foto di maschere del carnevale per sfondi


Immagini di maschere da carnevale

slideshow
slideshow


(pubblicita' VI F1)



(pubblicita' ads F2)



(pubblicita' VI F3)



(pubblicita' VI F4)



(pubblicita' ads F5)








(pubblicita' VI AF)


Curiosità su Maschere carnevale

Curiosità sulle maschere

Esiste un animale, la pitecia dalla faccia bianca (Pithecia pithecia), che con la maschera ci è nato.

Difficile che i maschi della scimmia saki passino inosservati. Il loro faccione candido, infatti, risalta tra gli alberi della foresta amazzonica, dove vivono, attirando gli sguardi attenti delle femmine, che sono prive di questa "maschera". Il loro motto è "vivi e lascia vivere" e pur di non bisticciare con i vicini, optano per un menù tuttoparticolare: si nutrono di frutti acerbi, che gli altri animali - ghiotti invece di frutta matura - scartano.

Nell'isola di Nuova Irlanda, in Papua Nuova Guinea, i cari scomparsi non si commemorano con lapidi e corone di fiori. Ma con maschere di legno intagliate a mano, chiamate malagan. Per ogni parente o amico scomparso gli uomini del posto realizzano una maschera dai tratti antropomorfi, animaleschi (serpenti, coccodrilli, maiali, cani, pesci) o simbolici (Sole, Luna). E all'alba di un giorno concordato, tutto il villaggio si ritrova in riva al mare per danzare e mostrare pubblicamente il risultato di tanto lavoro: tra un ballo e l'altro le maschere vengono radunate in un edificio, la "casa dei malagan", e sfoggiate con orgoglio davanti all'intera comunità.

Ad Huaca Pucllana, Lima (Perù) gli archeologi hanno rinvenuto una grande maschera con occhi blu, naso aquilino e labbra sottili. Si tratta di una maschera funeraria, che appartiene ad una mummia di donna, risalente a 1300 anni fa e perfettamente conservata. Secondo gli esperti la donna, ribattezzata “la signora della maschera”, apparteneva alla civiltà Wari, fiorita in Perù prima degli Inca, tra il 600 e il 1100 dopo Cristo. E probabilmente apparteneva a un ceto alto: poche mummie possono "vantare" una maschera così accuratamente lavorata! Nella tomba, probabilmente sfuggita ai furti dei tombaroli, c’erano anche ceramiche e tessuti. Pare infatti che la nobildonna, per ingannare il tempo, facesse la tessitrice.



CONTENUTI SIMILI

(pubblicita' VI CP)