foto 88

croazia vodnjan foto 89

croazia vodnjan foto 90

croazia vodnjan foto 91

croazia vodnjan foto 92

croazia vodnjan foto 93

croazia vodnjan foto 94

croazia vodnjan foto 95

croazia vodnjan foto 96

croazia vodnjan foto 97

croazia vodnjan foto 98

croazia vodnjan foto 99

croazia vodnjan foto 100

croazia vodnjan foto 102

croazia vodnjan foto 103

croazia vodnjan foto 104

croazia vodnjan foto 105

croazia vodnjan foto 106




Libri e Guide sulla Croazia e l'Istria

  Istria. Croazia del nord
2009, White Star
  Croazia. Storia nazionale e vocazione europea
Steindorff Ludwig, 2008, Beit
  L'imprinting dell'Istria
Stanich Roberto, 2009, Lampi di Stampa
  Croazia
2009, Boroli Editore
  Il pensiero e l'opera di Dora d'Istria fra Oriente europeo e Italia
D'Alessandri Antonio, 2007, Gangemi
  Croazia
McKelvie Robin, 2009, Morellini
  Glossario del dialetto veneziano di terraferma. Provincia nord-orientale di Venezia, Destra Piave Trevigiana, Pordenone, Istria, Dalmazia
Zambon Oscar, 2009, Vianello Libri
  Croazia. Carta stradale e guida turistica. 1:200.000
2009, De Agostini
  Italia camping & village 2008. Guida dei campeggi, villaggi e bungalows in Italia, Corsica e Istria
2008, Editoriale Franco Lozzi
  Croazia
Maric Vesna, Mutic Anja, 2009, EDT
  L'Istria e la minoranza italiana nella crisi jugoslava (1974-1994)
Anderini Sabina, 2006, Prospettiva Editrice
  Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Serbia e Montenegro, Albania, Macedonia
2008, Touring